Keystone
BELGIO
12.07.18 - 11:590
Aggiornamento 13:32

Trump shock: minaccia di uscire dalla Nato?

L'intento sarebbe obbligare gli alleati ad aumentare le spese militari. Lui precisa: «Potrei uscire, ma non serve più». Merkel: «Discussione molto seria»

BRUXELLES - Il presidente americano Donald Trump ha minacciato di uscire dalla Nato se gli alleati non faranno subito degli sforzi per aumentare le loro spese militari. È quanto avrebbero detto diverse fonti diplomatiche, citate dalle agenzie Dpa (tedesca) e Belga.

Secondo altre fonti citate dall'agenzia Reuters Trump non ha invece avanzato tale minaccia, nonostante le dure critiche da lui espresse nei confronti di alcuni paesi membri, in primo luogo la Germania.

È stata intanto indetta una riunione straordinaria ristretta del Consiglio atlantico, si è appreso a Bruxelles, dopo il presidente americano si è rivolto agli altri alleati con toni ancora più duri di quelli utilizzati ieri.

Trump chiede 33 miliardi di dollari in più dagli alleati - I membri Nato si sono dimostrati «tutti d'accordo ad aumentare il loro contributo. Ci sarà un aumento quantificabile in 33 miliardi di dollari, con il contributo dei vari paesi senza tener conto degli Stati Uniti». Lo ha detto il presidente Usa Donald Trump, in conferenza stampa da Bruxelles.

«Potrei farlo ma, non esco» - «Potrei farlo ma non esco dalla Nato. Non è necessario dopo i 33 miliardi in più dagli alleati». Lo ha detto il presidente americano Donald Trump in conferenza stampa oggi a Bruxelles.

«Credo nella Nato. Tutti gli Stati membri hanno concordato di aumentare le spese per la difesa a livelli mai visti prima», ha aggiunto Trump. «La Nato è molto più forte di ieri», «ai Paesi avevo fatto sapere che ero estremamente scontento», ha detto ancora il presidente americano.

«Discussione molto seria» - «C'è stata una discussione molto seria». Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel a Bruxelles, citata da media del suo paese, a proposito del vertice Nato.

«Io posso sintetizzare così il risultato: un chiaro riconoscimento di tutti nella Nato e una chiara disponibilità da parte di tutti, visto il cambiamento della situazione della sicurezza, a dare un contributo», ha affermato. Il presidente americano Donald Trump ha chiesto che si riveda il carico della partecipazione alla Nato, e «per quanto mi riguarda, ho fatto presente che noi siamo già su questa strada», ha aggiunto Angela Merkel a Bruxelles a margine del vertice Nato, secondo quanto riportano i media tedeschi.

Londra d'accordo con l'aumento - Il governo britannico è «sempre» stato d'accordo con la necessità di un incremento delle quote della spesa per la Difesa da parte dei Paesi europei della Nato: lo afferma un portavoce della premier Theresa May, plaudendo al risultato ottenuto dal presidente americano Donald Trump al vertice di Bruxelles a poche ore dal suo arrivo nel Regno Unito e anzi auspicando che nel prossimo futuro si possa ottenere ancora «di più».

«Noi siamo sempre stati chiari sul fatto che fosse giusto che i Paesi Nato incrementassero il peso del loro contributo per garantire la sicurezza collettiva», ha detto il portavoce di Downing Street durante un briefing a Westminster. «Ora c'è un accordo per arrivare al 2% del Pil entro il 2024, ma crediamo che si debba fare di più», ha puntualizzato, assicurando che, per parte sua, Londra stanzia «già oltre il 2%».

Putin? «Un concorrente» - «Vladimir Putin non è un nemico, forse un giorno sarà mio amico, non lo conosco abbastanza bene, è un concorrente» ha ribadito Trump, precisando poi di «essere preoccupato sul gasdotto» dalla Russia Nord Stream 2.

«Nell'incontro ad Helsinki parleremo di Siria ed Ucraina, del controllo delle armi e anche delle interferenze nelle elezioni, il vostro argomento preferito», ha aggiunto rivolgendosi ai giornalisti e alludendo all'incontro con il presidente russo nella capitale finlandese previsto il 16 luglio.

Commenti
 
roma 2 mesi fa su tio
...il tutto si è concluso con un "presente-capito" da parte degli altri paesi nato e con una sonorissima leccata di...
MIM 2 mesi fa su tio
Giusto. Liberiamoci di questo giogo USA.
Equalizer 2 mesi fa su tio
Resto dell'idea che il nostro nemico non sia la Russia, ma piuttosto, ciò che si trova tra 41° Nord e l'equatore e i - 20° Ovest e 75° Est
Danny50 2 mesi fa su tio
Palloso ! Finalmente qualcuno che sveglia i fuchi UE.
seo56 2 mesi fa su tio
Grande!!!!!
Tags
bruxelles
donald
trump
presidente
nato
presidente americano
donald trump
paesi
contributo
americano donald trump
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report