Keystone
STATI UNITI
04.06.18 - 07:280
Aggiornamento : 10:33

Altri guai per Facebook: condivide i dati con i big del mobile

Secondo il "New York Times", il colosso di Zuckerberg si sarebbe accordato con gruppi come Apple, Amazon, BlackBerry, Microsoft e Samsung

NEW YORK - Facebook ancora nel mirino sul fronte della violazione della sfera privata: secondo quando scrive il New York Times, nel tempo avrebbe stipulato accordi con almeno 60 produttori di smartphone, tablet e altri dispositivi mobili, permettendo loro di accedere ai dati personali di migliaia di utenti e dei loro "amici" senza esplicito consenso.

Tra i gruppi con cui il colosso di Mark Zuckerberg negli ultimi dieci anni avrebbe siglato intese ci sarebbero Apple, Amazon, BlackBerry, Microsoft e Samsung.

La maggior parte di questi accordi basati sulla condivisione dei dati personali - scrive il New York Times - è ancora in vigore e ha permesso a Facebook di estendere enormemente il suo raggio d'azione, lasciando i produttori di dispositivi mobili liberi di offrire e diffondere ai propri utenti alcuni dei servizi più popolari che caratterizzano il colosso dei social media.

In cambio Facebook ha permesso a gruppi come Apple e Samsung di accedere alle informazioni personali dei propri utenti e dei loro "amici" sulla piattaforma social, anche nei casi in cui questi ultimi erano convinti di aver negato ogni condivisione dei propri dati.

Dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, che ha riguardato la sottrazione di decine di milioni di dati personali di utenti di Facebook utilizzati per scopi politici, questa nuova vicenda rischia di sollevare un nuovo polverone sul gruppo di Mark Zuckerberg. I vertici di Menlo Park infatti hanno sempre parlato di una stretta sulla raccolta di dati personali a partire dal 2015, ma avrebbero omesso di svelare alcune eccezioni. Tra queste proprio quella riguardante l'esenzione per i produttori di smartphone, tablet ed altri dispositivi hardware.

La replica di Ime Archibong, vicepresidente di Fb - Facebook ha dato accesso ai dati degli utenti ai costruttori di dispositivi mobili al solo scopo di portare il social network sui diversi smartphone esistenti, in un periodo in cui non c'erano i negozi di app. Lo scrive il vicepresidente di Facebook Ime Archibong in risposta al New York Times. I costruttori hanno «firmato accordi che impedivano l'uso delle informazioni» per scopi diversi, scrive, e hanno chiesto il consenso degli utenti.

 

Commenti
 
MIM 1 anno fa su tio
Ma perché colpiscono (o tentano di colpire) FB, e non si accaniscono anche contro Google, Samsung...?
Mag 1 anno fa su tio
Chiedere l'approvazione significa che una persona possa rispondere si o no senza che accada nulla. Per quello che ho visto io, se rispondi NO si bloccano i servizi o si hanno problemi di altro tipo che non sto qui a spiegare in quanto la maggior parte degli utenti sanno di cosa parlo. Quindi per me sarebbe ora che Zuckerberg, o chiunque sia il responsabile, si facciano qualche giornata di galera anche se, visto i miliardi che fanno vendendo questi dati, non avranno problemi ad uscire.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Mag Nessuno ti obbliga a usare Facebook. Se sei così spaventato da cosa hai letto nelle avvertenze (cosa che nessuno fa) allora i social non li dovresti usare. Il fatto è che nessuno le legge quindi nessuno si può spaventare. Poi becchi qualcuno che le legge e ''scopre'' nuovi scandali. Con i social network pubblichi dati online, dalle foto agli articoli di giornale. Non c'è da stupirsi che qualcuno usa quei dati, per quel che mi riguarda possono anche prenderli tutti.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@Mattiatr Aha aha aha, che gnücc... :-)))))
TOP NEWS Dal Mondo
VIDEO
ITALIA
27 min

Open Arms: in 5 si gettano in mare, la Spagna: «Li accogliamo noi»

I 107 hanno passato la 16esima notte a bordo in attesa dei risultati delle indagini della Procura: «A bordo situazione insostenibile»

FRANCIA
3 ore

Il cameriere era troppo lento e lui allora lo ha ammazzato

È successo alle porte di Parigi, visto che il suo panino non arrivava più un cliente di un bistrot ha estratto la pistola e ha aperto il fuoco

FOTO
CINA
5 ore

In una piovosa Hong Kong in migliaia pronti a manifestare ancora

La folla oceanica oggi presidierà Victoria Park, dovrebbe essere una giornata di proteste pacifiche

AFGHANISTAN
6 ore

Kabul, attentato suicida al matrimonio: 63 morti e 182 feriti

Divulgato stamani il primo bilancio dell'attentato suicida di ieri: almeno 63 i morti e 182 i feriti. Rivendicata intanto da parte dell'Isis la responsabilità dell'attacco.

ITALIA
6 ore

Per scommessa uccidono un coniglio a sassate

Alcuni balordi giunti via mare a Ischia hanno ucciso per gioco un coniglio che da qualche tempo era diventato una piccola attrazione per bambini sull’isola campana

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile