Keystone
BOLIVIA
10.11.19 - 14:360
Aggiornamento : 15:18

Dopo le proteste, Morales annuncia nuove elezioni

«Permetteranno al popolo boliviano di eleggere democraticamente nuove autorità», ha detto il presidente

SUCRE - Alle prese con violente proteste di piazza, il presidente della Bolivia Evo Morales ha annunciato oggi la convocazione di nuove elezioni presidenziali, dopo il contestato voto del 20 ottobre.

«Nuove elezioni permetteranno al popolo boliviano di eleggere democraticamente nuove autorità», ha detto Morales in una conferenza stampa a El Alto, vicino a La Paz, aggiungendo di voler cambiare anche i membri del Tribunale elettorale supremo (Tse).

Morales ha infine precisato che «nelle prossime ore» il Parlamento, d'accordo con tutte le forze politiche, stabilirà le procedure per rinnovare l'insieme dei membri del Tse.

Poco prima del suo annuncio, l'Organizzazione degli Stati Americani (Osa) aveva chiesto in un comunicato di «annullare» il primo turno delle presidenziali «a causa della gravità delle denunce e delle analisi relative al processo elettorale» e di indire una nuova consultazione non appena ci saranno «nuove garanzie per la sua celebrazione», compreso appunto un nuovo organismo elettorale.

Stanotte, Morales aveva denunciato l'esistenza di un piano di golpe fascista in relazione agli incendi appiccati alla casa dei governatori di Chuquisaca ed Oruro e di sua sorella.

Via Twitter, Morales ha anche condannato l'attacco «codardo e selvaggio», «nello stile delle dittature militari», alla radio della Confederazione sindacale unica dei lavoratori contadini della Bolivia.

Il capo dello Stato ha anche rivelato che «gruppi organizzati» hanno preso il controllo dei media statali Bolivia Tv (Btv) e Red Patria Nueva (Rpn). «Dopo aver minacciato ed intimorito i giornalisti - ha concluso - li hanno obbligati ad abbandonare il lavoro».

Morales: «Non so se mi candido» - Il presidente boliviano Evo Morales ha detto di non sapere se si candiderà nelle nuove elezioni convocate oggi in Bolivia, limitandosi a sottolineare che «la mia gestione termina il 22 gennaio 2020».

In un'intervista con Radio Panamericana di La Paz, il capo dello Stato ha sottolineato che «indire nuove elezioni significa mettere fine a qualsiasi mobilitazione, e che si sospendano gli scioperi ed i blocchi».

L'Organizzazione degli Stati americani (Osa) ha pubblicato oggi un rapporto preliminare sul processo elettorale svoltosi in Bolivia il 20 ottobre scorso in cui si raccomanda di convocare nuove elezioni sotto la responsabilità di un rinnovato Tribunale supremo elettorale (Tse).

Il documento indica che tenendo conto delle proiezioni statistiche, risulta possibile che il candidato Evo Morales sia al primo posto e che il candidato Carlos Mesa abbia il secondo. Tuttavia risulta improbabile statisticamente che Morales abbia ottenuto il 10% di differenza per evitare un ballottaggio.

L'équipe che ha svolto l'auditing - dice poi il rapporto - non può convalidare i risultati della presente elezione, per cui raccomanda un altro processo di voto con nuove autorità elettorali.

L'Osa:«Il voto del 20 ottobre è stato fortemente viziato» - L'Organizzazione degli Stati americani (Osa) ha pubblicato oggi un rapporto preliminare sul processo elettorale svoltosi in Bolivia il 20 ottobre scorso in cui si raccomanda di convocare nuove elezioni sotto la responsabilità di un rinnovato Tribunale supremo elettorale (Tse).

Il documento, riferisce l'agenzia di stampa statale Abi, «indica che tenendo conto delle proiezioni statistiche, risulta possibile che il candidato (Evo) Morales sia al primo posto e che il candidato Carlos Mesa abbia il secondo. Tuttavia risulta improbabile statisticamente che Morales abbia ottenuto il 10% di differenza per evitare un ballottaggio».

«L'équipe che ha svolto l'auditing - dice poi il rapporto - non può convalidare i risultati della presente elezione, per cui raccomanda un altro processo di voto con nuove autorità elettorali».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISRAELE
1 ora
La zia di Eitan è in Israele: «Vogliamo riportarlo a casa al più presto»
La donna sarà anche un testimone chiave del procedimento aperto a Tel Aviv, in Italia incriminata una terza persona
FOTO
SPAGNA
2 ore
Così nasce un nuovo vulcano
Scosse, fumo e lapilli per il più giovane vulcano di Spagna. Per ora evacuata solo la popolazione a mobilità ridotta
FOTO
FRANCIA
3 ore
Sulla fune, sopra la Senna fino alla Tour Eiffel
L'impresa spettacolare del funambolo Nathan Paulin per 600 metri in equilibrio a 70 metri dal suolo
FOTO
STATI UNITI
4 ore
In California gli incendi inarrestabili ora minacciano anche le sequoie
In fiamme da agosto, le foreste californiane non sono mai state così martoriate: «È una cosa che ti spezza il cuore»
AUSTRALIA
8 ore
90 miliardi in sottomarini, Francia umiliata e Cina sul chi vive: ecco cos'è l'accordo Aukus
Gli ultimi strascichi di una crisi più strategica che economica e di cui di sicuro sentiremo ancora parlare
STATI UNITI
11 ore
Rientrati sulla Terra i primi 4 turisti SpaceX
L'ammaraggio è avvenuto questa notte al largo della Florida
AFGHANISTAN
20 ore
Bombe e morti, torna l'ombra dell'Isis sull'Afghanistan
Sono almeno tre gli ordigni esplosi a Jalalabad. Il ritorno dell'Isis dopo il ritiro degli Stati Uniti?
STATI UNITI
22 ore
Miliardario colpevole di omicidio (dopo vent'anni)
Nel 1982 aveva ucciso la prima moglie. E nel 2000 la donna che l'aveva aiutato a coprire le tracce
PAESI BASSI
23 ore
Cani nel mirino dei malviventi
Il fenomeno si riscontra nei Paesi Bassi, dove le autorità invitano i proprietari a tenere d'occhio i quadrupedi
STATI UNITI
1 gior
Un flop a Capitol Hill
La destra americana si ritrova a sostegno degli assalitori del Congresso. Ma sono in pochi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile