Keystone
STATI UNITI
21.01.19 - 12:160

Il giovane del video con il nativo americano respinge le accuse

Nick Sandmann afferma che le cose non sono andate come mostrano le immagini, che hanno portato «alla diffusione di menzogne su di me e sulla mia famiglia»

WASHINGTON - Nick Sandmann non ci sta a passare da razzista. Il giovane di una scuola maschile cattolica di Covington, nel nord del Kentucky, è uno dei protagonisti del video più discusso d'America in questi giorni: il ragazzo, che indossa il berretto dei sostenitori di Donald Trump, sorride in faccia a un anziano nativo americano che canta una canzone di protesta.

Nelle immagini diffuse dagli organizzatori della protesta che ha avuto luogo venerdì a Washington, sembra che Sandmann e i suoi compagni vadano a provocare i manifestanti e soprattutto l'anziano attivista, Nathan Phillips. L'uomo ha dichiarato di aver sentito il gruppo - che era nella capitale per una marcia anti-aborto - cantare "Build the wall" (costruisci il muro) durante la loro presenza.

Dopo che l'istituto ha promesso di investigare sull'episodio e la diocesi di riferimento ha porto le sue scuse a Phillips, Sandmann e i suoi genitori hanno rilasciato una dichiarazione, ampiamente ripresa dai media anglofoni, nella quale afferma che il video non lo rappresenta correttamente e che ha portato «alla diffusione di menzogne su di me e sulla mia famiglia». Il giovane dice che lui e i compagni di classe stavano aspettando l'autobus che li avrebbe riportati a casa quando quattro manifestanti afroamericani li avrebbero avvicinati, insultandoli. Con l'autorizzazione degli insegnanti avrebbero quindi replicato intonando canzoni scolastiche per «annegare i commenti d'odio».

È in questo contesto che sarebbe nato il confronto tra lui e Phillips. «Ha iniziato a suonare il tamburo e si è fatto largo tra la folla. Mi ha fissato negli occhi ed è arrivato a pochi centimetri dalla mia faccia. Ha suonato il tamburo per tutto il tempo che mi è stato davanti». Sandmann spiega - come si vede peratro nel video - di non aver mai interagito con Phillips: «Non ho parlato con lui. Non ho fatto nessun gesto con la mano né movimento aggressivo». Restando «fermo e calmo», ha aggiunto, la situazione si sarebbe potuta calmare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ARGENTINA
2 ore
«L'ho sentito muoversi nella sua stanza alle 7.30»
Gli inquirenti indagano sulle ultime ore di vita di Maradona. Le parole dell'infermiera di turno quella mattina
ITALIA
2 ore
Lombardia arancione, pronta a riaprire i negozi
In Italia restano ancora vietati gli spostamenti fra le regioni. Le prime indiscrezioni sul nuovo Dcpm per le Feste
FRANCIA
5 ore
«Non più di 30 in chiesa per il Covid», ma i vescovi fanno ricorso
La nuova decisione del governo Macron non piace alla Chiesa che si oppone: «È un grave errore»
STATI UNITI
7 ore
Amazon stanzia 500 milioni per premiare i dipendenti a Natale
«Vogliamo dimostrare il nostro ringraziamento a tutti i dipendenti della nostra rete logistica»
STATI UNITI
7 ore
Ecco perché Donald Trump perde migliaia di follower su Twitter ogni giorno
Negli ultimi quattro giorni ben 46'000 persone hanno deciso di non più seguirlo, tra persone reali e bot
FOTO
ARGENTINA
11 ore
Un fiume di persone per i funerali di Maradona: «Sono immagini mai viste»
L'addio alla leggenda del calcio, fra la commozione e gli scoppi d'ira di chi non ha potuto partecipare alla cerimonia
STATI UNITI
11 ore
«Se il Collegio elettorale vota Biden, io lascio»
Per la prima volta Donald Trump ha aperto a un possibile abbandono della carica: «Sarà dura, ma lo farò»
MONDO
12 ore
Quelli per cui il Black Friday è solo un venerdì nerissimo
Sotto pressione crescente, sorvegliati ed esposti al virus, la situazione dei dipendenti Amazon denunciata da Amnesty
FOTO
ARGENTINA
21 ore
Caos ai funerali di Maradona a Baires
Gli esclusi dalla processione hanno reagito attaccando gli agenti con bastoni, sassi e bottiglie.
COREA DEL SUD
21 ore
40 anni di carcere per il 25enne schiavista sessuale su Telegram
Aveva circuito, ricattato e sfruttato almeno 76 donne, diverse delle quali minorenni. L'accusa voleva l'ergastolo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile