Keystone
Foto d'archivio
BRASILE
22.08.19 - 18:350
Aggiornamento : 18:52

Incendi in Amazzonia: il governo cerca un'azienda di monitoraggio satellitare

Il bando, però, delinea una società i cui dati sono già stati impiegati per minimizzare l'emergenza. Bolsonaro: «Ong principali sospettate»

BRASILIA - L'Istituto brasiliano per l'ambiente (Ibama) ha lanciato un concorso per ingaggiare un'azienda privata che si occupi del monitoraggio della deforestazione in Amazzonia, dopo le polemiche sui dati diffusi dall'Istituto nazionale delle ricerche spaziali (Inpe), che hanno portato all'allontanamento del suo direttore, Ricardo Galvão.

Secondo i termini dell'offerta, le aziende interessate hanno otto giorni per formalizzare una proposta di «servizi di monitoraggio continuo, con uso di immagini quotidiane attraverso rilevamento satellitare» che permetta di «generare allerte quotidiane», che devono successivamente essere indagate dagli ispettori dell'Ibama.

I media brasiliani segnalano che i requisiti tecnici richiesti per il servizio («immagini con una risoluzione spaziale uguale o minore ai 3,0 metri» con «una risoluzione radiometrica uguale o minore ai 12 bit») coincidono esattamente con la qualità delle immagini offerte dalla Planet, una compagnia statunitense i cui dati sono stati usati dal ministro per l'Ambiente, Ricardo Salles, per criticare le cifre sulla deforestazione che sono state presentate dall'Inpe, in base ad immagini del cosiddetto sistema Deter, che hanno una risoluzione spaziale di circa 64 metri.

Bolsonaro insiste con le insinuazioni sulle ong - Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha intanto ammesso oggi che i proprietari agricoli potrebbero essere responsabili dell'ondata di incendi forestali nel Paese - con un aumento dell'82% da gennaio al 18 agosto scorso, rispetto allo stesso periodo del 2018 - ma è tornato a dire che «i sospetti principali» gravano sulle ong ambientaliste, anche se non esistono prove che dimostrino la loro colpevolezza.

Interrogato dai cronisti sulle sue insinuazioni riguardo alle ong - definite «irresponsabili» e «assurde» da dirigenti ambientalisti - e la possibilità che siano i proprietari rurali che appiccano i roghi, Bolsonaro ha detto che «certo, possono essere stati i 'fazendeiros', tutti sono sospettati», ma ha aggiunto subito che «i sospetti principali puntano verso le ong».

«Certo che non ho le prove di questo, Dio mio!», ha aggiunto con tono irritato, spiegando che «non è che uno lo lascia per iscritto: 'adesso vado ad appiccare un incendio lì'. Quello che si mette a bruciare, se non lo prendi in flagranza di reato e poi cerchi chi lo ha mandato a fare questo, non sai chi è».

Bolsonaro si è lamentato del modo in cui i media hanno diffuso le sue dichiarazioni, sostenendo che lui non è affatto a favore degli incendi forestali. Polemizzando con i cronisti, ha chiesto loro: «Volete che dica che sono stati gli indigeni, così domani scrivete che ho dato la colpa a loro? Volete che dia la colpa ai marziani?». Poi ha insistito con la sua tesi polemica: «Secondo me, il più forte indizio che punta verso quella gente è che le ong hanno perso il seno dal quale si allattavano, è molto semplice».

Il fumo degli incendi visibile dallo spazio - Il fumo prodotto dagli incendi che stanno devastando l'Amazzonia in questi giorni può essere visto persino dallo spazio: a catturarne le immagini (v. gallery), il 20 e 21 agosto, sono stati il satellite Sentinel 3, del programma europeo Copernicus dell'Agenzia spaziale europea (Esa), e quello della Nasa, Suomi National Polar-orbiting Partnership.

La foto di Suomi Npp mostra il fumo e gli incendi che si estendono per diversi stati brasiliani, tra cui quelli di Amazonas, Mato Grosso, e Rondonia.

«Non è inusuale vedere incendi in Brasile in questo momento dell'anno - scrive la Nasa sul suo sito - per via delle alte temperature e della poca umidità. Il tempo ci dirà se quest'anno si è segnato un nuovo record o si è entro i normali limiti».


 
 

Commenti
 
Nmemo 5 mesi fa su tio
Gli smaniosi ragazzi nostrani del sedicente “Coordinamento cantonale Sciopero per il Clima”, non sono corsi a dar man forte laddove c’è un vero bisogno di un pronto intervento?
sedelin 5 mesi fa su tio
vigliacco bugiardo che incolpa coloro che denunciano la deforestazione! ma la gente che lo ha eletto é cieca? o idiota? o ambedue...
Dioneus 5 mesi fa su tio
Bolsonaro, da bravo fascista, è un agglomerato vivente di cazzate
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
7 ore
Coronavirus: al momento non è un'emergenza globale
Lo ha deciso l'Organizzazione mondiale della sanità. Per ora non si contano contagi da uomo a uomo al di fuori della Cina
REGNO UNITO
9 ore
Per la Brexit c'è la firma della regina
L'accordo che il primo ministro Boris Johnson ha raggiunto con Bruxelles è diventato legge
ITALIA
12 ore
Ercolano, trovati i resti del cervello di una vittima dell’eruzione del 79 d.C.
L'eccezionale scoperta è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine. I frammenti furono rinvenuti inizialmente negli anni '60
MONDO
13 ore
La Somalia è il paese più corrotto al mondo
Nella classifica si è piazzata all’ultimo posto su 180 nazioni. La Svizzera invece appena giù dal podio
ITALIA
15 ore
Prendeva a pugni persone a caso: arrestato senzatetto nato in Svizzera
Il 48enne è ritenuto colpevole di una serie di aggressioni avvenute a Milano negli ultimi anni
REGNO UNITO
17 ore
"Order!": l'ex "speaker" della Camera britannico accusato di mobbing
A puntare il dito contro di lui è un ex collega. Avrebbe vessato e umiliato il suo staff. Lui nega. A rischio il suo titolo nobiliare
CINA
19 ore
«Il misterioso coronavirus arriva da un serpente»
La tesi di un team di ricerca non fa l'unanimità nella comunità scientifica. Il picco dell'epidemia potrebbe arrivare a marzo
NUOVA ZELANDA
19 ore
Confermata la morte dei due dispersi a White Island
Il bilancio delle vittime dell'esplosione del vulcano Whakaari sale così a 20
AUSTRALIA
21 ore
Precipita aereo antincendio, tre morti
Le vittime sono cittadini statunitensi impegnati nelle operazioni di spegnimento dei roghi nel Nuovo Galles del Sud
CANADA
21 ore
Multa di 196,5 milioni di dollari a Volkswagen
Un tribunale di Toronto si è espresso contro il colosso automobilistico tedesco sul caso Dieselgate
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile