KEYSTONE
Il saluto militare fatto dai nazionali turchi.
TURCHIA
15.10.19 - 21:250

Nazionali turchi e saluto militare: quando la politica irrompe nello sport

I calciatori hanno scatenato un'ondata di polemiche, ma non tutti gli sportivi d'élite turchi stanno con Erdogan

ANKARA - Fa sempre più discutere il saluto militare dei giocatori della nazionale di calcio della Turchia.

La questione ormai è uscita dall'ambito sportivo ed è diventato un tema di scontro politico. Lunedì sera allo Stade de France di Parigi il gol turco contro la Francia è stato festeggiato dai calciatori proprio come contro l'Albania, con un gesto - poi ripetuto - che dimostra come la squadra sostenga l'offensiva scatenata nel nord della Siria dal presidente Recep Tayyip Erdogan.

Sugli spalti c'era la ministra dello Sport Roxana Maranineanu, che non ha nascosto la sua rabbia: il saluto militare, ha twittato, è «contrario allo spirito sportivo» e ha rovinato il clima festoso che si respirava a Parigi, così diverso dai timori di incidenti della vigilia. Ora la Uefa dovrebbe comminare «una sanzione esemplare» alla Turchia, ha aggiunto.

In molti chiedono la revoca della prossima finale della Champions League, in programma il 30 maggio 2020 a Istanbul. Tra di essi c'è il ministro dello Sport italiano Vincenzo Spadafora, che a tal proposito ha scritto alla Uefa. Quest'ultima non è rimasta indifferente davanti al comportamento dei giocatori, e ha aperto un'inchiesta, nominando un commissario "etico e disciplinare". Le provocazioni politiche sono infatti vietate dal regolamento.

Il centrocampista Hakan Calhanoglu getta acqua sul fuoco: «La politica è un’altra cosa. Noi siamo giocatori, siamo qui per giocare. Siamo con la nostra nazione al 100%, anche nelle difficoltà». Lo sport turco, però, non è schierato al 100% con Erdogan. Due tra gli atleti più celebri del Paese sono infatti fieri oppositori delle politiche del presidente: uno è Hakan Şükür, ex bomber di quella stessa Nazionale oggi nell'occhio del ciclone. «La mia è una lotta per la libertà» ha più volte dichiarato. L'altro è Enes Kanter, giocatore di basket nella Nba che è stato minacciato di morte innumerevoli volte, si è visto revocare il passaporto e finire nei guai la sua intera famiglia. Non per questo ha deciso di fare marcia indietro: «La libertà non è gratuita».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
1 ora
Una campagna nazionale contro i gatti selvatici
Gli animali sono «responsabili dell'uccisione di un miliardo di animali nativi ogni anno in tutta Australia, fra cui 459 milioni di mammiferi nativi»
FRANCIA
3 ore
Quando le onde portano... la droga
Pacchi pieni di sostanze stupefacenti approdano da parecchie settimane sulle coste francesi, le autorità stanno indagando sul perché
AUSTRALIA
11 ore
Qantas punta all’aviazione sostenibile
La compagnia australiana intende arrivare a zero emissioni entro il 2050
ARGENTINA
13 ore
Bambina di dieci anni incinta del fratello
A causa di dolori alla schiena e alla pancia, ha appreso di essere all'ottavo mese di una gravidanza. Sarebbe stata violentata
POLONIA
15 ore
Bruciata la bandiera dell'Unione europea
È accaduto durante la Marcia indetta a Varsavia da varie organizzazioni nazionaliste radicali polacche in occasione della Festa dell'indipendenza
CINA
16 ore
Alibaba, shopping dei "singoli" da record: 38,37 miliardi di franchi
Ci sono voluti appena 68 secondi per raggiungere un miliardo di dollari di spesa
STATI UNITI
16 ore
Fabbricare bambini 'su misura', gli esperti insorgono
Una start up statunitense ha iniziato ad offrire un test genetico per individuare l'embrione migliore
ITALIA
16 ore
Dai diamanti delle Alpi nuovi indizi sull'origine della vita
Lo testimonia lo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications da Maria Luce Frezzotti, geologa dell'Università di Milano-Bicocca
REGNO UNITO
17 ore
Clima: Australia maglia nera, ma nessun Paese G20 in linea con gli obiettivi
I ricercatori spiegano che è possibile mettere in atto interventi per una maggiore ambizione climatica
BRASILE
18 ore
La chiazza di petrolio raggiunge il centro per le tartarughe di Linhares
Dopo essersi diffusa nei nove Stati nord-orientali la sostanza inquinante avanza nella regione sud-orientale verso sud
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile