Keystone (archivio)
IRAQ
28.02.19 - 20:060
Aggiornamento : 20:24

Foreign fighters francesi verso il patibolo

Sono stati di recente consegnati dalla Siria all'Iraq. Saranno processati e con molta probabilità impiccati

BAGHDAD - Si avviano verso la gogna almeno una dozzina di foreign fighters jihadisti rifiutati dalla Francia e di recente consegnati dalla Siria all'Iraq.

Osservatori iracheni criticano oggi l'accordo raggiunto nei giorni scorsi tra Francia e Iraq e secondo cui almeno 13 jihadisti francesi, consegnati alle autorità irachene dalla vicina Siria, saranno processati e con molta probabilità impiccati.

«L'accordo franco-iracheno - afferma Muhammad Jebawi sulla tv irachena Sumariya - soddisfa soprattutto la Francia, che non deve così affrontare le complicazioni politiche riguardanti una questione spinosa con ripercussioni sulla sicurezza, il bilancio e il dibattito interno sui diritti di una parte dei suoi cittadini».

Il presidente iracheno Barham Saleh da Parigi aveva offerto al suo omologo Emmanuel Macron di processare in Iraq almeno 13 membri dell'Isis consegnati dalle forze curdo-siriane dopo la resa dei jihadisti nella piana dell'Eufrate.

«L'accordo può costituire un precedente anche per altri paesi europei che vogliono sbarazzarsi dei loro jihadisti gettandoli nel buco nero dell'Iraq», afferma Tareq Mishlawi, commentatore del giornale al Arab.

Le autorità irachene hanno fatto sapere di avere ricevuto dalla Siria più di 80 jihadisti francesi assieme ad alcune centinaia di miliziani dello 'Stato islamico' di diverse nazionalità. E le autorità giudiziarie di Baghdad hanno confermato di aver già condannato alla pena capitale più di cento combattenti dell'Isis originari di paesi che si sono rifiutati di accoglierli.

Il fenomeno dei foreign fighters dell'Isis è tornato di attualità nelle ultime settimane, quando le forze curdo-siriane, sostenute dalle forze Usa, hanno lanciato l'offensiva "finale" contro l'ultima roccaforte del 'califfato' in Siria e in Iraq.

Due settimane fa il presidente americano Donald Trump aveva invitato i paesi europei a riprendersi i propri miliziani dell'Isis, che mano a mano si sono arresi nella valle siriana dell'Eufrate, per evitare che questi fossero rimessi in libertà.

Dal 2014 si stima che circa 40mila persone provenienti da 80 paesi diversi si siano uniti all'Isis tra Iraq e Siria. Tra questi, circa seimila provengono dall'Europa, in particolare da Francia (circa duemila), Germania (un migliaio) e Belgio (circa 500).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BIELORUSSIA
4 ore
Circa 200 arresti alle manifestazioni anti Lukashenko
Nella capitale bielorussa sono nuovamente scese in strada decine di migliaia di persone.
STATI UNITI
8 ore
Coney Barrett: voto in Senato prima di fine ottobre
Lo vuole il presidente della Commissione giustizia. La controversa giudice si insedierebbe così prima delle elezioni.
THAILANDIA
10 ore
Boccia un resort su Tripadvisor e finisce in manette
Si tratta di un americano che si era lamentato del personale di una struttura thailandese
CINA
11 ore
Coronavirus, zero contagi locali nelle ultime 48 ore
Quattordici invece i casi importati registrati nella giornata di ieri
AUSTRALIA
14 ore
Melbourne toglie il coprifuoco dopo due mesi
La decisione arriva dopo che i casi attivi dello stato sono scesi sotto i 400 per la prima volta dal 30 giugno
BELGIO
16 ore
Bruxelles "stringe", le serate finiscono prima
Fissata alle 23 la chiusura dei bar, alle 22 per le attività che vengono cibo e bevande
STATI UNITI
1 gior
Trump nomina Amy Coney Barrett giudice della Corte Suprema
La decisione sposta ancora più a destra la massima istanza giudiziaria statunitense.
BIELORUSSIA
1 gior
In più di 90 in manette dopo le manifestazioni anti Lukashenko
La maggior parte delle persone fermate sono donne. In centinaia hanno preso parte ai raduni a Minsk.
REGNO UNITO
1 gior
Proteste anti-confinamento: manifestanti e polizia si scontrano
Almeno tre dimostranti e quattro agenti sono rimasti feriti a Londra.
STATI UNITI
1 gior
La Florida toglie le restrizioni a bar e ristoranti
Sarà inoltre proibito multare chi non indossa la mascherina o non osserva il distanziamento sociale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile