Immobili
Veicoli
Keystone
REGNO UNITO
20.02.19 - 14:560
Aggiornamento : 15:36

La "Sposa dell'Isis": «È ingiusto togliermi la cittadinanza britannica». Così due americane

La 19enne partita per unirsi allo Stato islamico ha commentato così la decisione del Ministero dell'interno di Londra

LONDRA - Un provvedimento «ingiusto»: così Shamima Begun, 19 anni - la ragazza londinese di fede musulmana unitasi quindicenne al cosiddetto Stato Islamico in Siria nel 2015 e definita dai media "la Sposa dell'Isis" - ha commentato la decisione del ministero dell'Interno britannico (Home Office) di revocarle la cittadinanza del Regno.

Begum, che dal campo profughi siriano in cui ha trovato alla fine rifugio e dove ha dato da pochi giorni alla luce un bambino aveva implorato nei giorni scorsi di poter tornare a Londra, ha detto nell'ennesima intervista - stavolta a Itv - di avere «il cuore spezzato», ma di non volersi ancora dare per vinta.

La sua prossima carta, ha lasciato intendere, potrebbe essere cercare di ottenere un passaporto in Olanda, Paese di cui è cittadino suo marito, un ex miliziano dell'Isis conosciuto e sposato in Siria, arresosi qualche tempo fa alle forze anti-jihadiste.

La revoca della cittadinanza è al centro di controversie legali in Gran Bretagna, ma è stata rivendicata anche oggi dal governo e da alcuni deputati Tory come legittima. Mentre fonti del ministero hanno sottolineato come la normativa britannica preveda questa possibilità se debitamente motivata e se la persona privata del passaporto ha il diritto automatico di avere la cittadinanza da un altro Paese: come pare per Shamima, la cui madre risulta originaria e cittadina del Bangladesh.

Due americane mogli combattenti vogliono tornare a casa - Due donne con passaporto americano che hanno ripudiato il proprio paese per unirsi all'Isis ora si sono pentite, e vogliono tornare a casa. Quattro anni fa - racconta il New York Times - Hoda Muthana, studentessa universitaria 20enne dell'Alabama, ha abbandonato la famiglia, si è unita allo Stato Islamico ed è stata sposata con tre combattenti del Califfato.

Muthana si è arresa il mese scorso alle forze della coalizione, è detenuta in un campo profughi nella Siria nord-orientale, e dice che è profondamente dispiaciuta e vuole tornare negli Stati Uniti.

Un'altra donna, Kimberly Gwen Polman, 46 anni, con doppia cittadinanza americana e canadese, è nata in Ontario e ha tre figli adulti. Nel 2015 ha lasciato il Canada per sposare un membro dell'Isis conosciuto online: «Non ho parole - ha detto - per quanti rimorsi ho».
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SVIZZERA / POLONIA
1 ora
Bloccati per tre ore su un aereo che non decolla
Il racconto di una passeggera: «Non abbiamo ricevuto alcun tipo di aiuto»
GERMANIA
1 ora
La coesione dell'Occidente «procurerà a Putin dei bei mal di testa»
La prima giornata del G7 si è chiusa con l'annuncio di un programma da 600 miliardi e con una nuova Via della seta
ITALIA
4 ore
Mascherine obbligatorie «per salvare la stagione turistica»
L'addio al chiuso è scattato il 15 giugno, ma c'è chi invoca un rapido ripristino
SUDAFRICA
6 ore
Venti giovani trovati morti in discoteca
Erano tutti studenti. Si erano riuniti per festeggiare la fine degli esami. Le circostanze ancora poco chiare
UCRAINA
10 ore
Credevano di parlare con il sindaco di Kiev e invece era un deepfake
Ingannati numerosi sindaci europei. Klitschko: «Il colpevole ha parlato con loro fingendosi me»
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
La Russia: «A Kiev colpita una fabbrica di missili»
L'attacco sulla capitale è stato definito «una barbarie» dal presidente Usa Biden
ITALIA
1 gior
Centinaia di aerei restano a terra
«Le compagnie hanno cancellato circa 41mila voli per il periodo estivo, tagliando 6,5 milioni di biglietti»
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
1 gior
Severodonetsk è stata occupata
Ne dà l'annuncio il sindaco della città. I russi sarebbero entrati anche nell'impianto Azot
NORVEGIA
1 gior
Oslo, la sparatoria considerata «atto di terrorismo islamista»
Due persone sono rimaste uccise. Almeno 21 i feriti. In manette un uomo di 42 anni
UCRAINA
1 gior
«Mosca sta tentando di trascinare Lukashenko nella guerra»
È la lettura che l'intelligence di Kiev propone in relazione ai presunti attacchi provenienti dal territorio bielorusso
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile