Keystone
HONG KONG
23.10.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:56

La testimonianza di un ticinese ad Hong Kong: «La città è irriconoscibile»

La gente locale ha paura, è esasperata e teme per il proprio futuro. «L’economia è ferma»

HONG KONG - La situazione di Hong Kong non accenna a placarsi, e gli interventi della forze dell’ordine si fanno sempre più importanti. A scatenare le proteste la scorsa primavera era stata la legge sull’estradizione, che nel frattempo è stata ritirata. Eppure gli scontri proseguono. 

Abbiamo sentito il ticinese L.F., che da molti anni si reca regolarmente ad Hong Kong per lavoro, per farci raccontare l’atmosfera che si respira in questo periodo di tensione. 

Com’è la situazione attuale ad Hong Kong? 
«La città è irriconoscibile, e la gente locale ha paura di ciò che sta succedendo. È questa la cosa che mi ha maggiormente colpito, e di cui non si parla abbastanza sui media occidentali. Le manifestazioni, anche violente, proseguono ad oltranza, e la popolazione non si sente al sicuro. C’è l’esercito cinese al confine». 

Come è cambiata la città?
«Non sembra di trovarsi ad Hong Kong. Le vie sono quasi vuote, quando solitamente sono invase dal traffico. Nei ristoranti c’è poca gente, così come nei centri commerciali. Le persone locali hanno paura ad uscire, e i turisti sono spaventati. L’economia è ferma». 

Ci sono stati momenti in cui hai avuto paura? 
«No, non mi sono mai sentito in pericolo e la città è sicura. La polizia mette in sicurezza tutte le zone pericolose dove avvengono i disordini. I controlli di polizia sono stati intensificati anche in aeroporto: invece delle solite cinque entrate ce n’è solo una, super sorvegliata. Così anche all’uscita. E a causa degli scontri spesso i mezzi pubblici vengono fermati, e taxi rimangono l’unica alternativa». 

Hai vissuto da vicino momenti di tensione? 
«Una volta stavo per prendere la metro e la polizia ci ha fermati, perché avevano appena buttato una bomba carta in una stazione della metropolitana. Le forze dell’ordine ci hanno fatto prendere il bus, gratuitamente. Un’altra volta le proteste erano vicine al mio ufficio, e ho notato che il divieto di coprirsi il volto non è stato rispettato praticamente da nessuno. La zona in pochi minuti è diventata deserta, ma fortunatamente non ci sono state conseguenze». 

Le proteste sono appoggiate dai cittadini? 
«No. È un piccolo gruppo quello che protesta, e che sta tenendo in scacco tutta la città. La gente comune è preoccupata per il futuro, per cosa porteranno questi scontri continui e per l’eventuale intervento della Cina. Ed è esasperata. Il fatto che i manifestanti facciano dei danni non è comprensibile per la popolazione. Sui giornali si legge sempre e solo dei manifestanti e della polizia, dimenticando la realtà della gente locale. È la popolazione che ne subirà le conseguenze, indifferentemente da come andrà a finire».

Hai avuto modo di confrontarti con le persone del luogo. Una cosa che ti ha particolarmente colpito?
«Quando stavo per partire la mia segretaria di Hong Kong mi ha parlato della situazione attuale, e piangeva. La situazione per gli abitanti non è facile. E lo dimostrano anche i messaggi che ricevevo da amici e colleghi, sempre di Hong Kong, che terminavano spesso con la frase “God Save Hong Kong”». 

In questo viaggio di lavoro ti sei recato anche in Cina. Qual è la loro percezione riguardo alle tensioni di Hong Kong?
«Loro sono convinti che i manifestanti siano aizzati e guidati dall’esterno, e che le proteste non siano nate all’interno di Hong Kong. Anche loro non concepiscono il fatto che i manifestanti provochino dei danni». 

Ti sei già confrontato con situazioni simili ad Hong Kong? 
«A livello di proteste e intervento delle forze dell’ordine no, e sono 30 anni che mi reco ad Hong Kong per lavoro. Avevo già visto la città semi deserta quando c’era stata la Sars, ma questa è una situazione diversa». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
8 ore
Lanciata Crew Dragon, Gli Usa riportano gli uomini in orbita
La capsula sta portando verso la Stazione Spaziale i veterani della Nasa Doug Hurley e Bob Behnken
FOTOGALLERY
STATI UNITI
9 ore
Afroamericano morto, la protesta infiamma l'America
Oltre agli incendi e gli arresti ci sono anche due morti, un agente e un giovane di 19 anni
ITALIA
12 ore
In Lombardia calano i contagi ma aumentano i morti
I casi in più sono 221. I decessi invece 67
STATI UNITI
13 ore
SpaceX: lancio previsto stasera, nonostante il rischio di maltempo
Se ci fosse un nuovo rinvio, si potrà tentare nuovamente alle 21 di domani
STATI UNITI
13 ore
Minneapolis: la moglie dell'agente incriminato vuole il divorzio
È stato arrestato e ha perso il lavoro. Ora il poliziotto, accusato di omicidio, è stato anche lasciato dalla moglie
GIAPPONE
15 ore
Coronavirus: il Giappone teme per una seconda ondata
Lo stato d'emergenza è stato revocato solo pochi giorni fa.
REGNO UNITO / STATI UNITI
16 ore
G7 durante la pandemia: Boris Johnson ci sarà
Angela Merkel ha invece declinato l'invito di Trump a causa dell'attuale situazione legata al Covid-19.
STATI UNITI
19 ore
Stati Uniti in fiamme per la morte di George Floyd
È ancora in corso una notte di scontri in diverse città. Un 19enne ucciso a Denver.
MONDO
20 ore
America latina verso il milione di contagi
Quest'area del mondo si sta avvicinando al picco della pandemia. Molti i Paesi con più di 5mila casi.
STATI UNITI
21 ore
Afroamericano ucciso a Minneapolis: la rabbia arriva fino alla Casa Bianca
Scontri tra manifestanti e forze di sicurezza a Washington. Un 19enne ucciso a Detroit.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile