Keystone
COREA DEL NORD
22.02.19 - 15:160

«Nessun caso politico, la figlia odiava il padre»

Il successore dell'ex ambasciatore nordcoreano in Italia smonta il caso di rapimento lanciato dalla Corea del Sud

PYONGYANG - L'ex ambasciatore nordcoreano Jo Song Gil «non aveva alcun motivo politico» per disertare. E sua figlia «odiava i genitori perché la lasciavano a casa da sola» e voleva «tornare a Pyongyang dai nonni», dove è ora e «sta bene» anche se sottoposta «a cure».

Lo spiega il successore di Jo all'ambasciata in Italia, Kim Chon, in una lettera al presidente dell'unione interparlamentare Italia-Nord Corea Osvaldo Napoli, respingendo la tesi del «rapimento» rilanciata dalla Corea del Sud. per «ostacolare i nostri rapporti con l'Italia».

Nella lettera il nuovo reggente dell'ambasciata nordcoreana a Roma afferma che il suo predecessore «aveva lasciato l'ambasciata la sera del 10 novembre 2018, dopo un litigio familiare con la moglie Ri Kwan Sun, a causa dei disturbi mentali che affliggono la figlia, Jo Yu Jong». E la mattina dopo, «insieme alla moglie, si è allontanato dalla sede dell'ambasciata, dove risiedeva con la famiglia, senza farvi più ritorno e facendo perdere le proprie tracce», mentre «la figlia è rimasta» in ambasciata.

La ragazza, ha aggiunto, «odiava e rimproverava i suoi genitori per averla abbandonata e per questo aveva insistito per rientrare a Pyongyang dove l'attendevano i nonni». E «siccome aveva già interrotto gli studi liceali a marzo del 2018, in vista della conclusione del mandato del padre, lo scorso 14 novembre è rientrata tranquillamente in Corea accompagnata da personale femminile». La ragazza «era molto contenta di tornare presto dai nonni, ed ho ricevuto un messaggio dalla sua famiglia in cui mi dicono che sta bene ed è momentaneamente sottoposta a cure mediche».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
27 min

Frana del Ruinon, enormi massi sulla strada

La strada provinciale che porta al passo del Gavia era stata chiusa, ma avrebbe riaperto dopo poche ore

VIDEO
ITALIA
2 ore

Open Arms: nove migranti si tuffano in mare

La Guardia costiera li sta portando al molo a Lampedusa. A bordo rimangono 88 naufraghi

FOTO
EL SALVADOR
3 ore

Condannata per un aborto dopo la violenza: ora è stata assolta

L'odissea di Evelyn Beatriz Hernandez si è conclusa con il lieto fine ma ha comunque scontato 33 mesi di carcere: «Una vittoria per le donne»

STATI UNITI
4 ore

Gli Stati Uniti hanno ricominciato con i test missilistici

È il primo dall'uscita dal trattato sulle Forze nucleari a raggio intermedio firmato nel 1987, l'ordigno balistico ha colpito un bersaglio a 500 km di distanza

ITALIA
7 ore

Offende una donna di colore in spiaggia, denunciato

È accaduto a Chioggia. A urlare col megafono dello stabilimento insulti contro la donna, l’ex gestore della spiaggia di Punta Canna, già indagato in passato per apologia del fascismo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile