Keystone
STATI UNITI
21.01.19 - 12:160

Il giovane del video con il nativo americano respinge le accuse

Nick Sandmann afferma che le cose non sono andate come mostrano le immagini, che hanno portato «alla diffusione di menzogne su di me e sulla mia famiglia»

WASHINGTON - Nick Sandmann non ci sta a passare da razzista. Il giovane di una scuola maschile cattolica di Covington, nel nord del Kentucky, è uno dei protagonisti del video più discusso d'America in questi giorni: il ragazzo, che indossa il berretto dei sostenitori di Donald Trump, sorride in faccia a un anziano nativo americano che canta una canzone di protesta.

Nelle immagini diffuse dagli organizzatori della protesta che ha avuto luogo venerdì a Washington, sembra che Sandmann e i suoi compagni vadano a provocare i manifestanti e soprattutto l'anziano attivista, Nathan Phillips. L'uomo ha dichiarato di aver sentito il gruppo - che era nella capitale per una marcia anti-aborto - cantare "Build the wall" (costruisci il muro) durante la loro presenza.

Dopo che l'istituto ha promesso di investigare sull'episodio e la diocesi di riferimento ha porto le sue scuse a Phillips, Sandmann e i suoi genitori hanno rilasciato una dichiarazione, ampiamente ripresa dai media anglofoni, nella quale afferma che il video non lo rappresenta correttamente e che ha portato «alla diffusione di menzogne su di me e sulla mia famiglia». Il giovane dice che lui e i compagni di classe stavano aspettando l'autobus che li avrebbe riportati a casa quando quattro manifestanti afroamericani li avrebbero avvicinati, insultandoli. Con l'autorizzazione degli insegnanti avrebbero quindi replicato intonando canzoni scolastiche per «annegare i commenti d'odio».

È in questo contesto che sarebbe nato il confronto tra lui e Phillips. «Ha iniziato a suonare il tamburo e si è fatto largo tra la folla. Mi ha fissato negli occhi ed è arrivato a pochi centimetri dalla mia faccia. Ha suonato il tamburo per tutto il tempo che mi è stato davanti». Sandmann spiega - come si vede peratro nel video - di non aver mai interagito con Phillips: «Non ho parlato con lui. Non ho fatto nessun gesto con la mano né movimento aggressivo». Restando «fermo e calmo», ha aggiunto, la situazione si sarebbe potuta calmare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
REGNO UNITO
42 min
Arriva il 22esimo figlio, si allarga The Radford family
Sue e Noel Radford hanno annunciato una nuova gravidanza, sperano di avere un maschietto
FOTO E VIDEO
NORVEGIA
2 ore
Ruba un'ambulanza e si lancia sui pedoni, diversi i feriti
L'uomo è stato fermato dalla polizia. Sono stati travolti due gemelli di sette mesi a bordo di un passeggino
REGNO UNITO
2 ore
Riprendono i voli per Sharm el-Sheik dopo 4 anni
È stato cancellato il bando imposto nel 2015 per motivi di sicurezza
STATI UNITI
3 ore
Il buco dell'ozono è ai minimi dal 1982 (ma è una buona notizia solo a metà)
Perché è probabile che c'entri il riscaldamento globale, sostengono gli esperti: «Positivo, ma non è un segno di recupero»
ITALIA
6 ore
Il suo cuore si ferma a 14 anni, mentre fa ginnastica
Dramma in provincia di Treviso. Il padre: «E ora chiedo giustizia»
STATI UNITI
10 ore
Quei mini-cervelli cresciuti in provetta che fanno discutere
Sono una delle ultime grandi scoperte della neurologia con un grande potenziale medico ma, per alcuni, il rischi di “andare al di là“ dell'etico c'è
REGNO UNITO
19 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ISRAELE
20 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile