MO.S.E.
Le paratoie di Lido San Nicolò
ITALIA
14.11.19 - 15:020

Acqua alta a Venezia: «In questo momento il MO.S.E. non si può alzare»

Perché le paratie già esistenti non sono state azionate per difendere la città? Il commissario responsabile lo spiega al Corriere della Sera. La barriera non sarà pronta prima di fine 2021

di Redazione

VENEZIA - Dopo che, tra martedì e mercoledì, Venezia è stata sommersa da un’acqua alta da record (187 cm sul medio mare), in molti si sono chiesti che fine abbia fatto il MO.S.E. e perché le paratie mobili che dovrebbero proteggere la città - che sono in fase di test e lontane dal collaudo - non siano state alzate in via del tutto eccezionale.

A rispondere a tali quesiti in un’intervista concessa al Corriere della Sera è il commissario tecnico Francesco Ossola, ingegnere e docente al Politecnico di Torino: «In questo momento il MO.S.E. non si può alzare per difendere Venezia dall’acqua alta. Nel 2019 erano previsti solo dei test di sollevamento che stiamo svolgendo», spiega il responsabile. 

Ma il problema non è tanto il cronoprogramma. Come sottolinea Ossola, infatti, bisogna ancora eseguire la taratura delle parti meccaniche e del software che permette alle paratie mobili di rispondere alle sollecitazioni del mare. In casi di vento forte e mare mosso come quelli di martedì, insomma, adesso come adesso le strutture rischierebbero danni così come la città. L'onda, infatti, potrebbe scavalcare il MO.S.E e riversarsi improvvisamente in laguna.

Un’altra difficoltà, continua l’ingegnere, è che per ogni singolo sollevamento delle dighe mobili è necessaria l’approvazione della Capitaneria di porto: le paratie si trovano infatti in corrispondenza delle bocche di porto, con passaggio di molte imbarcazioni. Per azionarle , infine, manca il personale: «Per alzarle in modalità manuale servono quattro squadre, una per ogni schiera, di una ventina di persone ciascuna. Noi ne abbiamo una, per ora, che serve per i test».

Mancano tecnici formati, insomma, una cabina di regia che coordini le diverse autorità competenti e svariate altre prove: «Ribadisco la data di consegna prevista, che è il 31 dicembre 2021, dopo il collaudo», afferma Ossola.

Il MO.S.E. consiste in una serie di paratie mobili posizionate alle tre bocche di porto che collegano la Laguna di Venezia al mare. Il loro scopo è chiudere temporaneamente la Laguna isolandola dall'Adriatico in caso di maree importanti. Consistono in strutture scatolari di metallo normalmente piene d’acqua e adagiate sul fondo che, in caso di bisogno, vengono svuotate riempiendosi di aria e si sollevano ruotando su dei cardini a formare una diga. Iniziato nel 2003, il progetto ha conosciuto alcune battute d’arresto, in particolare nel 2014, con l’avvio di un’inchiesta anticorruzione.   

Commenti
 
Monello 3 sett fa su tio
..tanto bella l italia ...e lasciata in mano a questi incapaci ...mi dispiace veramente per il popolo italiano !!
Yoebar 3 sett fa su tio
Non finiranno nemmeno i lavori perché non ci saranno più i soldi, a, però, forse la Svizzera contribuirà a terminare i lavori, come con la ferrovia.
GI 3 sett fa su tio
al momento opportuno non troveranno il pulsante....
neuropoli 3 sett fa su tio
poi ci sarà il collaudo e non funzionerà niente.
francox 3 sett fa su tio
2003-2019. Come diceva il buon Gaber, peggio che da noi solo in Uganda.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
5 min
Ad Alitalia arriva il super-commissario esperto in fallimenti
Giuseppe Leogrande ha ricoperto lo stesso ruolo già in diverse aziende. In partenza Enrico Laghi, Stefano Paleari e Daniele Discepolo
FOTO
GERMANIA / POLONIA
1 ora
Merkel ad Auschwitz: «Non bisogna mai dimenticare»
La cancelliera tedesca ha visitato per la prima volta il campo di sterminio nazista: «Provo una vergogna profonda per i crimini barbari che sono stati commessi qui»
FOTO
SPAGNA
1 ora
«Un anno di scioperi, ma nulla è cambiato»
È una Greta Thunberg delusa ma non rassegnata quella che ha parlato da Madrid, dove è in corso la Conferenza sul Clima: «Non c'è una soluzione sostenibile»
REGNO UNITO
3 ore
Stupratore e pedofilo seriale, condannato "l'orco di Harrow"
Joseph McCann è stato riconosciuto colpevole di 37 episodi criminali
FOCUS
5 ore
La «sporca decina»: quei crimini contro l'ambiente
Alcuni dei più gravi incidenti che hanno ferito mortalmente Madre Natura e, quindi, la salute pubblica. Colpe e conseguenze dei più grandi disastri ambientali
SLOVACCHIA
5 ore
Esplosione in un condominio, i morti sono almeno cinque
È successo a Presov a causa di una fuga di gas. Alcuni inquilini sarebbero intrappolati sul tetto dell'edificio, che rischia di crollare
AUSTRALIA
6 ore
Il cielo di Sydney è "in fiamme": siccità, venti e incendi dolosi
Nella capitale del Nuovo Galles del Sud è emergenza, così come nei territori circostanti
REGNO UNITO
8 ore
Grenfell Tower, lascia la comandante dei pompieri di Londra
Il primo rapporto ha puntato il dito contro «la grave impreparazione» mostrata dai vigili del fuoco
FOTO
SPAGNA
11 ore
Greta è arrivata a Madrid
La giovane attivista parteciperà allo sciopero globale per il clima che partirà dalla stazione Atocha
REGNO UNITO
13 ore
Tutte quelle tasse che Amazon & Co. non pagano
I colossi dell'hi-tech sono cinture nere della “finanza creativa“. Ma l'Unione Europea e il Regno Unito vogliono che le cose cambino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile