Keystone (archivio)
Adolf Hitler uso la scusa delle fiamme al Parlamento per sopprimere le libertà ed i diritti civili nel Paese.
GERMANIA
26.07.19 - 17:000
Aggiornamento : 17:50

«Il Reichstag fu incendiato dai nazisti»

Una dichiarazione giurata pubblicata dal notaio tedesco a cui era stata affidata tanti anni fa confermerebbe uno dei più grandi sospetti della storia tedesca

BERLINO - Gli storici hanno sempre pensato, ritenendolo ragionevolmente sicuro, che ad incendiare il Reichstag di Berlino nel 1933 fossero stati i nazisti, dando poi la colpa del rogo ai comunisti e facendone il pretesto per sopprimere in Germania ogni libertà e diritto civile.

La conferma di questa circostanza, più volte presa in considerazione ma della quale non c'è mai stata una certezza assoluta, arriva quasi ottantacinque anni dopo grazie ad una dichiarazione giurata pubblicata dal notaio tedesco a cui era stata affidata tanti anni fa. Una dichiarazione, di cui l'agenzia Dpa ha preso visione rendendola pubblica.

La dichiarazione era stata rilasciata ad un notaio nel 1955 da Hans-Martin Lennings, un militante delle SA, le cosiddette "camicie brune" che furono il primo gruppo paramilitare del partito nazista. Nel documento Lennings sostiene che il piromane del Reichstag, ridotto in cenere nella notte del 27 febbraio 1933, non fu il comunista olandese Marinus van der Lubbe, condannato a morte dai nazisti per il rogo.

Quando van der Lubbe arrivò al Reichstag e vi si introdusse, si legge nella dichiarazione che è stata valutata come autentica da un giudice di Hannover, le fiamme già divampavano nell'edificio, da cui si levava una colonna di fumo. Di conseguenza, l'incendio era stato appiccato prima e l'olandese non poteva essere stato il piromane. Fatto sta che van der Lubbe, un operaio dalla vita difficile che aveva tentato senza riuscirci di espatriare nella Russia sovietica ed aveva dei precedenti per aver appiccato dei fuochi in passato, fu giudicato colpevole dal Tribunale di Lipsia e condannato a morte. La sentenza fu eseguita nonostante all'epoca dell'incendio del Reichstag in Germania la pena di morte non fosse in vigore. Morì a 25 anni.

Ovviamente, Hitler ed i nazisti, cui non parve vero di poter dare la colpa al comunista di origine olandese che lo storico americano William Shirer definì un "semideficiente", colsero la palla al balzo: non a caso l'incendio del Reichstag viene generalmente indicato dagli storici come il consolidamento al potere di Adolf Hitler e l'inizio del III Reich. Di fatto, quelle fiamme diedero l'avvio alla repressione dei partiti di opposizione al nuovo corso della Germania hitleriana e alla messa al bando del Partito comunista tedesco. Al processo di Norimberga si era accertato che il mandante dell'incendio fosse stato Hermann Goering: la dichiarazione trovata oggi lo conferma.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dioneus 1 anno fa su tio
Non ci voleva un genio a capirlo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
5 min
Trump nomina Amy Coney Barrett giudice della Corte Suprema
La decisione sposta ancora più a destra la massima istanza giudiziaria statunitense.
BIELORUSSIA
3 ore
In più di 90 in manette dopo le manifestazioni anti Lukashenko
La maggior parte delle persone fermate sono donne. In centinaia hanno preso parte ai raduni a Minsk.
REGNO UNITO
6 ore
Proteste anti-confinamento: manifestanti e polizia si scontrano
Almeno tre dimostranti e quattro agenti sono rimasti feriti a Londra.
STATI UNITI
8 ore
La Florida toglie le restrizioni a bar e ristoranti
Sarà inoltre proibito multare chi non indossa la mascherina o non osserva il distanziamento sociale
FRANCIA
10 ore
Attacco a Parigi, l'aggressore: «Non sopportavo le caricature di Maometto»
Il 18enne pachistano ha «riconosciuto» e «rivendicato» il suo atto. Pensava di attaccare Charlie Hebdo
REGNO UNITO
13 ore
Londra in allerta per le manifestazioni anti-Covid
La polizia ha fatto sapere che «non tollererà violenze»
STATI UNITI
15 ore
Trump ha scelto la sostituta del giudice Ginsburg
L'annuncio della Casa Bianca è atteso nelle prossime ore
ITALIA
15 ore
A un mese dal contagio, è ancora Covid-positivo
Il Cavaliere settimana prossima compierà gli anni, ma per lui nessuna super festa
FOTO
UCRAINA
1 gior
Precipita un aereo della scuola d'aviazione militare: almeno 22 i morti
Il velivolo stava rientrando al vicino aeroporto quando qualcosa è andato storto, Zelensky: «È una tragedia»
FRANCIA
1 gior
Parigi, fermate altre 5 persone: «È un atto terroristico islamista»
La dura condanna del ministro degli Interni Gerald Darmanin, arrestati 3 coinquilini del 18enne: «Non era radicalizzato»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile