ITALIA
21.03.18 - 15:080

Sindaco di Gallarate paga il treno ai migranti: è polemica

A Domodossola, intanto, il sindaco chiede che siano trasferiti fuori città: «Vogliamo turisti»

GALLARATE - Il sindaco di Gallarate che paga il biglietto del treno ad alcuni migranti a cui non è stata accettata la domanda d'asilo: è iniziata così una nuova polemica sulla gestione dei rifugiati.

Una sessantina di rifugiati sono stati trasferiti ieri da un centro in chiusura a Gallarate (Varese) al centro di Bresso, nel milanese. Dodici di loro - a cui non è stata accettata la richiesta di asilo - però non erano inclusi e alla fine il sindaco Andrea Cassani ha dato loro 180 euro, quindici a testa, per comperare un biglietto di treno per Milano, mentre qualche altro soldo è arrivato loro dalla Kb srl, che gestiva il centro in chiusura.

La decisione ha scatenato le proteste da parte di Milano. «È una modalità allucinante. E il sistema nazionale va rifatto» ha commentato l'assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino che ha chiesto l'intervento della prefettura.

Sulla questione la prefettura di Milano ha già interessato la prefettura di Varese che è competente per Gallarate.

Il sindaco di Domodossola: «Vadano via, vogliamo turisti» - I migranti «devono lasciare Domodossola». Il sindaco della città piemontese nella provincia del Verbano Cusio Ossola, Lucio Pizzi (Centrodestra, eletto nel 2016), ha dal canto suo invitato la cooperativa 'La Bitta', che gestisce l'ospitalità in un condominio cittadino, a trasferire i migranti fuori città.

«Ora basta! - dice Pizzi - Continuo a ricevere lamentele che denunciano comportamenti intollerabili. Si passa dal mancato rispetto delle più elementari regole di convivenza fino ad arrivare a comportamenti indecorosi e a dir poco sconvenienti che rischiano di compromettere anche il vivere civile del quartiere, sede anche di istituti scolastici. Questi migranti devono lasciare Domodossola. La città vuole accogliere turisti, non migranti. Dobbiamo invece impegnarci per avere una città ancor più ordinata, sicura e vivibile».

Il sindaco Pizzi è già autore di altre battaglie contro i migranti, compresa la richiesta di un 'coprifuoco'' in città dalle 20 in poi per gli ospiti immigrati.
 
 


 
 

TOP NEWS Dal Mondo
CINA
26 min
Esperti ignorati, luoghi turistici già affollati
L'intenzione della Cina di riprendere con calma non pare essere stata compresa bene
STATI UNITI
2 ore
Diritti d'autore, è battaglia tra la Universal e Tik Tok
Da un anno è in corso una trattativa per il pagamento dei diritti della musica utilizzata dai video della famosa app
ITALIA
3 ore
Scoperti i meccanismi d'attacco del virus
I ricercatori italiani hanno realizzato una mappa che mostra in che modo il Covid-19 invade le cellule
SPAGNA
3 ore
Troppi morti, funerali in cinque minuti
Padre Edduar ha raccontato il triste momento che sta vivendo il cimitero La Almudena di Madrid
BRASILE
3 ore
Scarcerati 30'000 detenuti a causa del coronavirus
Alla maggior parte di loro non è stata istallata la cavigliera elettronica a causa della mancanza di dispositivi
GERMANIA
4 ore
L'Europa rischia di fallire?
Lo sostengono gli ex ministri degli esteri tedeschi Gabriel e Fischer
REGNO UNITO
6 ore
Nuova ricerca: quattro pazienti su cinque sarebbero asintomatici
Su 166 persone identificate, ben 130 non presentavano sintomi
MONDO
7 ore
Boris Johnson resta al comando dall'ospedale
Gli ultimi aggiornamenti internazionali sulla pandemia di Covid-19
NEW YORK
10 ore
Covid-19, la tigre contagiata dal custode
È successo in uno zoo del Bronx. Altre tre tigri e tre leoni hanno gli stessi sintomi
STATI UNITI
12 ore
Ma stiamo davvero riciclando la plastica?
Secondo un documentario, negli ultimi 40 anni solamente il 10% della plastica è stato riciclato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile