Keystone (archivio)
COREA DEL NORD
01.03.19 - 19:380

I dubbi coreani sui colloqui con gli Stati Uniti

Il fallimento del secondo summit con Donald Trump ha un po' raffreddato le convinzioni del leader Kim Jong-un

PYEONGYANG - La Corea del Nord e il leader Kim Jong-un si interrogano a questo punto sulla necessità di andare avanti coi colloqui con gli Usa sulla denuclearizzazione dopo il fallimento del secondo summit con Donald Trump.

Lo ha detto la vicemistro degli Esteri Choe Son-hui, tra i funzionari di primo piano del Nord su nucleare e rapporti con gli Stati Uniti, in un incontro ad Hanoi con un gruppo di media sudcoreani, tra cui la Yonhap, in quella che è apparsa come un'altra risposta mediatica dopo la brusca rottura dei negoziati di ieri.

Choe ha lamentato che il suo Paese dovrebbe avere un adeguato compenso per aver bloccato per più di un anno i test nucleari e di missili a lungo raggio, ad esempio, con la rimozione di almeno alcune delle sanzioni dell'Onu.

Un nodo, quest'ultimo, alla base della brusca rottura e della chiusura anticipata del summit, spiegata con motivazioni non del tutto coincidenti dalle parti, ma concordanti nell'indicare i dissapori nelle precondizioni per allentare proprio le sanzioni.

«Mi chiedo se dobbiamo continuare i colloqui», ha affermato la diplomatica, richiamando il discorso d'inizio anno del leader in cui rimarcava con toni minacciosi che al Nord non sarebbe rimasto che perseguire una «differente strada» rispetto al dialogo a meno che gli Usa non avessero «fatto passi reciproci».

«Ho la sensazione che il presidente Kim stia cambiando un po' il suo pensiero» nei confronti dei negoziati con gli Usa, ma «è una mia personale sensazione», ha aggiunto Choe.

Pyongyang, è il disappunto, ha fatto gesti d'apertura e alcune sanzioni Onu sono state decise, nella lettura della diplomatica, per le ripetute provocazioni e che quindi dovrebbero cadere se venuti meno i loro presupposti essendo state sospese da oltre 15 mesi le attività nucleari e missilistiche.

In aggiunta alla carenza di segnali dall'Onu, gli Usa hanno messo sul tavolo "un'incauta affermazione" che il Nord dovrebbe smantellare i suoi impianti nucleari e missilistici: in altri termini, l'accusa di Choe a Washington è di aver cambiato gli obiettivi iniziali (lo smantellamento del complesso atomico di Yongbyon) e adesso parlano di altri siti. Kim, invece, ha fatto la "migliore offerta" su Yongbyon, da demolire sotto la supervisione degli esperti Usa.

Le parole di Choe, così come è apparso la scorsa notte nella conferenza stampa d'urgenza del ministro degli Esteri Ri Yong-ho, riflettono timori e dubbi sul futuro della denuclearizzazione dopo la rottura Trump-Kim, anche se pubblicamente le parti hanno confermato la volontà di proseguire.

Commenti
 
vulpus 6 mesi fa su tio
Trump ha bisogno di lustro, e visto che in patria è oramai alla porta dei tribunali, ha tentato di fare il grande in casa d'altri. Vi è da sperare che altri grandi nazioni facciano il passo di non più affamare un popolo , per ottenere qualcosa che neppure si è sicuri che esista. Altre guerre sono state scatenate per fatti inesistenti, e le conseguenze le vediamo ancora oggi. L'esperienza dell'ultimo decennio ha dimostrato che questi interessamenti in casa d'altri non sono finalizzati alla sicurezza generale degli altri, ma con scopi ben specifici, manovrati da guerrafondai e il resto al seguito
lo spiaggiato 6 mesi fa su tio
Sono sicuro che il Trump ha dovuto cedere alla fortissime pressioni interne dei guerrafondai parassiti del sistema politico ammerigano... sia repubblicani che democratici...
miba 6 mesi fa su tio
...e Kim Jong-un fa bene a diffidare da un personaggio del genere! Inaffidabile, paranoico, egocentrista e che volta badiera da un giorno all'altro...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
36 min

Sigarette elettroniche: negli Stati Uniti la settima vittima

Un uomo è morto in California. Come negli altri casi, il decesso è avvenuto per una grave insufficienza polmonare

STATI UNITI
1 ora

Manifestazioni per il clima: a New York 1 milione di scolari potranno saltare la scuola

La Città ha escluso penalizzazioni per chi, venerdì, parteciperà ai cortei. Greta Thunberg: «Ci vediamo in strada»

ITALIA
3 ore

Greta non è una bimba di Bibbiano

La giovane invitata a Pontida da Salvini è comasca ed è stata allontanata dalla madre su parere di servizi sociali che fanno riferimento a un'amministrazione leghista

FOTO
STATI UNITI
6 ore

Cani anti-bomba donati dagli Usa alla Giordania lasciati a morire di fame

Forniti per la lotta al terrorismo sono vittime di abusi e negligenza sistematica come riporta un'indagine americana

ITALIA
9 ore

Renzi esce dal PD, ma garantisce il sostegno a Conte

«Siamo 1 a 0 contro il populismo, è importante sconfiggere Salvini fra la gente, non solo politicamente» ha dichiarato al Times

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile