Keystone
STATI UNITI
06.08.18 - 17:030
Aggiornamento : 20:38

Iran: ripristinate le sanzioni americane rimosse nel 2015

Donald Trump ha sempre criticato l'accordo sul nucleare che le ha cancellate

WASHINGTON - Gli Stati Uniti hanno annunciato ufficialmente oggi che dalla mezzanotte verranno nuovamente introdotte alcune sanzioni contro l'Iran. Le sanzioni erano state rimosse dopo l'accordo sul nucleare del 2015 tra Teheran e la comunità internazionale. Donald Trump ha sempre criticato questa intesa.

Lo stesso presidente degli Stati Uniti ha tuttavia dichiarato di essere pronto a incontrare il presidente iraniano Hassan Rohani in qualunque momento.

La prima tranche di sanzioni riguarda l'acquisto o l'acquisizione di dollari da parte del governo iraniano e il commercio di oro, altri metalli preziosi, grafite, alluminio, acciaio, carbone e software usati nel settore industriale.

Ad essere colpite sono anche le transazioni legate al rial, la divisa iraniana, e le attività relative ai titoli di stato iraniani. Sanzioni anche sul settore dell'auto. L'amministrazione Usa varera' quindi nuove sanzioni il 5 novembre per colpire petrolio, banche e i settori della cantieristica e delle spedizioni navali. Mentre saranno reinseriti nella lista nera centinaia di persone, entità, compagnie di navigazione e aeree che erano colpite da sanzioni prima dell'accordo del 2015.

«Guerra psicologica» - Con la reintroduzione di sanzioni il presidente americano Donald Trump vuole fare «una guerra psicologica» contro l'Iran. Lo ha affermato oggi il presidente iraniano Hassan Rohani in un'intervista alla Tv di Stato.

Quanto alla dichiarata disponibilità di Trump di incontrarlo, Rohani ha risposto: «I negoziati non vanno d'accordo con le sanzioni, che colpiscono il popolo iraniano e anche le aziende straniere».

«Se gli Usa mostrano sincerità, l'Iran accoglierà con favore negoziati, ma non ha senso parlare di negoziati mentre si impongono sanzioni» ha aggiunto il presidente iraniano. «I principali fattori di un negoziato sono la sincerità e la ricerca di frutti ma sono stati gli Usa ha lasciare il tavolo negoziale con l'uscita dall'accordo sul nucleare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
31 min
Altre 200 balene spiaggiate in Tasmania
La maggior parte era morta. Con il ritrovamento di martedì, si tratta del più importante spiaggiamento nello Stato.
STATI UNITI / CINA
47 min
Washington verso il divieto d'importazione dallo Xinjiang
La Camera ha approvato una misura ad hoc per la regione cinese: «Prodotti frutto di lavoro forzato nelle case americane»
THAILANDIA
2 ore
Le professioniste del sesso: «La prostituzione sia depenalizzata»
La legge rende povere le lavoratrici senza tutelarle e non riuscendo a contrastare il fenomeno, secondo gli attivisti
STATI UNITI
9 ore
Un cucciolo spunta tra cenere e lamiere
Il cagnolino, ribattezzato Trooper, ha riportato piccole ustioni, ma è riuscito a sopravvivere all'incendio
FOTO
AUSTRALIA
12 ore
270 balene pilota spiaggiate in Tasmania, 90 sono morte
Le operazioni di salvataggio potrebbero durare per giorni
GERMANIA
13 ore
Deutsche Bank chiuderà più di 100 filiali
L'obiettivo è di arrivare a quota 400
STATI UNITI
14 ore
200mila morti per Covid-19 negli Usa
Il Paese ha il 4% della popolazione mondiale ma il 21% delle vittime dell'epidemia
STATI UNITI
16 ore
Trump, attacco frontale alla Cina
«Ha infettato il mondo» ha dichiarato il presidente statunitense
STATI UNITI
18 ore
La prima donna sulla luna? Il progetto della NASA è pronto
Il piano si chiama Artemis, e prevede l'allunaggio della prima donna sul nostro unico satellite naturale
REGNO UNITO
18 ore
Coronavirus, sei mesi di restrizioni per i britannici
Il primo ministro ha definito la situazione attuale «un pericoloso punto di svolta»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile