Keystone (archivio)
Vincent Lambert è in stato vegetativo da oltre 10 anni.
FRANCIA
28.06.19 - 20:300

Caso Lambert: «La spina può essere staccata»

La corte di Cassazione di Parigi ha cancellato la sentenza che ha accolto il ricorso dei genitori del 42enne in stato vegetativo per proseguire l'alimentazione forzata

PARIGI - Un dramma senza fine. Si riapre, per un'altra volta, il caso di Vincent Lambert, il quarantaduenne tetraplegico da oltre dieci anni in stato vegetativo divenuto simbolo del dibattito sul fine vita in Francia: la corte di Cassazione di Parigi ha cancellato la sentenza della Corte d'appello (dichiarandola non competente) che il 20 maggio scorso accolse il ricorso presentato in extremis dei genitori per proseguire l'idratazione e l'alimentazione del figlio all'ospedale di Reims.

La decisione della Corte - ha detto il legale della moglie di Vincent contraria all'accanimento terapeutico e in contrasto coi genitori dell'uomo che si ostinano affinché le macchine non siano staccate - riapre dunque la possibilità di sospendere le cure. La spina può essere staccata «già da ora», ha dichiarato l'avvocato ai cronisti che lo attendevano al palazzo di giustizia, aggiungendo: «Nessun ricorso è ormai possibile perché non c'è più alcun giudice a cui rivolgersi».

L'odierno pronunciamento della Cassazione scrive a suo avviso la parola "fine" al caso Lambert. E nella guerra straziante che da anni spacca la famiglia è arrivata secca la replica dei genitori di Vincent. Per voce del loro legale, Pierre e Viviane Lambert, vicini ai cattolici integralisti della Fratellanza Sacerdotale San Pio X, hanno paventato una denuncia per "omicidio" se il figlio verrà lasciato andar via.

Il 20 maggio scorso, dopo una guerra decennale che sembrava finita, tra fazioni politiche, familiari e tribunali, il medico annunciò - come previsto - che avrebbe interrotto i trattamenti che lo tengono artificialmente in vita. Polemiche, disperazione dei genitori, poi la sera stessa il colpo di scena: con la corte d'appello di Parigi che ordinava la ripresa immediata di quei trattamenti almeno fino a quando un comitato dell'Onu per i diritti dei disabili, al quale i genitori avevano inviato uno dei tanti ricorsi, non si sarebbe espresso. «È una grande vittoria, l'inizio di una 'remontada'» - esultò l'avvocato Jean Paillot, in piazza a Parigi in mezzo a un gruppo di manifestanti ostili allo stop dei trattamenti.

Ma ora è arrivata l'ennesima doccia fredda. Per i magistrati della Cassazione, chiamati ad esprimersi, i giudici d'appello non erano competenti. L'ordine di proseguire le cure, impartito poco più di un mese fa, è dunque da considerarsi nullo.

E' dal 2013 che la famiglia si dilania sulla sorte di Vincent. La moglie Rachel, suo nipote e sei fratelli e sorelle hanno accettato la decisione dei medici. Papà Pierre e mamma Viviane sono invece contrari, così come un fratello e una sorella. Il medico curante, Vincent Sanchez, è stato colui che aveva ufficializzato la decisione di lasciarlo andare, condivisa da almeno una ventina di equipe mediche durante questi anni di battaglia legale. Al momento, resta valido quanto prescritto dalla legge in vigore, approvata nel 2016, e cioè nessuna eutanasia o suicidio assistito ma l'autorizzazione alla sospensione dei trattamenti in caso di «ostinazione irragionevole».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
Il coronavirus mette in ginocchio anche la mafia newyorchese
Le chiusure obbligate hanno ridotto drasticamente le entrate dei vari clan
FRANCIA
2 ore
Salta anche il Salone dell'Auto di Parigi
Gli organizzatoti stanno studiando «tutte le soluzioni alternative»
PAESI BASSI
3 ore
Museo chiuso: rubato un quadro di Van Gogh
Si tratta del "Giardino della canonica a Nuenen in primavera"
AUSTRIA
4 ore
Obbligo di mascherina al supermercato
Il cancelliere Kurz: «Sono consapevole che sono qualcosa di alieno per noi, ma aiutano».
ITALIA / SPAGNA
8 ore
Coronavirus: «Se l'Unione Europea non sarà all'altezza, i nazionalismi cresceranno»
Il premier italiano Conte mette in guardia Bruxelles. Italia «vicina al picco».
REGNO UNITO
11 ore
EasyJet non vola più del tutto
La compagnia: «Non è possibile stabilire con certezza una data di ripresa dei voli commerciali».
STATI UNITI
11 ore
Coronavirus: avanti ancora un mese
Niente "riapertura" per Pasqua per gli Stati Uniti. Trump: il picco sarà proprio «fra due settimane».
CINA
13 ore
L'intervista alla paziente zero: «I dottori non avevano idea di cosa avessi»
La prima persona al mondo ad avere il coronavirus è una 57enne, mercante di frutti di mare di Wuhan
INDIA
13 ore
Tutti a casa a bastonate, il Premier chiede scusa
Narendra Modi si scusa con le persone più in difficoltà e dichiara: «è necessario, non abbiamo altra scelta»
STATI UNITI
21 ore
«Gli Usa non pagheranno per la sicurezza di Harry e Meghan»
Lo ha ribadito Donald Trump in un tweet: «Ammiro il Regno Unito e la Regina, ma loro dovevano stare in Canada»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile