Keystone
SERBIA
08.06.18 - 20:050

Serbia in tilt per il caro benzina

Migliaia di automobilisti hanno protestato per l'aumento del prezzo

BELGRADO - La Serbia è andata in tilt almeno per un'ora per migliaia di automobilisti che protestano contro l'aumento del prezzo del carburante e che fra le 17 e le 18 hanno bloccato importanti arterie cittadine, piazze, ponti, svincoli autostradali.

La protesta è stata mobilitata nei giorni scorsi attraverso le reti sociali - in primo luogo Facebook e Twitter. Tenuto anche conto dell'inizio del weekend, nel pomeriggio ha provocato la paralisi della circolazione stradale e forti disagi nella capitale Belgrado e in numerose altre città: Novi Sad, Nis, Sobor, Pozarevac, Leskovac, Sabac, Pancevo e Novi Pazar.

La protesta si è conclusa dopo un'ora, come annunciato, e la situazione del traffico sta tornando lentamente alla normalità. Ma il ministro dell'interno, Nebijsa Stefanovic, è tuonato in una dura condanna, definendo 'irresponsabili' gli autori dei blocchi stradali che hanno creato gravi disagi alla maggioranza dei cittadini.

In Serbia il prezzo di benzina e diesel è aumentato rapidamente nelle ultime settimane, e attualmente la media ai distributori oscilla tra i 152 e i 167 dinari (1,48-1,63 franchi), uno dei prezzi più alti fra i Paesi della regione.
 

TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile