Deposit
Rifiutare il trasferimento dell'embrione non è permesso dalla legge 40
ITALIA / SVIZZERA
27.03.19 - 14:190
Aggiornamento : 15:04

Costretta a rimanere incinta: «L'Italia ha violato il diritto alla salute»

Una donna costretta dalla legge a farsi impiantare un embrione con poche possibilità di successo si è vista dare ragione

ROMA / GINEVRA - L'Italia ha violato «il diritto alla salute» di una donna dopo che le norme sul trattamento della fertilità l'hanno portata a subire una «gravidanza forzata». Lo ha affermato un comitato di esperti dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu) in una decisione pubblicata oggi a Ginevra.

Il Comitato Onu sui diritti economici, sociali e culturali, composto da 18 esperti indipendenti, si è pronunciato sul caso in seguito alla «denuncia individuale presentata congiuntamente dalle vittime, una donna e un uomo, in cui si asseriva che l'Italia aveva violato i loro diritti umani», spiega un comunicato. Nelle sue conclusioni il Comitato chiede un risarcimento delle vittime.

La coppia era ricorsa alle cure di una clinica per la fertilità nel 2009 e la clinica aveva prodotto un embrione con scarse probabilità di successo. Temendo di andare incontro ad un aborto, la donna aveva chiesto che l'embrione non fosse trasferito in utero. Tuttavia, la clinica la informò che rifiutare il trasferimento non era permesso dalla legge 40 e aveva minacciato di denunciarla. La donna si sentì costretta a consentire alla procedura e poi subì un aborto spontaneo.

In Italia tuttavia, precisa l'avvocato Filomena Gallo, segretario dell'Associazione Luca Coscioni, «con sentenza della Corte Costituzionale, sempre del 2009, è stato chiarito che devono essere trasferiti nell'utero della donna i soli embrioni che non creano nocumento alla salute della donna; pertanto pur rimanendo il divieto di revoca del consenso all'impianto da parte della coppia, è il medico che decide caso per caso la tutela della salute della donna che non dovrà affrontare alcun aborto necessario o spontaneo a causa dell'impianto di un embrione non idoneo per una gravidanza».

Per il Comitato la legge italiana applicabile in questo caso «limita il diritto delle donne sottoposte al trattamento di fertilità di ritirare il proprio consenso, portando a possibili interventi medici forzati o addirittura a gravidanze, per le donne sottoposte a trattamenti di fecondazione in vitro», spiega il comunicato. Secondo gli esperti Onu, «le possibili conseguenze sulle donne sono estremamente gravi, costituendo una violazione diretta del loro diritto alla salute e all'integrità fisica» e il trasferimento di un embrione all'utero della donna senza il suo valido consenso costituiva una violazione del suo diritto al miglior stato di salute possibile e la parità di genere.

Il Comitato chiede all'Italia di risarcire le vittime, di assicurarsi che abbiano accesso al trattamento senza timore di eventuali interventi medici forzati e di adottare le misure necessarie per garantire il diritto di tutte le donne a prendere decisioni libere in merito ad interventi medici che riguardano i loro corpi, in particolare garantendo il loro diritto di ritirare il loro consenso al trasferimento degli embrioni nel loro utero. Gli esperti invitano anche l'Italia a rispondere entro sei mesi al Comitato e spiegare come il paese sta attuando la sua decisione.

Il Comitato per i diritti economici, sociali e culturali dell'Onu monitora i diritti umani nei Paesi che hanno aderito al Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, che l'Italia ha ratificato nel 1978.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISLANDA / STATI UNITI
1 min

In Islanda una lapide per il ghiacciaio scomparso e un messaggio ai posteri

«Solo voi sapete se abbiamo fatto abbastanza per salvare gli altri», si legge sulla targa che sarà posata in agosto

GERMANIA
2 ore

In Germania la pista ciclabile più costosa del mondo: 10 milioni di euro al km

La fattura per i lavori, in corso da 13 anni, è lievitata dai 38,8 milioni preventivati a 115. Per 11,3 km di percorso

AUSTRIA
3 ore

È morto il direttore dell'Aiea

Il giapponese Yukiya Amano aveva 72 anni, la notizia è stata data dalla stessa Agenzia internazionale per l'energia atomica

FRANCIA
7 ore

Il "Soldato volante" attraverserà la Manica con il suo Flyboard

Il 40enne che il 14 luglio scorso ha stregato il pubblico sugli Champs-Élysées tenterà l'impresa giovedì

ITALIA
16 ore

Gasherbrum VII: Cassardo portato ancora più a valle

L'alpinista ferito è stato portato nella zona del cosiddetto Gasherbrum II Campo Uno

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile