keystone
ARGENTINA
22.08.18 - 07:560

Kirchner: «Perquisite pure casa mia»

Migliaia di persone nel frattempo sono scese in strada chiedendo di rimuovere l'immunità alla ex presidente

BUENOS AIRES - La ex presidente argentina Cristina Fernández de Kirchner ha annunciato ieri a Buenos Aires di «non avere nulla contro» il fatto che il Senato autorizzi la perquisizione delle sue proprietà, come chiesto dal giudice istruttore Claudio Bonadío.

La ex capo dello Stato, comunque, ha posto alcune condizioni per accedere alla richiesta del magistrato, mentre migliaia di persone hanno marciato a Buenos Aires fino alla sede del Parlamento, e lo hanno fatto in altre città argentine, per chiedere la rimozione dell'immunità della Kirchner, che attualmente occupa un seggio senatoriale.

Bonadío, si deve ricordare, aveva chiesto le perquisizioni nel quadro della causa denominata dai media «i block notes della corruzione» in cui un ex autista di un funzionario dell'epoca dei governi di Nestor e Cristina Kirchner avrebbe annotato tutti i traffici di denaro delle mazzette pagate da imprenditori vincitori di appalti pubblici.

Accettando l'eventuale autorizzazione senatoriale delle perquisizioni nelle sue proprietà immobiliari, la Kirchner ha voluto precisare che «questo non significa una convalida dell'irrazionalità delle misure disposte da Bonadio nella sua crociata persecutoria contro la mia persona».

Il mio principale obiettivo, ha spiegato, «è invece quello di mettere fine, una volta per tutte, allo show montato attorno a queste perquisizioni».

Per questo, ha infine detto, «ho chiesto al Senato di garantire che le misure che si realizzeranno servano solo a raccogliere eventuali prove relazionate con l'oggetto delle indagini e non per ottenere immagini o riprese filmate all'interno delle mie residenze e degli oggetti che vi sono contenuti, per poi essere mostrati al pubblico con una intenzionalità politica».

Commenti
 
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
53 min
Greggio rifiuta la cittadinanza onoraria di Biella: «Per rispetto a Liliana Segre»
Solo una settimana fa, il Comune a guida leghista aveva rigettato il riconoscimento alla sopravvissuta di Auschwitz. Greggio: «Anche mio padre in un campo di concentramento»
AUSTRALIA
2 ore
L'Australia è ancora in balia del fuoco
Continua incessante l'allarme incendi negli Stati orientali New South Wales e Queensland. Decine di roghi fuori controllo e temperature da record per novembre complicano ulteriormente le cose
TURCHIA / SVIZZERA
5 ore
«Ecco come si compone il prezzo di una felpa»
Quanto della somma pagata arriva agli operai in fabbrica? E quanto si intasca la catena d'abbigliamento? Public-Eye ha tentato una stima
ITALIA
5 ore
Usa la foto di un ragazzo più avvenente per "cuccare": condannato a fare lo stradino
Il 22enne è stato processato con l'accusa di sostituzione di persona
BERLINO
14 ore
Clima, i Paesi ricchi stanno tradendo l'accordo salva Terra
Sconfortante rapporto sulle emissioni di CO2: nessuna nazione del G20 in linea con obiettivi Parigi. Preoccupano Russia, Arabia Saudita e Turchia, ma anche la marcia indietro cinese
ITALIA
14 ore
Cesare Battisti sconterà l'ergastolo
La Cassazione ha negato i trent'anni richiesti dall'ex terrorista italiano arrestato lo scorso gennaio dopo 37 anni di latitanza
MESSICO
16 ore
Scontro fra tre autobus, 13 morti
L'incidente è avvenuto su una strada che collega Città del Messico con Pachuca
FRANCIA
18 ore
Donna incinta uccisa dai cani
Il corpo della 30enne è stata rinvenuto sabato in un bosco nel nord della Francia. Aveva chiamato il marito per chiedere soccorso, ma l'uomo è arrivato troppo tardi
SVEZIA
20 ore
Assange, Stoccolma archivia le accuse di stupro
Gli elemente emersi nell'indagine preliminare sono risultati insufficienti. La decisione della magistratura svedese è suscettibile di ricorso
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile