Keystone
AUSTRALIA
26.08.19 - 10:200

Cardinale condannato per pedofilia: farà ricorso all'alta corte

Fonti giornalistiche confermano la decisione di George Pell, colpevole di aver abusato sessualmente di due coristi 13enni

SYDNEY - Imboccherà l'ultima strada di appello presso l'Alta Corte d'Australia il cardinale George Pell, condannato per pedofilia a un minimo di tre anni e otto mesi, sentenza confermata questo mese dalla Corte d'appello di tre giudici dello Stato di Victoria con un voto di due a uno.

Fonti citate oggi dal Sydney Morning Herald confermano la decisione di Pell, dichiarato colpevole di aver abusato sessualmente di due coristi 13enni nella sacrestia della cattedrale di Melbourne nel 1996, quando vi era arcivescovo.

Secondo le fonti, il cardinale ha ricevuto consiglio unanime dalla sua squadra legale, secondo cui l'opinione dissenziente di uno dei tre giudici della Corte d'appello dello Stato di Victoria, Mark Weinberg, fornisce ragionevoli motivi per revocare la condanna.

Pell ha ora 21 giorni per presentare formalmente un ricorso all'Alta Corte, l'organo di giudizio finale, chiedendo di esaminare un appello. È probabile che l'udienza per determinare il ricorso sia breve e che si tenga entro l'anno. Se il ricorso sarà accettato, passeranno altri quattro-sei mesi prima che l'appello sia udito.

La decisione di maggioranza della Corte d'appello emessa il 21 agosto dalla giudice capa Anne Ferguson e dal presidente della Corte d'appello Chris Maxwell, ha confermato il verdetto raggiunto lo scorso dicembre dalla giuria di un tribunale di Melbourne, quando Pell è stato giudicato colpevole di cinque reati sessuali su minori. I due giudici hanno stabilito che la sola vittima sopravvissuta di Pell, è stato un testimone credibile e veritiero.

I legali di Pell si affideranno ora in gran parte all'opinione dissenziente del terzo giudice, Mark Weinberg, ex capo della pubblica accusa federale, che invece ha messo in dubbio la credibilità e l'affidabilità della vittima. Ha concluso che «vi è un corpo significativo di prove cogenti, che gettano seri dubbi su quanto ha riferito il denunciante» e ha raccomandato il proscioglimento da ogni accusa.

Se l'Alta Corte accetterà di udire l'appello, dovrà considerare fattori fra i quali se udire l'appello è una questione di pubblica importanza, se riguarda una questione di legge e se è nell'interesse dell'amministrazione della giustizia.

Pell, 78 anni, è tuttora rinchiuso in isolamento nel carcere di alta sicurezza di Melbourne per i detenuti da poco condannati e si prevede che sia trasferito in un carcere di media sicurezza per condannati per pedofila, tra cui un certo numero di ex sacerdoti, separati per loro protezione dal resto della popolazione carceraria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
COREA DEL SUD
10 min
Aumento dei contagi, richiudono le scuole
Gli studenti erano tornati nelle classi solamente una settimana fa
CINA
1 ora
Volkswagen investe nell'elettrico
Per il momento, il colosso automobilistico punta sul mercato cinese
STATI UNITI
2 ore
Terza notte di scontri a Minneapolis, colpito anche il commissariato
Un corteo ha marciato per le vie della città, urlando slogan contro la polizia e il presidente americano
VIDEO
AUSTRALIA
4 ore
Ash, il primo koala nato nel parco dopo gli incendi
I guardiani hanno deciso di dargli un nome simbolico, che richiama la tragedia che ha colpito per mesi il Paese
UNIVERSO
10 ore
Un pianeta abitabile a soli quattro anni luce di distanza?
Un team internazionale di ricercatori indaga sull'abitabilità di Proxima b
HONG KONG
11 ore
Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong
Le leggi al vaglio minano i diritti civili e le libertà del popolo di Hong Kong, l'allarme di Amnesty International
FRANCIA
12 ore
Saltano 15mila posti di lavoro da Renault
Il costruttore spera di gestire i tagli attraverso le uscite volontarie, misure di mobilità interna e riqualificazione
VENEZUELA / USA
14 ore
Band venezuelane finanziate dagli Usa per «promuovere la libertà d'espressione»
L'idea era quella di destabilizzare il governo Chavez nel 2011. La stessa tattica è stata attuata anche a Cuba
FRANCIA
15 ore
«Favorevoli a riaprire i confini interni europei il 15 giugno»
Il Governo francese ha presentato oggi la prossima fase di riapertura del Paese
NUOVA ZELANDA
16 ore
L'89% dei neozelandesi vuole continuare a lavorare da casa
Lo indica uno studio dell'Università di Otago: il 73% sostiene di essere stato "ugualmente o più produttivo"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile