TiPress - foto d'archivio
AUSTRALIA
29.03.19 - 09:490

Pedofilia, chiesti 3'300 risarcimenti

Il governo si aspetta che tutte le entità in cui sono stati commessi abusi sessuali istituzionali di minori si registrino al più presto con lo schema

SYDNEY - Più 3300 persone hanno presentato finora domanda di risarcimento in Australia allo schema nazionale di ricorso e risarcimento, avviato lo scorso luglio per sopravvissuti ad abusi di pedofilia nelle istituzioni australiane, ma solo 115 pagamenti sono stati finora effettuati.

Al programma da 4 miliardi di dollari australiani (2,8 miliardi di franchi) potrebbero accedere fino a 60mila vittime con risarcimenti fino a 150mila dollari (106'000 franchi) nei casi estremi.

Le ultime cifre mostrano che lo schema sia pur lentamente procede, mentre decine di organizzazioni lo hanno ufficialmente sottoscritto. Molte nuove domande tuttavia riguardano istituzioni dove gli abusi furono commessi, ma che non hanno ancora aderito allo schema.

Il programma mette in atto una delle raccomandazioni chiave della Commissione nazionale d'inchiesta sulle risposte delle istituzioni agli abusi di pedofilia, che per oltre due anni ha indagato su chiese, enti di beneficenza, governi locali, scuole, organizzazioni comunitarie e polizia. Le chiese cattolica e anglicana e la Uniting Church, Scouts Australia, l'Esercito della Salvezza e YMCA Australia hanno finora sottoscritto lo schema, che è amministrato del Dipartimento federale dei servizi sociali e procede per 10 anni.

Il governo si aspetta che tutte le entità in cui sono stati commessi abusi sessuali istituzionali di minori si registrino al più presto con lo schema, ha detto il ministro per le Famiglie e i Servizi Sociali, Paul Fletcher. «I sopravvissuti possono presentare domanda di risarcimenti in qualunque tempo, ma le domande possono essere evase solo dopo che l'istituzione interessata ha compiuto i passi necessari per partecipare allo schema».

Possono fare domanda cittadini e residenti australiani se hanno subito abusi sotto l'età di 18 anni e se questi sono stati commessi in un istituto responsabile di averli posti in contatto con chi li ha perpetrati. Potranno farlo entro fino al 30 giugno 2027. Il modulo di domanda è tuttavia complesso, conta circa 30 pagine, e viene raccomandato dalle organizzazioni di supporto di ottenere assistenza legale per compilarlo. Mentre il risarcimento massimo previsto è di 150'000 dollari, una causa civile può assegnare alle vittime centinaia di migliaia di dollari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
7 min
TikTok vuole spostare il suo centro di potere negli Stati Uniti
La nomina a Ceo dell'ex manager di Disney, Kevin Mayer, sarebbe solo la parte più visibile di una strategia precisa
REGNO UNITO
56 min
È morto Bob Weighton, l'uomo più vecchio del mondo
Aveva 112 anni, e da poco aveva ereditato il titolo dal giapponese Chitetsu Watanabe
COREA DEL SUD
3 ore
Aumento dei contagi, richiudono le scuole
Gli studenti erano tornati nelle classi solamente una settimana fa
CINA
4 ore
Volkswagen investe nell'elettrico
Per il momento, il colosso automobilistico punta sul mercato cinese
STATI UNITI
5 ore
Terza notte di scontri a Minneapolis, colpito anche il commissariato
Un corteo ha marciato per le vie della città, urlando slogan contro la polizia e il presidente americano
VIDEO
AUSTRALIA
7 ore
Ash, il primo koala nato nel parco dopo gli incendi
I guardiani hanno deciso di dargli un nome simbolico, che richiama la tragedia che ha colpito per mesi il Paese
UNIVERSO
13 ore
Un pianeta abitabile a soli quattro anni luce di distanza?
Un team internazionale di ricercatori indaga sull'abitabilità di Proxima b
HONG KONG
15 ore
Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong
Le leggi al vaglio minano i diritti civili e le libertà del popolo di Hong Kong, l'allarme di Amnesty International
FRANCIA
16 ore
Saltano 15mila posti di lavoro da Renault
Il costruttore spera di gestire i tagli attraverso le uscite volontarie, misure di mobilità interna e riqualificazione
VENEZUELA / USA
17 ore
Band venezuelane finanziate dagli Usa per «promuovere la libertà d'espressione»
L'idea era quella di destabilizzare il governo Chavez nel 2011. La stessa tattica è stata attuata anche a Cuba
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile