Keystone - foto d'archivio
ISRAELE
03.05.19 - 14:280

Cellule embrionali senza ovuli e spermatozoi

I ricercatori hanno scoperto una combinazione di cinque geni che, una volta inseriti nelle cellule della pelle, le riprogrammano in tipi di cellule completamente diversi

GERUSALEMME - Ottenute cellule embrionali senza dover utilizzare ovuli e spermatozoi: per la prima volta cellule della pelle di topo sono state trasformate direttamente nei tre principali tipi di cellule che si formano all'inizio dello sviluppo embrionale: le staminali embrionali, quella della placenta e del cordone ombelicale.

Pubblicata sulla rivista Cell Stem Cell e condotta dalla Hebrew University di Gerusalemme, la ricerca è il primo passo per ottenere interi embrioni senza dover utilizzare cellule germinali. Permetterà anche di studiare meglio molti disturbi dello sviluppo del feto e della placenta, così come di risolvere alcuni problemi di infertilità.

I ricercatori, guidati da Hana Benchetrit, Mohammad Jaber e Valery Zayat, hanno scoperto una combinazione di cinque geni che, una volta inseriti nelle cellule della pelle, le riprogrammano in tipi di cellule completamente diversi, cioè quelli necessari allo sviluppo dell'embrione. La completa trasformazione, guidata da due dei cinque geni introdotti, richiede circa un mese.

Osservando il modo in cui agisce il cocktail di geni, gli autori dello studio hanno scoperto che durante le prime fasi dello sviluppo embrionale le cellule della pelle perdono la loro identità e lentamente ne acquisiscono una nuova, a scelta tra le tre disponibili.

Si tratta del primo esperimento di questo tipo ed è un notevole passo avanti rispetto alla procedura messa a punto nel 2006 dal gruppo di Shinya Yamanaka, dell'Università di Kyoto, che prevede l'introduzione di quattro geni. Grazie a quell'esperimento, premiato nel 2012 con il Nobel per la Medicina, è diventato possibile far regredire nello sviluppo una cellula adulta. Tuttavia il viaggio nel tempo di quelle cellule non arrivava così indietro fino a ottenere i tessuti che si formano all'inizio dello sviluppo embrionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
4 ore
La sanità scrive al G20
40 milioni di persone uniti in una lettera, la più grande mobilitazione della comunità sanitaria degli ultimi 5 anni.
ITALIA
5 ore
«Forse non è Kawasaki, ma una malattia più grave»
La sindrome infiammatoria ha colpito alcuni giovanissimi positivi al Covid. L'esperto: «Sintomi diversi»
SVEZIA
8 ore
Rallentare il virus? «Frontiere chiuse subito. Poi è controproducente»
Dall'ECDC: «Test sierologici non sicuri al 100% e rispetto dei dati personali i nodi da sciogliere».
MONDO
8 ore
Stop ai test con l'idrossiclorochina
L'organizzazione mondiale della sanità ha sospeso «temporaneamente» in via precauzionale gli esperimenti clinici
UNIONE EUROPEA
10 ore
Riaprire le frontiere? «Guardate la situazione epidemiologica»
«Vi chiedo di coordinarvi e comunicare in modo che le persone possano viaggiare in modo sicuro»
STATI UNITI
10 ore
Una parata per celebrare il primo compleanno di un superstite della strage di El Paso
Paul Gilbert Anchondo aveva solo due mesi quando i suoi genitori sono rimasti uccisi, insieme ad altre 21 persone
GERMANIA
12 ore
Lufthansa: l'accordo per il salvataggio c'è
Lo Stato tedesco diventerà il primo azionista del gruppo con il 20% del capitale.
AUSTRIA
12 ore
In Austria il primo trapianto di un polmone per salvare una malata di Covid-19
La donna non aveva patologie pregresse ma il suo stato di salute era precipitato portandola a un passo dalla morte
STATI UNITI
15 ore
Coronavirus, ecco come l'aeroporto di Anchorage è diventato il più trafficato al mondo
L'emergenza ha fatto aumentare i voli in Alaska, mentre il resto del mondo piange le conseguenze
GERMANIA
17 ore
Volkswagen dovrà risarcire i proprietari delle sue auto diesel
Lo ha decretato la Corte federale tedesca, l'ammontare dipenderà dal chilometraggio della vettura
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile