FRANCIA
27.08.19 - 16:000
Aggiornamento : 17:38

Caso Maëlys: Lelandais avrebbe confessato lo stupro a un compagno di carcere

La rivelazione potrebbe contribuire a condannare il 36enne all'ergastolo senza possibilità di liberazione anticipata

GRENOBLE - Nella notte tra il 26 e il 27 agosto 2017 la piccola Maëlys scompariva da un ricevimento di matrimonio a Pont-de-Beauvoisin, in Francia, per essere ritrovata cadavere solo sei mesi dopo. Ora, a distanza di due anni esatti da quella sparizione, emergono nuove rivelazioni che potrebbero contribuire a consegnare l’omicida reo confesso della bimba, Nordahl Lelandais, al carcere a vita senza possibilità di liberazione anticipata.

A farle è stato un ex compagno di prigione del 36enne, che nell’autunno del 2018 - quando ancora occupava la cella accanto a quella di Lelandais nel penitenziario di Saint-Quentin-Fallavier - ha rivelato, prima all’amministrazione carceraria e poi a un giudice, che Lelandais gli aveva confessato di aver stuprato la bambina di 8 anni prima di ucciderla.

Da una cella all’altra e nel corso dell’ora d’aria, l’ex militare gli avrebbe raccontato come aveva abusato della piccola senza risparmiare i dettagli e avrebbe ammesso di averla picchiata a morte perché stesse ferma. Il 36enne gli avrebbe inoltre spiegato di aver ucciso la sua seconda vittima riconosciuta, il caporale Arthur Noyer, perché il giovane si era rifiutato di concedergli un favore sessuale.

«Non potevo tenermelo per me, quello che mi ha detto è importante», ha spiegato l’ex compagno di carcere di Lelandais agli inquirenti come riporta Le Parisien, che ha anticipato questo nuovo sviluppo. L’ex militare 36enne nega dal canto suo di aver mai fatto queste confessioni.

Provare che Lelandais abbia stuprato Maëlys prima di ucciderla - evenienza che lui contesta - permetterebbe di condannarlo per “omicidio di minore di 15 anni preceduto da stupro”, sentenza che lo destinerebbe al carcere a vita senza alcuna reale possibilità di liberazione anticipata. L’autopsia eseguita sul corpo della bimba dopo il ritrovamento, purtroppo, non ha permesso di accertare la violenza sessuale poiché eseguita a sei mesi dal decesso.

Le inclinazioni pedofile di Nordahl Lelandais sono note e da lui parzialmente ammesse. Oltre ad essere un assiduo fruitore di pedopornografia online, l’uomo è a processo per aggressioni sessuali ai danni di due cugine di secondo grado di 4 e 6 anni avvenute appena una settimana prima della sparizione di Maëlys e documentate in due video ritrovati sul suo cellulare. Lelandais nega però di aver abusato sessualmente di Maëlys, che sostiene di aver ucciso involontariamente dopo averla picchiata perché si agitava.   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UGANDA
11 min
Bucati o a rischio rottura, ritirati un milione di preservativi
I contraccettivi, donati dall'organizzazione benefica Marie Stopes, erano stati realizzati in India. In Uganda circa il 6% degli adulti è sieropositivo e solo l'11% programma le gravidanze
ITALIA
2 ore
Il Ponte Morandi è «a rischio crollo», spunta un report del 2014
Il documento è stato ignorato per anni da Atlantia e Aspi e ora è finito nelle mani della Guardia di finanza
ITALIA
2 ore
Greggio rifiuta la cittadinanza onoraria di Biella: «Per rispetto a Liliana Segre»
Solo una settimana fa, il Comune a guida leghista aveva rigettato il riconoscimento alla sopravvissuta di Auschwitz. Greggio: «Anche mio padre in un campo di concentramento»
AUSTRALIA
4 ore
L'Australia è ancora in balia del fuoco
Continua incessante l'allarme incendi negli Stati orientali New South Wales e Queensland. Decine di roghi fuori controllo e temperature da record per novembre complicano ulteriormente le cose
TURCHIA / SVIZZERA
7 ore
«Ecco come si compone il prezzo di una felpa»
Quanto della somma pagata arriva agli operai in fabbrica? E quanto si intasca la catena d'abbigliamento? Public-Eye ha tentato una stima
ITALIA
7 ore
Usa la foto di un ragazzo più avvenente per "cuccare": condannato a fare lo stradino
Il 22enne è stato processato con l'accusa di sostituzione di persona
BERLINO
16 ore
Clima, i Paesi ricchi stanno tradendo l'accordo salva Terra
Sconfortante rapporto sulle emissioni di CO2: nessuna nazione del G20 in linea con obiettivi Parigi. Preoccupano Russia, Arabia Saudita e Turchia, ma anche la marcia indietro cinese
ITALIA
16 ore
Cesare Battisti sconterà l'ergastolo
La Cassazione ha negato i trent'anni richiesti dall'ex terrorista italiano arrestato lo scorso gennaio dopo 37 anni di latitanza
MESSICO
18 ore
Scontro fra tre autobus, 13 morti
L'incidente è avvenuto su una strada che collega Città del Messico con Pachuca
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile