Keystone
Dall'alto, da sinistra a destra, prima fila: Oriol Junqueras, Joaquim Forn, Raül Romeva, Jordi Turull, Josep Rull, Jordi Sànchez. Seconda fila: Carles Mundó, Carme Forcadell, Meritxell Borràs, Dolors Bassa, Santiago Vila e Jordi Cuixart.
SPAGNA
14.10.19 - 10:040
Aggiornamento : 15:21

Catalogna: da 9 a 13 anni di carcere per i leader indipendentisti

Puigdemont: «Bisogna reagire come mai prima d'ora». La polizia si prepara. Manifestazioni previste anche in Svizzera. Sanchez: «Ora una nuova pagina»

MADRID - Pene dai 9 ai 13 anni di carcere sono state inflitte dalla Corte suprema spagnola a 12 leader indipendentisti catalani, fra cui l'ex vicepresidente della Generalitat, Oriol Junqueras, che sono stati riconosciuti colpevoli di sedizione e appropriazione indebita.

Lo scrivono i media spagnoli e internazionali, fra cui El País. Non sarebbe quindi stata provata la colpevolezza per il reato più grave di ribellione, per il quale l'accusa aveva chiesto 25 anni.

«100 anni di prigione in totale. Una barbarie. Ora più che mai dalla parte vostra e delle vostre famiglie. Bisogna reagire come mai prima d'ora. Per il futuro dei nostri figli e delle nostre figlie. Per la democrazia. Per l'Europa. Per la Catalogna», ha commentato via Twitter l'ex presidente della Generalitat, Carles Puigdemont. «Torneremo più forti, più convinti e fermi che mai», ha dichiarato sullo stesso social Oriol Junqueras. «Liberate i prigionieri politici catalani!», tuona la sezione svizzera dell'Assemblea Nacional catalana (ANC), organizzazione indipendentista guidata da Jordi Sànchez, che figura tra i condannati.

Gli indipendentisti hanno indetto proteste in tutta la Catalogna. La polizia, intanto, si schiera nei punti nevralgici di Barcellona e Girona per affrontare le contestazioni. Manifestazioni sono previste anche in Svizzera, a Ginevra alle 19 in rue du Mont-Blanc e a Zurigo alle 18.15 presso il Landesmuseum. 

La pena più alta è stata inferta all'ex vicepresidente della Generalitat, Oriol Junqueras, condannato a 13 anni per sedizione e concorso in malversazione. 12 anni di carcere agli ex consiglieri Jordi Turull, Raül Romeva e Dolors Bassa per gli stessi reati. 10 anni e 6 mesi di reclusione per sedizione a Joaquim Forn e Josep Rull e 11 anni e 6 mesi all'ex presidente del Parlamento catalano, Carme Forcadell.

I leader indipendentisti Jordi Sánchez (ANC) e Jordi Cuixart (Òmnium Cultural) ricevono invece una pena di 9 anni ciascuno. Un anno e otto mesi di interdizione speciale e dieci mesi di multa con aliquota giornaliera di 200 euro, infine, per gli ex consiglieri Santi Vila, Carles Mundó e Meritxell Borràs, processati in stato di libertà.

Sanchez: «Ora una nuova pagina» - Adesso «abbiamo bisogno di aprire un nuovo capitolo basato sulla coesistenza pacifica in Catalogna attraverso il dialogo nei limiti della legge e della Costituzione spagnola». Lo ha detto il premier spagnolo Pedro Sanchez in un intervento tv dopo la condanna degli indipendentisti catalani.

«Nessuno è al di sopra della legge - ha aggiunto - In Spagna non ci sono prigionieri politici ma piuttosto alcuni politici in prigione per aver violato leggi democratiche».

Il Barça contro le condanne: «La prigione non è la soluzione» - «La pena preventiva non ha aiutato a risolvere il conflitto, non lo farà la pena detentiva inflitta ora, perché la prigione non è la soluzione».

La squadra del Barcellona scende in campo contro le condanne inflitte dalla Corte suprema spagnola a 12 leader indipendentisti catalani. «La risoluzione del conflitto in Catalogna deve provenire esclusivamente dal dialogo politico - scrive la società blaugrana, schierata con la causa indipendentista».

Il club chiede ai leader politici di condurre un processo di negoziazione che dovrebbe consentire la liberazione di leader civili e politici condannati.

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
magimi63 4 sett fa su tio
Sentenza vergognosa per un paese democratico. Concordo con tip75, nemmeno con i pedofili o con altri che commettono crimini indicibili la legge è tanto severa. Chiaramente una sentenza politica.
Zico 4 sett fa su tio
non mi ricordo bene bene chi sia il capo del governo spagnolo: sarà un franchista? o per caso un leghista, un udicino o ma mi sembrerebbe stranissimo un socialista aperto al mondo ed ai cambiamenti?
tip75 4 sett fa su tio
nemmeno con i pedofili son tanto duri...abbiamo perso di vista ogni filo di buon senso e la nostra democrazia non è niente altro che una dittatura con la maschera dell'europa e di quei 4 al potere che credono di essere dei supereroi
Mattiatr 4 sett fa su tio
@tip75 Il potere è in mano a quei 4 eletti dal popolo. Diciamo che a parere mio trattasi di ''oligarchia democratica'', detto in parole povere li scegli e poi te ne penti. Vedi Francia, Italia e come abbiamo potuto vedere anche la Spagna. In ogni caso superare i 9 anni mi pare esagerato, malgrado il tribunale possa aver considerato la faccenda come un tentato colpo di stato.
fromrussiawith<3 4 sett fa su tio
European dictatorship, l'autodeterminazione è un diritto umano, non per niente l'Europa è diventata simpatetica verso il modello socialista Cinese
volabas 4 sett fa su tio
Vige ancora la " democrazia" franchista, governo di pirla
MIM 4 sett fa su tio
La Spagna pagherà le conseguenze di questa sentenza, fortemente voluta dall'UE.
Bayron 4 sett fa su tio
Sentenza politica e intimidatoria! Vomitevole!!
Pongo 4 sett fa su tio
assurdo
sedelin 4 sett fa su tio
vergogna dal riverbero franchista :-(
Dioneus 4 sett fa su tio
@sedelin concordo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Vogliono estorcere denaro: si fingono dell'‘ndrangheta
I carabinieri hanno fermato cinque persone. La loro vittima è un albergatore del torinese
STATI UNITI
2 ore
Con Disney+ si entra nel vivo della guerra dello streaming
Dai film classici a quelli Pixar passando "Star Wars" e Marvel, il servizio offre un catalogo di spessore. E Netflix è sempre più sola
POLONIA / STATI UNITI
4 ore
Lager nazisti «attribuiti» alla Polonia: Varsavia e Netflix ai ferri corti
Alle autorità polacche non va proprio giù una mappa che compare nella nuova serie documentario "The Devil Next Door". Netflix: «Stiamo seguendo la questione»
FOTO
ITALIA
4 ore
Acqua alta a Venezia, allagata San Marco: «Sistema largamente insufficiente»
Danni alla basilica. L'allerta non è finita secondo il Centro Maree
TURCHIA
5 ore
Jihadista americano espulso resta "nella terra di nessuno"
È bloccato fra Grecia e Turchia, nella zona cuscinetto lunga pochi metri oltre il valico di frontiera di Pazarkule
CINA
7 ore
Spruzza soda caustica in asilo, 54 feriti
Due persone sono rimaste ferite gravemente, ma non risultano in pericolo di vita. Arrestato un 23enne
STATI UNITI
7 ore
Google: siti troppo lenti? Ecco il marchio della vergogna
La compagnia ha annunciato che il browser Chrome segnalerà la velocità dei siti visitati
FOTO
INDIA
8 ore
Torna l'incubo smog a Delhi
L'irrespirabile cappa che ricopre la città è «gravemente nociva per la salute»
REGNO UNITO
9 ore
Prima direttrice al Financial Times dopo 131 anni
Il giornale britannico, punto di riferimento della City, ha annunciato oggi la nomina di Roula Khalaf
STATI UNITI
11 ore
Temperature in picchiata: «Saranno infranti molti record»
Un fronte freddo si sta abbattendo su parte degli Stati Uniti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile