ITALIA
01.02.19 - 12:490
Aggiornamento : 15:21

Parla la mamma del piccolo Alex: «È il successo di scienza, solidarietà e amore»

Con un lungo post su Facebook la donna ringrazia tutti quelli che hanno reso possibile il suo miracolo e che sono diventati donatori di midollo

ROMA - Alessandro Maria Montresor - il bambino affetto da una grave malattia per il quale era scattata una ricerca internazionale per un donatore di midollo compatibile - sta bene. Dopo essere stato sottoposto al trapianto di cellule staminali è tornato a casa con i suoi genitori e la mamma - che durante la vicenda è stata lontana dai riflettori - ha deciso di affidare un lungo post a Facebook.

Una lettera scritta per ringraziare tutte le persone che, da Londra a Milano fino a Napoli, hanno dimostrato solidarietà e si sono iscritte al Registro italiano donatori di midollo osseo sottoponendosi al test del Dna sul sangue o sulla saliva, nella speranza di poter aiutare il bambino, affetto da linfoistiocitosi emofagocitica, una rara malattia che colpisce un bambino su 50mila.

«Ciao a tutti, adesso che con mamma e papà siamo più che mai pronti ad affrontare anche questa seconda fase del percorso trapiantologico, ritenevamo doveroso ringraziare, una ad una, tutte le persone che abbiamo conosciuto nella nostra avventura e che ci hanno donato un sorriso, regalato una speranza ed insegnato che si deve sempre lottare anche quando la vita cerca sempre di buttarti al tappeto continuando ignobilmente a riservarti prove difficilissime» si legge nel post, scritto dalla mamma di Alex come se a parlare fosse il bimbo.

«Tante volte mi sono chiesto perché a me, cosa avessi fatto di male per meritarmi tutta questa sofferenza, e solo ora l’ho capito: dovevo essere testimone del successo della scienza, del trionfo della solidarietà, del primato dell’amore e della vittoria su di una malattia genetica rara come la Linfoistiocitosi Emofagocitica che mi voleva strappare da tutti voi».

La donna ha colto l’occasione per ringraziare uno a uno tutte le persone che hanno accompagnato la famiglia nel difficile percorso, così come chi ha utilizzato i social per aiutare Alex a trovare un donatore: «Come sapete il tutto ebbe inizio con una pagina di FaceBook, curata e gestita dai più cari amici di mamma e papà. Senza di voi ragazzi non saremmo mai riusciti a scatenare quest’ondata di amore e solidarietà per donare una speranza a tanti altri malati».

Il lungo post si conclude ricordando che chi è diventato donatore colpito dalla storia del piccolo Alex, avrà forse ora l’occasione di dare speranza ad altre persone malate per «vivere una seconda volta».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
24 min
Dal Bangladesh 600 positivi, trovati test falsificati
Sospesi per almeno una settimana tutti i voli provenienti dal paese asiatico e diretti in Italia
STATI UNITI
48 min
Violazione della tutela della privacy dei minori, TikTok sotto esame
L'accusa: l'app raccoglierebbe le informazioni degli utenti sotto i 13 anni senza il permesso dei genitori
ITALIA
3 ore
Ponte Morandi: la gestione del nuovo viadotto va a... Autostrade
A confermarlo è la ministra dei Trasporti italiana. Il governatore Toti: «Dopo due anni d'immobilismo, questo».
STATI UNITI
5 ore
Zuckerberg bocciato
In un recente incontro «i leader della società hanno presentato le stesse vecchie argomentazioni»
PAESI BASSI / BELGIO
6 ore
"Stanze di tortura" al confine tra Olanda e Belgio, sei arresti
L'inchiesta è arrivata a un punto di svolta dopo che la polizia è riuscita a penetrare in una chat crittografata
FOTO
SERBIA
6 ore
Notte di guerriglia urbana a Belgrado
Ci sarebbero numerosi agenti feriti
STATI UNITI
6 ore
Multa da 150 milioni di dollari per Deutsche Bank
L'istituto «non ha controllato in modo appropriato le attività bancarie condotte in nome» del finanziere morto nel 2019
VIDEO
AUSTRALIA
7 ore
Spunta un serpente velenoso mentre guida: tanta paura per un 27enne
Si tratta della seconda specie più letale al mondo. Sul posto è intervenuta anche la polizia
STATI UNITI
16 ore
Il passo di Trump fuori dall'Oms
La Casa Bianca ha notificato al Congresso e all'Onu il ritiro del Paese. L'uscita sarà effettiva il 6 luglio 2021
REGNO UNITO
18 ore
Quarantena per chi proviene dall'estero, ma non per le star di Hollywood
Tra i divi sollevati dall'obbligo anche Tom Cruise, per proseguire le riprese del nuovo Mission Impossible
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile