Keystone (archivio)
SIRIA
12.10.19 - 15:170
Aggiornamento : 16:39

Attentato dinamitardo a una prigione

Nella struttura di Hasake sono detenuti centinaia di miliziani dell'Isis. La Lega Araba: «L'aggressione turca è una minaccia diretta per la sicurezza del mondo arabo»

DAMASCO - Una prigione dove sono detenuti centinaia di miliziani dell'Isis è stata presa di mira oggi nel nord-est della Siria da un attentato dinamitardo. Lo riferiscono fonti locali. Le fonti precisano che un'autobomba è esplosa vicino al carcere centrale di Hasake, capoluogo della regione nord-orientale siriana. Non è chiaro se l'attentato ha danneggiato il penitenziario dove si trovano centinaia di miliziani jihadisti. Ieri, le forze curde avevano affermato che 5 membri dell'Isis erano fuggiti dopo che un carcere di Qamishli, a nord di Hasake, colpito da raid turchi.

Lotta per l'autostrada - Le milizie arabo-siriane filo-turche e quelle curdo-siriane si contendono in queste ore il controllo di una tratto dell'autostrada strategica M4 che corre da ovest a est nel nord della Siria. La strada non è in mano alle forze turche, come invece affermato in precedenza da fonti di Ankara. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria afferma che la strada è coinvolta nei raid ma è ancora in mano delle forze curdo-siriane.

Lega Araba: «Passi decisivi contro la Turchia» - «Passi decisivi» contro la Turchia per la sua «occupazione» del nord della Siria sono stati chiesti oggi dal ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shukri, in una riunione d'urgenza della Lega araba al Cairo, indetta su richiesta dell'Egitto. Shukri ha aggiunto che il governo di Ankara giustifica l'invasione con la lotta al terrorismo, ma in realtà «tutti sanno che è il regime turco a sostenere il terrorismo, se ne serve contro i Paesi della regione ed esporta numerosi terroristi verso i Paesi arabi». Il ministro degli Esteri egiziano ha detto ancora che l'attacco turco «minaccia la sicurezza nazionale araba» e rischia di «riaprire le prigioni» dove sono detenuti i membri dell'Isis.

«Una minaccia per la sicurezza araba» - «L'aggressione turca alla Siria costituisce una minaccia diretta per la sicurezza nazionale araba, così come per la pace e la sicurezza internazionali». Lo si afferma nel documento finale di una riunione d'urgenza dei ministri degli Esteri della Lega Araba tenutasi oggi al Cairo. Nel documento si aggiunge che l'attacco è «una violazione flagrante dei principi della Carta delle Nazioni Unite» contro la quale la Siria ha il diritto legittimo di difendersi con ogni mezzo.
 
 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
2 ore
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
10 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
21 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
1 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
1 gior
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
1 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
1 gior
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile