Keystone
A sinistra: i genitori di Vincent Lambert, Pierre e Viviane
FRANCIA
08.07.19 - 10:500

Lambert: i genitori sporgono denuncia per assassinio premeditato

La denuncia è rivolta, in particolare, contro il capo del reparto cure palliative di Reims che ha annunciato lo stop dei trattamenti

PARIGI - I genitori di Vincent Lambert, il tetraplegico da oltre dieci anni in stato vegetativo divenuto simbolo del dibattito sul fine vita in Francia, hanno sporto denuncia per «assassinio premeditato»: è quanto riferisce radio RTL, precisando che la denuncia è rivolta, in particolare, contro il medico Vincent Sanchez, il capo del reparto per le cure palliative dell'ospedale di Reims che lo scorso 2 luglio ha annunciato lo stop dei trattamenti di idratazione e nutrizione all'ex infermiere di 42 anni vittima di un incidente stradale nel 2008.

La radio francese cita Jan Paillot, uno dei legali dei genitori fortemente opposti allo stop dei trattamenti.

Da parte sua il nipote di Vincent Lambert, François Lambert, ha deplorato che «non si tratti di eutanasia, altrimenti sarebbe più rapido». «Per non essere accusati di eutanasia, bisogna fare in modo che duri il più a lungo possibile, ciò che a mio parere è francamente sadico», ha aggiunto, criticando una legge che «lascia molto margine ai medici e poco ai pazienti».

Una manifestazione contro lo stop dei trattamenti all'ex infermiere quarantaduenne è prevista oggi pomeriggio a Parigi, in presenza dei legali dei genitori, indetta dal collettivo "Je soutiens Vincent".

È dal 2013 che la famiglia si dilania sulla sorte del paziente. La moglie Rachel, suo nipote e sei fratelli e sorelle si sono stretti contro quello che ritengono accanimento terapeutico, accettando la decisione dei medici di lasciarlo andare. Pierre e Viviane Lambert, i genitori vicini ai cattolici integralisti della Fratellanza Sacerdotale San Pio X, sono invece fortemente contrari, così come un fratello e una sorella di Vincent.

Al momento resta dunque valido quanto prescritto dalla legge sul fine vita del 2016, e cioè nessuna eutanasia o suicidio assistito ma l'autorizzazione a sospendere i macchinari in caso di «ostinazione irragionevole».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
1 ora
È morto il conducente picchiato "per la mascherina"
L'uomo era stato aggredito domenica a Bayonne per aver chiesto ad alcuni passeggeri di indossarne una
STATI UNITI
3 ore
Coronavirus: negli Stati Uniti torna a salire il numero delle vittime
La tendenza si accompagna a una sequela di record giornalieri di nuove infezioni.
MONDO
4 ore
Una gabola di Facebook sta facendo impazzire diverse app sugli iPhone
La causa è un bug al sistema di accesso del social, usato anche da app come Spotify, Tinder e tante altre
FRANCIA
6 ore
Medici senza frontiere è «razzista»
Una lettera firmata da mille collaboratori, per protestare contro le politiche della ong
ITALIA
7 ore
Accoltellato alla gola a 14 anni con una bottiglia rotta
È l'ennesima lite tra giovanissimi che finisce in violenza nel Varesotto: «Schiaffoni ai genitori dei bulli».
MONDO
8 ore
Applicazioni, utilizzo record durante il lockdown
Tra aprile e giugno ne sono state scaricate 35 miliardi
FOTO
STATI UNITI
8 ore
Un murale di Black Lives Matter davanti alla Trump Tower
Tra i realizzatori c'era anche il sindaco Bill de Blasio
COREA DEL SUD
11 ore
Cinque giorni di commemorazione funebre per Park Won-Soon
In una nota il sindaco di Seul si è scusato con «tutti» e in particolare con la sua famiglia
FOCUS
12 ore
L'inizio di un genocidio: tutto cominciò l'11 luglio di 25 anni fa
Viaggio a Srebrenica, teatro del più efferato massacro della guerra in Bosnia-Erzegovina
AUSTRALIA
13 ore
L'Australia punta le aziende di Hong Kong e irrita la Cina
L'ambasciata cinese a Canberra ha reagito parlando di accuse infondate, ipocrisia e grave interferenza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile