Keystone
Il leader ammette: «Ora possono cercare di sequestrarmi in qualsiasi momento».
VENEZUELA
03.04.19 - 07:200

Revocata l'immunità a Guaidó

L'assemblea nazionale costituente ha approvato ieri un decreto con cui si autorizza l' eventuale incriminazione del presidente ad interim

CARACAS - L'Assemblea nazionale costituente (Anc, maggioranza governativa) venezuelana ha approvato ieri un decreto con cui si autorizzano l'incriminazione e la revoca dell'immunità di Juan Guaidó, capo del Parlamento oppositore autoproclamatosi presidente ad interim del Paese.

La decisione è stata adottata su proposta del Tribunale supremo di giustizia (Tsj), che ha accusato Guaidó di aver trasgredito un divieto impostogli di lasciare il Paese.

Leggendo il resoconto del dibattito che ha autorizzato la misura, il presidente della Anc, Diosdado Cabello, ha sostenuto che «è formalmente autorizzata la prosecuzione del processo nei confronti del cittadino Juan Guaidó, in modo che la giustizia, d'accordo con la Costituzione e le leggi, possa incaricarsi di applicare i meccanismi previsti nei diversi codici di procedura penale».

«Juan Guaidó è il nulla - ha ancora detto Cabello - e si muove con atteggiamento di sfida, ma oggi sono felici i partiti che non fanno parte del suo gruppo perché gli stiamo revocando l'immunità, e noi ora stiamo agendo in base alla Costituzione».

Teoricamente il leader dell'opposizione può da ora essere arrestato in qualsiasi momento. Presagendo il peggio Guaidó, dopo aver dichiarato che «non esiste legittimità né di revocarmi l'immunità né di arrestarmi», ha ammesso ieri pomeriggio che «possono cercare di sequestrarmi in qualsiasi momento».

In seguito all'annuncio dell'approvazione del decreto, Guaidó ha affermato che «l'illegittima Assemblea nazionale costituente (Anc) non ha avuto coraggio di specificare la parola "revoca" (della sua immunità)». In dichiarazioni rilanciate dal quotidiano El Nacional, Guaidó ha sostenuto che «continuano a sbagliarsi quando chiedono il plotone di esecuzione, se poi non hanno nemmeno il coraggio di mettere (la parola) "revoca" nel decreto».

Perché, ha proseguito, «dicono una cosa e poi cambiano la denominazione nel decreto costituzionale? Perché hanno paura. Pensano che tirando giù un decreto sfuggiranno alla responsabilità storica che hanno in questo momento». Loro, ha aggiunto rivolgendosi ad un gruppo di sostenitori, «credono che attaccando me e i miei collaboratori bloccheranno la speranza di cambiamento in Venezuela. Mi hanno sequestrato il 13 gennaio, e sono qui. Mi hanno detto che mi avrebbero messo in manette, e sono qui. Ieri hanno inviato paramilitari a spararci, e sono sempre qui».

Alludendo infine alle possibili conseguenze del decreto che lo riguarda. Guaidó ha indicato che nel caso ipotetico che il regime lo sequestrasse esiste una "Road Map" che prevede le azioni da portare avanti. «Tutte le carte sono sul tavolo - ha concluso - compresa l'ipotesi di invocare l'articolo 187 della Costituzione (che prevede come forma di cooperazione l'invito di forze militari straniere nel Paese), ma sappiamo che questo dipende dai nostri alleati. A noi spetta mantenerci uniti e in mobilitazione permanente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
1 ora
Atterrato a Sydney il primo volo non-stop da Londra
Un viaggio record quello del Boeing 787-9 per la durata ma anche per la distanza percorsa, 17'800 km
IRAN
2 ore
L'Iran raziona il petrolio e aumenta i prezzi
Le entrate serviranno per aumentare i sussidi ai bisognosi, stimati in 18 milioni di persone
STATI UNITI
3 ore
Minaccia di sparare ai suoi allievi: insegnante arrestata
La donna insegnava in una scuola media dello stato di Washington e ora si trova in congedo amministraivo
ITALIA
13 ore
Condannati a 12 anni i carabinieri che pestarono Cucchi: «Forse ora riposerà in pace»
Due militari sono stati riconosciuti colpevoli di omicidio preterintenzionale. La sentenza arriva a 10 anni dal decesso
CINA
14 ore
Allianz, "la straniera" in Cina
La compagnia assicurativa ha ricevuto il via libera dall'apposita commissione bancaria e assicuratrice
FOTO
STATI UNITI
15 ore
16enne spara a scuola, due morti
È accaduto a Santa Clarita, in California. Due persone sono in gravi condizioni. L'aggressore è stato arrestato ed è ferito
ITALIA
15 ore
«Venezia fa acqua da tutte le parti», la rete si riempie di odio
A messaggi di affetto e solidarietà per la catastrofe che ha colpito la Laguna si aggiungono gli sfoghi di chi ne ha approfittato per criticare la gestione della Serenissima
ITALIA
18 ore
Acqua alta a Venezia: «In questo momento il MO.S.E. non si può alzare»
Perché le paratie già esistenti non sono state azionate per difendere la città? Il commissario responsabile lo spiega al Corriere della Sera. La barriera non sarà pronta prima di fine 2021
AUSTRIA
21 ore
Sottufficiale austriaco sbranato dai propri cani
Il tragico fatto è avvenuto in caserma. Il militare era entrato nel recinto dei suoi pastori belgi Malinois
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile