Keystone
Il procuratore speciale ha parlato per la prima volta del caso Russiagate.
STATI UNITI
29.05.19 - 19:490
Aggiornamento : 21:26

«Trump? Non posso escludere abbia commesso dei reati»

Robert Mueller rompe il silenzio e dice la sua sulle conclusioni del Russiagate che hanno creato una moltitudine di polemiche nelle ultime settimane. «Mancano le prove»

WASHINGTON - Robert Mueller rompe il silenzio. Per la prima volta da quando ha preso in mano le indagini sulle interferenze russe nelle elezioni Usa del 2016 parla all'America. In diretta tv dice finalmente la sua sulle conclusioni del Russiagate che tante polemiche hanno scatenato nelle ultime settimane, generando una gran confusione nell'opinione pubblica.

Il procuratore, in dieci minuti che devono essere sembrati interminabili alla Casa Bianca, legge e pesa attentamente le parole, di fatto ribadendo per filo e per segno quanto scritto nelle 448 pagine del rapporto inviato al Congresso: «Non siamo riusciti a determinate se il presidente Trump abbia commesso reati. Se ne fossimo stati convinti, lo avremmo detto».

Mueller, accusato per mesi da Donald Trump di guidare la più clamorosa caccia alle streghe della storia americana, non esclude quindi che il tycoon possa essersi macchiato di crimini come quello di ostruzione della giustizia. Semplicemente, ammette, lui e il suo team di investigatori non sono riusciti a provarlo. Un'ammissione che lascia aperte le speranze di chi sogna un impeachment, ma che intanto viene accolta con un sospiro di sollievo alla Casa Bianca, avvertita la sera prima della decisione di Mueller di intervenire.

Così passano pochi minuti dalla diretta e il presidente americano si fa vivo come suo solito via Twitter: «Niente cambia dal rapporto. Ci sono state prove insufficienti e perciò, nel nostro Paese, in casi come questo una persona è innocente. Il caso è chiuso! Grazie». Concetto ribadito poco dopo dalla sua portavoce Sarah Sanders, che invita a voltare definitivamente pagina. Ma se il caso è chiuso davvero lo diranno le prossime settimane e i prossimi mesi. Perché ora la palla più che mai passa al Congresso che, complice la campagna elettorale per le presidenziali del 2020, continuerà ad indagare. E il pressing per incriminare il presidente cresce di giorno in giorno tra le fila dei democratici, mettendo in difficoltà anche la speaker della Camera Nancy Pelosi.

L'unica chiusura certa intanto sarà quella, al Dipartimento di giustizia, dell'ufficio di Mueller, che ha sancito formalmente la fine del suo lavoro, annunciando il ritorno alla vita privata dopo due anni vissuti pericolosamente, in prima linea, seppur sempre nell'ombra e nella massima discrezione. E che la sua volontà sia quella di uscire definitivamente di scena Mueller lo dice chiaramente, rivolgendosi direttamente al Congresso: lui non salirà a Capitol Hill per testimoniare, come da tempo gli viene chiesto insistentemente. «La mia testimonianza è il mio rapporto, ogni altra testimonianza non aggiungerebbe nulla a quel rapporto». Punto.

Si toglie anche qualche sassolino dalle scarpe il procuratore, lasciando intendere che non intende più farsi tirare per la giacca da nessuno, e replicando a chi lo accusa di non essere andato fino in fondo: «Incriminare un presidente in carica non era un'opzione, non è un'opzione che in base alla legge poteva prendere in considerazione un procuratore speciale». Questo semmai spetta al Congresso. Con quest'ultimo però potrebbe aprirsi un vero e proprio braccio di ferro, visto che dalla Camera a maggioranza democratica si insiste sulla necessità di un'audizione del riluttante procuratore.

Pelosi: «Mueller non ha scagionato Trump» - Il procuratore speciale Robert Mueller ha ribadito l'estensione degli sforzi russi per interferire nelle elezioni Usa e che Donald Trump non è stato scagionato dall'ostruzione della giustizia. Lo ha detto la speaker della Camera Nancy Pelosi, sottolineando che «il presidente non è al di sopra della legge" e annunciando che "il Congresso continuerà ad indagare e a legiferare per proteggere le nostre elezioni».

Sanders: «Pronto a sostenere l'impeachment» - «Dato che abbiamo un presidente che crede di essere sopra la legge, il Congresso deve continuare le sue indagini. Se la commissione giustizia del Senato lo considera necessario sosterrò la sua decisione di aprire una richiesta di impeachment». Lo twitta il candidato presidenziale dem Bernie Sanders, dopo le polemiche seguite alle dichiarazioni del procuratore speciale del Russiagate Robert Mueller sul suo rapporto e su Donald Trump.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile