YouTube
Ruth Coppinger mostra la propria biancheria in parlamento
IRLANDA
15.11.18 - 10:000
Aggiornamento : 11:11

«Guardate com'era vestita»: biancheria intima per le vittime di stupro

Cresce lo sdegno in Irlanda per la difesa di un uomo accusato di violenza. Un tanga di pizzo è comparso anche in parlamento

DUBLINO - In Irlanda sono in corso da giorni delle proteste, online e in piazza, che vedono le donne mostrare la propria biancheria intima per far riflettere sul consenso sessuale. E il dibattito ha raggiunto il parlamento, dove una deputata ha mostrato in aula le proprie mutandine di pizzo.

L’ondata di sdegno prende le mosse dall’assoluzione, giunta la settimana scorsa, di un 27enne accusato di aver violentato una ragazza di 17 anni. Nel corso del processo, per dimostrare il fatto che si trattava di un rapporto consensuale, il suo avvocato difensore aveva invitato la giuria a considerare la biancheria intima che la giovane indossava: «Dovete vedere il modo in cui era vestita. Portava un tanga con il davanti di pizzo», aveva affermato. La giuria, composta da otto uomini e quattro donne, l'aveva assolto.


Twitter/@RuthCoppingerTD

«Potrebbe sembrare imbarazzante mostrare un tanga qui», ha esordito la deputata Ruth Coppinger sfilando delle mutandine di pizzo dalla manica in cui le aveva nascoste e mostrandole all’aula del Daíl, la camera bassa del parlamento irlandese. «Ma il motivo per cui lo faccio è per chiedere: come pensate che si senta una vittima di stupro o una donna nell’inappropriata situazione di vedere la propria biancheria intima esibita in un’aula di tribunale?», ha aggiunto.


Twitter/@RuthCoppingerTD

Coppinger ha chiesto «massicce modifiche legislative» per evitare che degli stereotipi come quello della disponibilità di una donna basata su come è vestita o sulla biancheria intima che porta non possano essere usati in tribunale. Non è possibile che le vittime di stupro debbano assumersene la colpa, ha aggiunto.

Su Twitter, intanto, molte donne pubblicano da giorni le foto della propria biancheria intima con l’hashtag #ThisIsNotConsent, “questo non rappresenta un consenso” (trending sul social fino a ieri). Mercoledì, centinaia di manifestanti sono anche scesi in strada a Dublino e Cork mostrando delle biancheria intima.  

 

 

 «La biancheria che scelgo non dà a nessun uomo il diritto al mio corpo».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora

Per la prima volta in 10 anni Daimler va in rosso (e di 1,2 miliardi di €)

Secondo la direzione del maxi-gruppo automobilistico tedesco sarebbe "colpa" di «voci straordinarie per 4,2 miliardi» tra le quali i dieselgate

STATI UNITI
3 ore

Accordo segreto da 6 milioni di dollari sulla morte di Neil Armstrong

Il Nyt ha ricevuto da uno sconosciuto 93 pagine di documenti legati alla vicenda. L'ospedale volle "sistemare la questione" ed evitare cattiva pubblicità sulla morte di un eroe americano

STATI UNITI
4 ore

Libra in vendita, occhio ai falsi profili

La nuova criptovaluta arriverà solamente l'anno prossimo. Ma c'è già chi sui social network millanta super sconti immediati

REGNO UNITO
4 ore

Sgranocchiano degli scoiattoli come protesta anti-vegana: condannati

È successo in un mercato vegan di Soho a Londra, una coppia di 20enni è finita così davanti al giudice. L'accusa: «Volevano scioccare»

VIDEO
STATI UNITI
13 ore

Poliziotti presi a secchiate d’acqua

È successo a New York durante un intervento nei quartieri di Brooklyn e Harlem. Il sindaco De Blasio tuona su Twitter: «Completamente inaccettabile, non tollereremo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile