keystone
ARGENTINA
22.08.18 - 07:560

Kirchner: «Perquisite pure casa mia»

Migliaia di persone nel frattempo sono scese in strada chiedendo di rimuovere l'immunità alla ex presidente

BUENOS AIRES - La ex presidente argentina Cristina Fernández de Kirchner ha annunciato ieri a Buenos Aires di «non avere nulla contro» il fatto che il Senato autorizzi la perquisizione delle sue proprietà, come chiesto dal giudice istruttore Claudio Bonadío.

La ex capo dello Stato, comunque, ha posto alcune condizioni per accedere alla richiesta del magistrato, mentre migliaia di persone hanno marciato a Buenos Aires fino alla sede del Parlamento, e lo hanno fatto in altre città argentine, per chiedere la rimozione dell'immunità della Kirchner, che attualmente occupa un seggio senatoriale.

Bonadío, si deve ricordare, aveva chiesto le perquisizioni nel quadro della causa denominata dai media «i block notes della corruzione» in cui un ex autista di un funzionario dell'epoca dei governi di Nestor e Cristina Kirchner avrebbe annotato tutti i traffici di denaro delle mazzette pagate da imprenditori vincitori di appalti pubblici.

Accettando l'eventuale autorizzazione senatoriale delle perquisizioni nelle sue proprietà immobiliari, la Kirchner ha voluto precisare che «questo non significa una convalida dell'irrazionalità delle misure disposte da Bonadio nella sua crociata persecutoria contro la mia persona».

Il mio principale obiettivo, ha spiegato, «è invece quello di mettere fine, una volta per tutte, allo show montato attorno a queste perquisizioni».

Per questo, ha infine detto, «ho chiesto al Senato di garantire che le misure che si realizzeranno servano solo a raccogliere eventuali prove relazionate con l'oggetto delle indagini e non per ottenere immagini o riprese filmate all'interno delle mie residenze e degli oggetti che vi sono contenuti, per poi essere mostrati al pubblico con una intenzionalità politica».

Commenti
 
TOP NEWS Dal Mondo
VIDEO
STATI UNITI
51 min
Inizio in salita per la Taycan, una delle prime ha già preso fuoco
Un esemplare della nuova elettrica di casa Porsche si è incendiato distruggendo un garage in Florida
STATI UNITI
1 ora
Ucciso in casa sua durante una rapina il rapper Pop Smoke
Due uomini a volto coperto hanno fatto irruzione nelle prime ore del mattino. Inutile la corsa in ospedale
ITALIA
2 ore
Vittima di revenge porn, viene licenziata per "danno d'immagine"
La donna ha denunciato tre persone. Pare che i video circolassero anche in chat frequentate da poliziotti e carabinieri
ITALIA
5 ore
«Istruivano i passeggeri a fingersi parenti o amici con la polizia»
La Guardia di Finanza ha scoperto 47 taxi illegali attivi presso l’aeroporto di Malpensa. Multe per oltre 70mila euro
REGNO UNITO
6 ore
Londra annuncia la fine della libera circolazione: «È un momento storico»
Sarà introdotto un sistema a punti: «I datori di lavoro smettano di fare affidamento sull’immigrazione. Investano»
FOTO
MESSICO
8 ore
La rabbia delle donne messicane dopo l'omicidio della piccola Fatima
Proteste anti-machiste si sono tenute a Città del Messico nel giorno dei funerali della bimba di 7 anni
STATI UNITI
8 ore
Altre grane per i 737 Max: trovati oggetti non identificati nei serbatoi
La scoperta è avvenuta su diversi velivoli pronti per la consegna. Boeing tenta da mesi di riportare in volo i propri aerei
STATI UNITI/FINLANDIA
11 ore
Perso nel Maine lo ritrovano 47 anni dopo in un bosco in Finlandia
L'incredibile storia di un anello disseppellito da un hobbista e che era stato smarrito in un centro commerciale Usa negli anni '70
COREA DEL SUD
19 ore
Droni per contrastare il coronavirus
Li ha impiegati la Corea del Sud per disinfettare una cinquantina di scuole
STATI UNITI
21 ore
Trump perdona quattro condannati
Gli uomini, coinvolti in casi di truffa e corruzione, possono tornare in libertà
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile