Immobili
Veicoli
Keystone
CINA / CANTONE
13.05.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:59

Rinnovabili: «Certo che la Cina ha fatto il primo passo. La Svizzera? C'è da fare»

I grandi inquinatori sono davvero fermi al palo? Ne abbiamo parlato con gli esperti di rinnovabili della SUPSI

PECHINO / LUGANO - Nel dibattito sulla lotta ai cambiamenti climatici che imperversa sui media, c'è spesso chi obietta che, a fare "il primo passo" verso la svolta energetica, dovrebbero essere i grandi inquinatori, come la Cina, l'India o gli Stati Uniti. Ma davvero questi Paesi sarebbero fermi al palo? E la Svizzera (piccola rispetto a loro, è vero) a che punto è? Ne abbiamo parlato con Mauro Caccivio e Davide Rivola, ricercatori del Dipartimento ambiente, costruzione e design della SUPSI.      

I principali inquinatori mondiali - Cina, Stati Uniti e UE a 28 in testa - hanno iniziato il passaggio alle rinnovabili? 

Mauro Caccivio: Certo che hanno cominciato. La Cina, in particolare, ha dato una sterzata molto forte. Continua ad aggiungere capacità in termini di produzione e sta installando tantissimi impianti sul suo territorio. Anche in termini di ricerca ha investito moltissimo.

Come mai questa svolta?   

Mauro Caccivio: È stata determinata anche da una fortissima pressione da parte dell’opinione pubblica cinese. Fino al 2015 l’aria a Pechino era irrespirabile e la gente moriva per l'inquinamento. Il governo ha dovuto tenerne conto. Stilando il suo ultimo piano quinquennale, ha quindi introdotto incentivi importanti sulle rinnovabili.

La Cina è una finta “cattiva” insomma?

Mauro Caccivio: Il problema serio è che continuano anche a costruire centrali a carbone che sono state pianificate tanto tempo fa.

Davide Rivola: A determinare la svolta verso le rinnovabili è anche una questione di costi. In Paesi dove c’è un soleggiamento più forte rispetto alla Svizzera, per esempio, i grandi impianti fotovoltaici possono avere prezzi più bassi del carbone e questo fa cambiare la direzione degli investimenti. Persino in Arabia Saudita - che come i suoi vicini non incentiva affatto le rinnovabili - hanno vinto dei bandi dei progetti fotovoltaici che garantivano un costo di generazione della metà rispetto al carbone.

E gli Stati Uniti? A che punto sono?

Davide Rivola: È interessante notare che, nel 2018, gli Stati Uniti di Trump sono stati il Paese che ha ridotto di più le emissioni, molto più dell’Europa (Usa: -0,8% per il CO2 fossile, EU28:  +1,1%, Ndr). Nonostante le discussioni sugli accordi sulle riduzioni, c’è stato un passaggio dal carbone al gas naturale che ha ridotto in modo massiccio le emissioni. È il risultato di una combinazione di pressioni dal basso e considerazioni economiche.

Mauro Caccivio: È una combinazione potente. Dopo Fukushima anche il Giappone ha fatto degli investimenti impressionanti sulle rinnovabili. E non gli bastano ancora. Dovrà rilanciare.

Come procede la svolta nell'UE?

Mauro Caccivio: Prosegue. Faticosamente, ma prosegue.

Davide Rivola: Ci sono Paesi, come la Germania, l’Italia e la Danimarca, che hanno una quota di rinnovabili veramente elevata. In Germania ora il tema è la fine del carbone. Servirà una mediazione politica perché si tratta di un’industria importante, ma si stanno delineando decisioni abbastanza chiare. Già adesso, del resto, la combinazione di eolico e solare è in grado di soddisfare interamente il fabbisogno energetico tedesco per alcune ore o giorni, soprattutto in primavera.  

E la Svizzera? Tiene il passo?

Davide Rivola: Con il Masterplan 2050 è stato deciso di spegnere gradualmente il nucleare. Il potenziale maggiore è nel solare, con un po’ di eolico. Per l’idroelettrico c'è un potenziale di miglioramento, ma è già molto ben sfruttato. Del resto, a fine '800 siamo stati pionieri in questo ambito.   

Mauro Caccivio: Se si vogliono chiudere le centrali nucleari servono ancora circa 20 GW di fotovoltaico a fronte dei circa 2 GW installati oggi. C’è ancora uno sforzo importante da fare.

In Ticino partirà quest'anno la costruzione del Parco eolico del San Gottardo, ma qual è l'energia rinnovabile del futuro del nostro cantone?

Davide Rivola: Il futuro, oltre che nell’idroelettrico, è nel fotovoltaico, con un po’ di biomassa. Anche perché il fotovoltaico può essere facilmente integrato nel panorama costruito, per esempio sui tetti. Non si parla di fotovoltaico a campo, che andrebbe a rubare metri quadrati particolarmente preziosi nel nostro cantone.

Mauro Caccivio: Per quanto riguarda il fotovoltaico integrato, l’Europa e la Svizzera si giocano anche un ruolo importante in termini di ricerca e di produzione. Una delle  scommesse è, anzi, sviluppare la seconda, che è quasi completamente sparita nel Vecchio Continente.        

E il Ticino è pronto per la svolta?

Davide Rivola: Io lavoro nell’ambito di Smart Grid, la rete elettrica intelligente, e, se dieci anni fa ci chiedevano se avesse senso puntare sul fotovoltaico, ora ci chiedono come integrarlo e adattare la rete elettrica. Per le aziende elettriche non è più una questione di “se” ma di “come”. C’è stato un cambio di mentalità enorme in dieci anni, gli operatori sono stati molto dinamici. Il vantaggio del fotovoltaico, del resto, è quello dell’industria elettronica: i costi della produzione e i prezzi scendono velocemente.  

La produzione di elettricità nel mondo (Ren21)

73,5% Da fonti non rinnovabili

26,5% Da fonti rinnovabili

Elettricità generata da fonti rinnovabili

Svizzera e Liechtenstein 59,8% (2016)

UE 29,6% (2017) 

Cina 27% (2017)

Stati Uniti 18% (2017)

Russia 16,9% (2016)

India 16,88% (2018)

Giappone 15% (2016)

Emissioni di CO2 pro capite nel 2017 (in tonnellate)

Stati Uniti 15,74
Russia 12,26 
Giappone 10,36 
Cina 7,72
Ue a 28 6,97
Mondo 4,92
Svizzera e Liechtenstein 4,69 
India 1,83

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
2 ore
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
3 ore
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
AFGHANISTAN
6 ore
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
COREA DEL NORD
12 ore
Il coronavirus che dilaga e la (troppa) fame dei nordcoreani
I medici militari sono stati incaricati di portare con urgenza i farmaci di cui Pyongyang ha estremo bisogno
AFRICA
15 ore
«Le stuprano per curarle dall'omosessualità»
Cosa vuol dire essere gay in alcuni paesi africani? Lo spiega Sabrina Avakian, criminologa ed esperta in Diritti Umani
EUROPA
16 ore
Erdogan respinge Svezia e Finlandia
Il presidente turco: «Non perdano tempo a venire qui, a provare a convincerci»
STATI UNITI
18 ore
Buffalo, una strage pianificata da mesi
Il giovane aveva pubblicato online i dettagli in un lungo documento. Lo scorso marzo il sopralluogo nel supermercato
REGNO UNITO
19 ore
Tanto sesso, siamo inglesi. Scandali a Westminster
Molestie, ministri che guardano filmati porno in aula, corruzioni in cambio di favori ambigui.
SPAGNA
1 gior
Una mosca preoccupa la Spagna
Con il cambiamento climatico la presenza di simulidi sta aumentando e potrebbe diventare un problema di salute pubblica
SPAGNA
1 gior
Scontro fra treni, muore un macchinista
Un convoglio che trasportava merci è deragliato, finendo muso contro muso contro un treno passeggeri
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile