Keystone
ITALIA
22.08.18 - 21:350

L'ultimatum di Toti ad Autostrade: «Abbattete subito il ponte»

La commissione ha stabilito che il pilone 10 è messo peggio di quello collassato lo scorso 14 agosto: «È di livello quattro su una scala di rischio che arriva a cinque»

GENOVA - Sembra avere ormai le ore contate quel che resta a Genova di ponte Morandi, dopo che la commissione ispettiva incaricata dal ministero italiano delle Infrastrutture ha messo nero su bianco che il pilone 10 è più "malato", più degradato di quello venuto giù il 14 agosto: livello 4 su una scala di rischio che arriva a cinque.

La pila 9, quella crollata, si era fermata a 3. Anche per questo le parole del governatore Giovanni Toti, commissario per l'emergenza, suonano come un ultimatum per Autostrade per l'Italia, che ha vissuto un'altra giornata difficile, con la Guardia di finanza che ha sequestrato documentazione e atti: «Alla luce di quanto riferito dalla commissione ministeriale - avverte Toti - abbiamo scritto a Autostrade sollecitando a mettere immediatamente in atto tutti gli atti necessari alla messa in sicurezza del moncone est, compreso il suo abbattimento. Avremmo potuto intimare una scadenza: lo faremo se non avremo riscontro entro domani». Il riscontro è atteso ad ore e «domani probabilmente Autostrade verrà ad illustrarci le modalità tecniche con cui intendono operare».

La scelta politica, insomma, è presa. «Del ponte - ha detto Toti - non resterà su né l'ala di levante né di ponente, verrà completamente smantellato. E i costi sono a carico di Autostrade: è il concessionario della tratta l'unico autorizzato a fare i lavori». Almeno fino a che l'iter di revoca, per niente breve, non cambi le regole del gioco.

Autostrade, da parte sua, prima delle risposte ufficiali, ha diramato una nota in cui precisa di essersi già attivata per le verifiche sulla messa in sicurezza dell'area, che ha «tempi tecnici strettamente necessari» nel «rispetto delle indicazioni della Procura di Genova».

Procura che oggi ha inviato una lettera a tutti gli enti coinvolti, specificando che l'attività dei consulenti tecnici incaricati delle perizie e della verifica dei reperti, non ostacola né ritarda provvedimenti finalizzati a tutelare la sicurezza per scongiurare il rischio di ulteriori crolli. Insomma, appena gli enti preposti lo chiederanno, la procura è pronta per le vie brevi ad autorizzare la demolizione.

Sul fronte dell'inchiesta, oggi la Guardia di finanza, su mandato della procura, è andata nelle sedi di Autostrade di Genova, Firenze e Roma per sequestrare documenti utili alle indagini.

Al momento sulle cause del crollo non si esclude alcuna ipotesi. La procura farà approfondimenti anche sulle ditte che stavano montando un carroponte, sulla presenza di bombole di acetilene, e gli occhi sono puntati sui reperti raccolti nell'area del crollo, che vengono sezionati e analizzati. Accanto a questo decine di video.

Per ora, però, «nessun indagato», ha ripetuto il procuratore Cozzi, e nessuno sarebbe stato sentito neppure come persona informata sui fatti. Ma nei prossimi giorni potrebbe essere la volta di Roberto Ferrazza, provveditore delle opere pubbliche della Liguria e presidente della commissione ispettiva del Ministero delle infrastrutture, e Antonio Brencich che firmarono, tra gli altri, l'ok ai lavori al ponte in base al piano di Autostrade. Per loro si profila un conflitto di interesse. Poi toccherà agli uomini di Autostrade.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
La Svizzera non è più «un'area a rischio»
L'Istituto Robert Koch ha deciso: gli svizzeri possono entrare in Germania senza restrizioni
REGNO UNITO
3 ore
La «profonda vergogna» dei ministri per gli stupri che restano impuniti
Un numero altissimo di crimini non viene nemmeno denunciato, la politica fa mea culpa
STATI UNITI
4 ore
Niente accusa di schiavitù infantile per Nestlé Usa e Cargill
Lo ha stabilito la Corte Suprema, ma gli attivisti impegnati nel caso non hanno nascosto il loro disappunto
ITALIA
6 ore
Il Green Pass italiano: a cosa serve e come lo si ottiene
Lanciata nelle scorse ore l'apposita piattaforma governativa: la certificazione consentirà di viaggiare, ma non solo.
STATI UNITI
7 ore
Sale in auto, guida e spara: 90 minuti di follia
In otto sparatorie diverse, una persona ha perso la vita e 12 sono rimaste ferite
EUROPA
7 ore
Viaggi in aereo? «Mascherina sempre addosso»
Sono state aggiornate le linee guida europee per i voli turistici
MONDO
8 ore
La pandemia non ferma la migrazione: nel 2020 oltre 82 milioni di persone in fuga
Anche lo scorso anno il numero di movimenti forzati è aumentato. Nel 42% dei casi si tratta di minori
COREA DEL NORD
8 ore
«Con gli Stati Uniti pronti al dialogo ma anche allo scontro»
Così si è espresso Kim Jong-Un delineando la posizione della Corea del Nord di fronte all'amministrazione di Joe Biden
PIANETA TERRA
9 ore
La Terra si sta surriscaldando in un modo «senza precedenti»
L'allarme arriva dalla NASA: «Surriscaldamento record» negli ultimi 15 anni.
FRANCIA
21 ore
Processo Bygmalion, chiesti sei mesi di carcere per Sarkozy
L'ex presidente francese è accusato di aver superato il plafond delle spese elettorali nella campagna del 2012.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile