Keystone (archivio)
L'obiettivo è raddoppiare il numero di questi animali entro il 2022.
MONDO
27.07.19 - 18:000

Solo 3890 tigri sul Pianeta: «Bisogna far qualcosa per salvare la specie»

In concomitanza con la giornata mondiale del prossimo 29 luglio, il WWF lancia un grido d'allarme: «La popolazione di questi felini è calata di circa il 97% rispetto a 100 anni fa»

BERNA - Oggi ne restano solo 3890 in tutto il Pianeta ed il loro futuro è seriamente minacciato da bracconaggio, distruzione delle foreste, commercio illegale delle loro pelli e altre parti del corpo. È corsa contro il tempo per salvare le tigri, la cui popolazione è calata di circa il 97% rispetto ad un secolo fa quando se ne contavano libere in natura circa 100'000.

Per riaccendere i riflettori su questa specie simbolo e rilanciare la sfida per la sua salvezza, si celebra il 29 luglio la Giornata mondiale della tigre: l'obiettivo, afferma il WWF, è raddoppiare il numero di questi animali entro il 2022, in accordo con i paesi coinvolti, arrivando a 6000 esemplari.

Le tigri sono attualmente presenti in tredici Paesi: India (dove c'è la popolazione più numerosa, con 2226 tigri censite), Nepal, Bhutan, Bangladesh, Russia, China, Myanmar, Thailandia, Malesia, Indonesia, Cambogia, Laos e Vietnam. La minaccia maggiore per questo felino resta il bracconaggio, che si fonda ancora oggi su credenze popolari alimentando un mercato illegale legato anche alla medicina tradizionale cinese, che utilizza alcune parti del corpo del felino (come organi interni, ossa o denti) per la produzione di medicinali.

Tale commercio riguarda tutta l'Asia: la medicina tradizionale cinese è usata anche in Laos, Vietnam e Cambogia. Solo in pochi Paesi, sottolinea il WWF, «esistono dei reali sforzi per frenare il bracconaggio». Un esempio positivo è il Nepal, dove dal 2013 a oggi le tigri sono aumentate da 198 a 235, con un incremento della popolazione del 19%. Grazie a questi sforzi, afferma l'associazione, «abbiamo dei timidi segnali positivi, come il dato che riporta l'aumento del numero globale di tigri dai 3200 individui stimati nel 2010 ai 3890 odierni».

Varie le iniziative già in campo, come il progetto SMART (Spatial Monitoring and Reporting Tool): una combinazione di software, strumenti per la formazione e protocolli per il pattugliamento del territorio a supporto di biologi e guardie nel monitoraggio degli animali. Ma la battaglia per la salvezza della tigre è ancora lunga: il commercio illegale di specie selvatiche, afferma il WWF produce infatti un business che può arrivare a circa 23 miliardi di dollari (22,7 miliardi di franchi) l'anno, e dal 2014 al 2016 i crimini di natura hanno avuto una crescita del 26%. Questo traffico illegale è il quarto dopo quello di droga, traffico di esseri umani e merci contraffatte. Con alti guadagni: una tigre sul mercato illegale può valere fino a 150'000 dollari.

Tra gli obiettivi del WWF c'è dunque quello di raddoppiare gli sforzi e gli investimenti per la protezione e la gestione delle tredici zone cruciali per la riproduzione e la conservazione delle tigri (tigers landscapes), aumentare la pressione sui governi per la realizzazione di un piano d'azione per la conservazione della tigre e incrementare le azioni per la tutela dei corridoi ecologici utilizzati dalle tigri per i loro spostamenti. Nel 2010 il WWF ha inoltre lanciato l'ambiziosa sfida di raddoppiare il numero di tigri entro il 2022. Una sfida «difficilissima, che comporta forti investimenti economici, impegno congiunto ma soprattutto - conclude l'organizzazione - la volontà politica dei Paesi che ospitano le ultime preziosissime tigri del Pianeta».

Commenti
 
Psiche 3 mesi fa su tio
Facciamo pietà, tutta colpa dell'essere umano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
4 ore
Vogliono estorcere denaro: si fingono dell'‘ndrangheta
I carabinieri hanno fermato cinque persone. La loro vittima è un albergatore del torinese
STATI UNITI
5 ore
Con Disney+ si entra nel vivo della guerra dello streaming
Dai film classici a quelli Pixar passando "Star Wars" e Marvel, il servizio offre un catalogo di spessore. E Netflix è sempre più sola
POLONIA / STATI UNITI
6 ore
Lager nazisti «attribuiti» alla Polonia: Varsavia e Netflix ai ferri corti
Alle autorità polacche non va proprio giù una mappa che compare nella nuova serie documentario "The Devil Next Door". Netflix: «Stiamo seguendo la questione»
FOTO
ITALIA
7 ore
Acqua alta a Venezia, allagata San Marco: «Sistema largamente insufficiente»
Danni alla basilica. L'allerta non è finita secondo il Centro Maree
TURCHIA
7 ore
Jihadista americano espulso resta "nella terra di nessuno"
È bloccato fra Grecia e Turchia, nella zona cuscinetto lunga pochi metri oltre il valico di frontiera di Pazarkule
CINA
9 ore
Spruzza soda caustica in asilo, 54 feriti
Due persone sono rimaste ferite gravemente, ma non risultano in pericolo di vita. Arrestato un 23enne
STATI UNITI
9 ore
Google: siti troppo lenti? Ecco il marchio della vergogna
La compagnia ha annunciato che il browser Chrome segnalerà la velocità dei siti visitati
FOTO
INDIA
10 ore
Torna l'incubo smog a Delhi
L'irrespirabile cappa che ricopre la città è «gravemente nociva per la salute»
REGNO UNITO
12 ore
Prima direttrice al Financial Times dopo 131 anni
Il giornale britannico, punto di riferimento della City, ha annunciato oggi la nomina di Roula Khalaf
STATI UNITI
13 ore
Temperature in picchiata: «Saranno infranti molti record»
Un fronte freddo si sta abbattendo su parte degli Stati Uniti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile