Keystone
STATI UNITI
01.09.19 - 16:590
Aggiornamento : 22:14

Sparatoria in Texas: il bilancio è di sette morti

Quattro le vittime a Odessa e tre a Midland. Il numero dei feriti è di 20, fra i quali una bimba di 17 mesi colpita in pieno volto.

ODESSA - Una nuova strage di massa in Texas, la seconda in un mese. Un uomo fermato per un normale controllo stradale apre il fuoco e scappa continuando, con il suo fucile AR-15, a sparare contro la folla dalla sua auto in movimento. Per cercare di sfuggire alla polizia l'uomo - secondo alcuni media identificato in Seth Ator, 36 anni, residente a Odessa e con precedenti - sequestra un furgoncino del Us Postal Service, le poste americane, e continua la sua fuga. Alla fine viene fermato e ucciso nel parcheggio del cinema Cinergy a Odessa. Il bilancio del gesto folle è di sette morti e 20 feriti, fra i quali una bimba di 17 mesi colpita in pieno volto.

La polizia e l'Fbi indagano passando al setaccio l'ampia area coperta dal killer fra le due cittadine di Midland e Odessa. In tutto le scene del crimine all'esame sono 15. I motivi che hanno spinto il killer ad agire non sono noti ma, afferma l'Fbi, «non c'è nessun legame con il terrorismo domestico o internazionale». Michael Gerke, il capo della polizia di Odessa, rifiuta di dire pubblicamente, nel corso della conferenza stampa, il nome del killer per «non dargli notorietà».

L'incidente riaccende con forza il dibattito sulle armi negli Stati Uniti, dove solo nel mese di agosto sono morte 51 persone per sparatorie di massa. I candidati democratici compatti dicono basta all'epidemia delle armi e chiedono un'azione immediata. Ringraziando le forze dell'ordine, Donald Trump ribadisce l'impegno dell'amministrazione a fermare le stragi di massa ma, allo stesso tempo, mette in evidenza la necessità di proteggere il Secondo Emendamento. «Non è cambiato nulla» rispetto alle recenti stragi:  «Continuiamo a valutare misure per le armi e a confrontarci con parlamentari e senatori» dice il presidente americano, definendo il killer del Texas, un uomo bianco sui 30 anni, una «persona molto malata». Trump continua a legare le sparatorie ai problemi mentali di chi apre il fuoco, e minimizza l'utilità dei controlli sui precedenti penali. Anche se in vigore - dice - non avrebbe evitato alcuna strage.

Sui social intanto la polemica impazza, con critiche sia ai democratici sia ai repubblicani. A questi viene rimproverato di limitarsi a porgere solo condoglianze, ai democratici di chiedere un'azione ma di essere incapaci di agire. La nuova strage in Texas, che arriva a sole quattro settimane dalla sparatoria di El Paso, coincide con l'entrata in vigore nello stato di nuove norme sulle armi. Leggi che allentano i controlli e i paletti: le pistole ora sono benvenute anche nelle chiese e nelle sinagoghe a meno di un divieto esplicito. Lo stesso vale per le scuole e le proprietà in affitto.

«Sono stato a troppi eventi come questo» dice il governatore del Texas, Greg Abbott, riferendosi alle recenti sparatorie che si sono verificate nello stato. «Lo status quo in Texas non è più tollerabile, dobbiamo agire» aggiunge, invitando ad approvare misure che tolgano le armi dalle mani dei criminali rispettando allo stesso tempo il Secondo Emendamento. Si tratta della stessa linea del presidente Trump che ribadendo l'impegno dell'amministrazione a fermare le sparatorie di massa difende il diritto alle armi, popolare in Texas, stato repubblicano per tradizione. Trump rimanda quindi la palla al Congresso: «ha molto a cui pensare».
 
 

1 mese fa La fuga dal posto di blocco, gli spari in corsa e lo scontro a fuoco
1 mese fa Nuova sparatoria in Texas, 5 morti e 21 feriti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
8 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ISRAELE
10 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
EMIRATI ARABI UNITI
13 ore
Questa qui è la perla più antica che esista
Ha poco meno di 8'000 anni ed è stata scoperta per caso da degli archeologi che cercavano ben altro. Sarà messa in mostra al Louvre di Abu Dhabi
GERMANIA
14 ore
L'economia tedesca potrebbe essere entrata in recessione
Lo dice la Bundesbank, secondo cui «il prodotto interno lordo potrebbe essersi ridotto nuovamente nel terzo trimestre del 2019» dopo il -0,1% del secondo trimestre
FOTO
CILE
14 ore
A Santiago i manifestanti hanno dato fuoco agli uffici dell'anagrafe
Dopo averli saccheggiati, i vigili del fuoco sul posto, le autorità parlano di danni importanti: «Distrutti molti documenti». Il bilancio complessivo è di 11 morti
GIAPPONE
15 ore
Pollon e Nanà Super Girl sono orfane, scomparso Hideo Azuma
Il fumettista è morto all'età di 69 anni, in un ospedale di Tokyo, per le complicazioni di un tumore
ISOLA DI MAN
17 ore
Con un gatto nel bagaglio a mano
Sbalorditi sia gli addetti alla sicurezza che i padroni. Il micio si era intrufolato nella valigia all'insaputa della coppia
VIDEO
ITALIA
20 ore
In fiamme la Cavallerizza Reale di Torino
I vigili del fuoco sono impegnati nelle operazioni di spegnimento. Non ci sono feriti
CILE
22 ore
Sale a 10 il bilancio delle vittime durante le proteste
Due persone sono morte carbonizzate durante il saccheggio ad un grande magazzino di materiali per l'edilizia e il bricolage
EMIRATI ARABI UNITI
23 ore
“Taxi volanti” e “camere con ruote”: Dubai sperimenta
La città vuole ridurre la propria impronta ecologica e sta diventando un banco di prova mondiale per la mobilità sostenibile.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile