Keystone
STATI UNITI
07.06.19 - 06:000

Tesla è davvero al tracollo? «Il marchio è troppo forte per fallire»

Da pioniere dell'elettrico a fantasma di sé stesso, sono molti in dubitare che l'azienda di Musk possa riuscire a rialzarsi. Ma è davvero così? Scopriamolo assieme

ZURIGO - Doveva essere come l'iPhone delle auto elettriche, quello che lancia la tendenza nella nicchia e poi la sdogana al grande pubblico. Così però non è stato, anzi. La promessa di un'auto di “massa” ha finito per incrinare la solidità, e la visione, tanto di un'azienda quanto di un uomo. Elon Musk, e il suo tribolato (eufemismo, questo) periodo è un buon simbolo per quello che sta succedendo all'azienda tutta. 

Ma quanto è messa male Tesla?

In realtà l'azienda è in profondo rosso da quando è stata fondata. Attualmente il deficit si aggira attorno ai 700 milioni di dollari. Il problema vero però è che le vendite stanno iniziando a calare (di circa un terzo). Per far fronte alle spese Tesla ha necessitato lo scorso maggio di un'iniezione di liquidi per circa 2,7 miliardi.

Ma qual è il problema?

Innanzitutto la logistica: i problemi di produzione e consegna, soprattutto dalle fabbriche cinesi. Poi ci sono anche diverse magagne di tipo tecnico.

E la borsa, come l'ha presa?

Male, dall'inizio dell'anno il titolo ha perso oltre il 40% del suo valore ed è scivolato sotto i 200 $. Ha contribuito a questa incertezza anche l'instabilità palese di Musk.

Tesla in bancarotta, è fantascienza?

«No, qualsiasi società può fallire. Ma con Tesla non si può trascurare la forza del marchio», commenta lo economista dell'automobile Ferdinand Dudenhöffer. Semplicemente quel nome, oggi, ha troppo valore.

Qualcuno potrebbe comprarsela? Se sì, chi?

«Fra gli interessati potrebbero esserci nomi giganteschi come Apple, Google e Amazon. Non sono però esclusi nemmeno produttori tradizionali come Fiat Chrysler o aziende automobilistiche cinesi», conferma l'esperto.

Se invece dovesse andare con le gambe all'aria, chi ci guadagnerebbe?

«Se un leader d'innovazione come Tesla finisce in cattive acque, a giovarne sarebbe praticamente tutta la concorrenza», ribadisce Dudenhöffer. Stando agli analisti fra i primi della lista a sorridere ci sarebbero Bmw e Daimler.

Commenti
 
KilBill65 4 mesi fa su tio
Ormai Tesla o no, il futuro e' quello!!!.....Il gruppo Volkswagen aveva annunciato che fra' un decina di anni costruira' auto solo elettriche…..E penso che le altre marche seguiranno a ruota!!!....
Thor61 4 mesi fa su tio
@KilBill65 Quali altri marchi? A parte Toyota, tutto il resto è ormai in mani tedesche o francesi!!! personalmente spero in un futuro migliore dell'elettrico attuale. Troppo pericoloso e troppo inquinante!!! Saluti
Pongo 4 mesi fa su tio
Elon Musk non ragiona come gli imprenditori "normali", i concetti di economia e società sono molto diversi. La sua mente è superiore a borsa, economia e cose varie.. peccato che non siano trascurabili
jena 4 mesi fa su tio
i problemi principali sono dovuti alle visioni di Elon, troppi soldi spesi male, troppi progetti tutti nello stesso tempo, mancanza di pianificazione societaria, ...
Felice Camponovo 4 mesi fa su fb
Interessante articolo che dice semplicemente come stanno le cose. Più interessante però è percorrere gli articoli di TIO su tesla, ne parla sempre con accezione negativa. Un esempio in aprile non ha mai riportato che in Svizzera è stata la vettura più venduta in assoluto. Certo, un solo mese, con la consegna di auto prenotate con anni di anticipo ma non venite a dirmi che non sia una notizia eclatante (da clickbait come da abitudine TIO, semza alcun approfondimento, per carità) Sarà che tesla non spende in pubblicità, non ha un ufficio stampa attivo come le altre Marche oppure semplicemente TIO è schierato con il mondo che le rema contro?
Valerio Castellani 4 mesi fa su fb
Ma sarà vero sarà falso Sarà Fergusson sarà il prezzo o prezzi boh pubblicità ⚒⚒🍀⚒⚒🍼🍼🍼🍷🐺
Maurizio Ferrari 4 mesi fa su fb
Ho letto l’articolo ma mo sembra un’analisi un po’ affrettata...
Evry 4 mesi fa su tio
Solo invidia e gelosia.
TOP NEWS Dal Mondo
TURCHIA
42 min

Accordo per il cessate il fuoco in Siria

È l'esito dell'incontro tra il vicepresidente Usa Pence e il presidente turco Erdogan

ITALIA
1 ora

A Como l'outlet dove i commessi sono speciali

"For&From" ospiterà una dozzina di persone con disabilità che lavoreranno nello spazio di 270 metri quadrati, privo di barriere

UNIONE EUROPEA
2 ore

Brexit, i leader dell'Ue approvano l'accordo

Il dibattito tra i 27 è terminato con l'adozione delle conclusioni circolate

VIDEO
STATI UNITI
5 ore

Uomo privo di sensi sui binari, salvato all'arrivo del treno

È stato un poliziotto della Utah Highway a intervenire giusto in tempo. Per molti è stato un eroe

REGNO UNITO
6 ore

Brexit: le nuove regole speciali per l'Irlanda del Nord

Nella nuova intesa è stato riaperto il protocollo su Irlanda e Irlanda del Nord, inserendo «soluzioni legalmente operative»

FRANCIA
9 ore

Sì alle telecamere nascoste sul luogo di lavoro

Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani nella sentenza definitiva emessa oggi

AGGIORNAMENTI
UNIONE EUROPEA
9 ore

Trovato l'accordo sulla Brexit. Sabato si vota

Lo hanno dichiarato Jean-Claude Juncker e Boris Johnson

VIDEO
REGNO UNITO
11 ore

Bloccano la metropolitana: pendolari attaccano i manifestanti

Continuano le proteste del gruppo Extinction Rebellion. Tensioni questa mattina a Londra

FOTO E VIDEO
SPAGNA
13 ore

Terza notte di fuoco in Catalogna: travolti due manifestanti

Il presidente Torra: «La protesta sia pacifica». Gli stessi leader separatisti catalani detenuti hanno preso le distanze dagli indipendentisti violenti

STATI UNITI
15 ore

Sandy Hook, un negazionista dovrà risarcire il padre di una delle vittime

Leonard Pozner aveva fatto causa a James Fetzer, che ha sostenuto in un libro che il massacro del 2012 non sia mai avvenuto

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile