Keystone
STATI UNITI
16.10.18 - 07:220

Stormy Daniels perde la causa per diffamazione

Dopo la pubblicazione di uno schizzo del presunto aggressore, Trump aveva bollato il tutto come una «totale truffa». Ma il Primo Emendamento protegge la libertà di parola

NEW YORK - La causa per diffamazione avviata dalla porno star Stormy Daniels contro Donald Trump è stata respinta. Ma Stefanie Clifford, questo il vero nome di Stormy, non molla e tramite il suo avvocato fa sapere che farà appello contro la decisione del giudice distrettuale S. James Omero.

Stormy Daniels aveva dichiarato di essere stata minacciata da un uomo sconosciuto in un parcheggio di Las Vegas nel 2011 dopo che la donna aveva deciso di cooperare con un magazine su un articolo sulla sua presunta relazione con Trump nel 2006.

Dopo che il legale di Stormy aveva pubblicato uno schizzo del presunto aggressore, Trump su Twitter aveva bollato il tutto come una «totale truffa» riguardante un «uomo inesistente». Su queste parole Clifford aveva basato l'azione legale per diffamazione. Ma il giudice Omero l'ha respinta: «La corte è d'accordo con la tesi di Trump, perché il suo tweet rappresenta una "iperbole" normalmente associata con la politica. Il Primo Emendamento protegge questo tipo di dichiarazione retorica». Il Primo Emendamento della costituzione americana garantisce la libertà di parola.

In tribunale i legali del presidente hanno puntato l'attenzione sul fatto che Clifford ha avuto benefici finanziari dalla sua disputa pubblica con il presidente. «Faremo ricorso e siamo fiduciosi in un rovesciamento della decisione», afferma il legale di Stormy, Michael Avenatti.

Charles Harder, il consigliere legale del presidente, canta vittoria. «Niente di quello che dicono Stormy Daniels o il suo legale Michael Avenatti può caratterizzare in modo migliore la decisione di oggi se non una totale vittoria per il presidente Trump e una totale sconfitta per Stormy Daniels».

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
5 min
JPMorgan, il CEO si mette in tasca oltre 31 milioni di dollari
Il compenso di Jamie Dimon nel 2019 è aumentato del 2% rispetto all'anno precedente. Nel 2018 era stato il più pagato
FOTO
CINA
9 min
Migliaia di persone in coda negli ospedali: a Wuhan si sfiora il panico
Nuovo coronavirus, il numero dei casi confermati è in continua ascesa: ora siamo a 876
STATI UNITI
47 min
Trimestre sopra le attese per Intel
L'utile per azione è risultato pari a 1,52 dollari, oltre gli 1,25 su cui scommetteva il mercato
FOTO
CINA
1 ora
Isolare Wuhan per bloccare il coronavirus: ha senso?
Lo stesso provvedimento è stato preso in almeno nove città. Chiude anche Disneyland Shanghai
SVIZZERA/CINA
1 ora
Ecco quanto è pericolosa la nuova polmonite
Almeno venticinque morti e oltre seicento malati: il coronavirus si sta diffondendo rapidamente. Tutto quello che c’è da sapere
REGNO UNITO
2 ore
Il sesso? «È solo per coppie eterosessuali sposate»
La Chiesa anglicana ha rinnovato la sua guida pastorale dopo la prima unione civile mista registrata nel Regno Unito
CINA
10 ore
Coronavirus: al momento non è un'emergenza globale
Lo ha deciso l'Organizzazione mondiale della sanità. Per ora non si contano contagi da uomo a uomo al di fuori della Cina
REGNO UNITO
12 ore
Per la Brexit c'è la firma della regina
L'accordo che il primo ministro Boris Johnson ha raggiunto con Bruxelles è diventato legge
ITALIA
15 ore
Ercolano, trovati i resti del cervello di una vittima dell’eruzione del 79 d.C.
L'eccezionale scoperta è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine. I frammenti furono rinvenuti inizialmente negli anni '60
MONDO
16 ore
La Somalia è il paese più corrotto al mondo
Nella classifica si è piazzata all’ultimo posto su 180 nazioni. La Svizzera invece appena giù dal podio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile