Keystone
Si tratterebbe di discriminazione.
EUROPA
18.06.19 - 11:580
Aggiornamento : 12:54

Germania: bocciato dall'UE il pedaggio per soli stranieri

Era stata l'Austria a presentare ricorso contro il provvedimento tedesco

BERLINO - L'istituzione di un pedaggio in Germania per l'uso delle strade federali da parte degli autoveicoli privati «è contrario al diritto dell'Unione perché è discriminatorio dato che il suo onere economico grava, in pratica, sui soli proprietari e conducenti di veicoli immatricolati in altri Stati membri».

Lo ha stabilito oggi la Corte di giustizia Ue del Lussemburgo con una sentenza emessa in seguito alla causa aperta in seguito al ricorso presentato dall'Austria contro il provvedimento tedesco.

La vicenda su cui è intervenuta la Corte Ue nasce nel 2015, quando la Germania predispose la normativa per l'introduzione di un canone per l'uso delle strade federali, comprese le autostrade, per modificare il sistema di finanziamento delle infrastrutture viarie.

Secondo la normativa, tutti i proprietari di veicoli immatricolati in Germania dovranno versare il canone, sotto forma di bollo annuo, per un importo massimo pari a 130 euro. Ma il provvedimento prevede anche che i tedeschi beneficeranno di un'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per un importo almeno equivalente a quello del canone da essi versato.

Per i veicoli immatricolati all'estero non è prevista invece alcuna esenzione. E il canone dovrà essere pagato dal proprietario o dal conducente nel caso di uso delle autostrade secondo le seguenti modalità: bolli di 10 giorni (da 2,50 a 25 euro), di due mesi (da 7 a 50 euro) o di un anno (130 euro al massimo).

L'Austria ha ritenuto che il combinato effetto del canone per l'uso delle infrastrutture e dell'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per i veicoli immatricolati in Germania nonché le modalità di configurazione e applicazione del canone per l'uso delle infrastrutture fossero contrarie al diritto dell'Unione, segnatamente al divieto di discriminazioni basate sulla cittadinanza. E dopo aver chiesto senza successo l'intervento della Commissione europea ha deciso di presentare ricorso davanti alla Corte di giustizia.

Oggi i giudici europei hanno stabilito che il canone per l'uso delle infrastrutture, combinato con l'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli di cui beneficiano i proprietari di veicoli immatricolati in Germania, costituisce una discriminazione indiretta basata sulla cittadinanza e una violazione dei principi della libera circolazione delle merci e della libera prestazione dei servizi.

In particolare, la Corte ha riconosciuto che le modalità di applicazione della tassa fanno si che l'onere economico di detto canone gravi, di fatto, sui soli proprietari e conducenti di veicoli immatricolati in altri Stati membri, rappresentando quindi una violazione del divieto di discriminazione contemplato dal diritto europeo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BANGLADESH / SVIZZERA
6 min
«In molti in Svizzera si preoccupano per quelle operaie»
In Bangladesh, la pandemia ha evidenziato le pecche di un'industria dell'abbigliamento malata: «Dev'esserci una svolta».
MONDO
5 ore
La sanità scrive al G20
40 milioni di persone uniti in una lettera, la più grande mobilitazione della comunità sanitaria degli ultimi 5 anni.
ITALIA
6 ore
«Forse non è Kawasaki, ma una malattia più grave»
La sindrome infiammatoria ha colpito alcuni giovanissimi positivi al Covid. L'esperto: «Sintomi diversi»
SVEZIA
8 ore
Rallentare il virus? «Frontiere chiuse subito. Poi è controproducente»
Dall'ECDC: «Test sierologici non sicuri al 100% e rispetto dei dati personali i nodi da sciogliere».
MONDO
9 ore
Stop ai test con l'idrossiclorochina
L'organizzazione mondiale della sanità ha sospeso «temporaneamente» in via precauzionale gli esperimenti clinici
UNIONE EUROPEA
10 ore
Riaprire le frontiere? «Guardate la situazione epidemiologica»
«Vi chiedo di coordinarvi e comunicare in modo che le persone possano viaggiare in modo sicuro»
STATI UNITI
11 ore
Una parata per celebrare il primo compleanno di un superstite della strage di El Paso
Paul Gilbert Anchondo aveva solo due mesi quando i suoi genitori sono rimasti uccisi, insieme ad altre 21 persone
GERMANIA
12 ore
Lufthansa: l'accordo per il salvataggio c'è
Lo Stato tedesco diventerà il primo azionista del gruppo con il 20% del capitale.
AUSTRIA
13 ore
In Austria il primo trapianto di un polmone per salvare una malata di Covid-19
La donna non aveva patologie pregresse ma il suo stato di salute era precipitato portandola a un passo dalla morte
STATI UNITI
16 ore
Coronavirus, ecco come l'aeroporto di Anchorage è diventato il più trafficato al mondo
L'emergenza ha fatto aumentare i voli in Alaska, mentre il resto del mondo piange le conseguenze
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile