Keystone
FRANCIA
13.02.18 - 18:040
Aggiornamento : 18:25

Tutti coscritti: Francia verso il «servizio nazionale universale e obbligatorio»

«Inculcherà» la disciplina. Il parlamento: «L'esercito non deve formare cittadini-soldato che non combatteranno mai»

Servizio militare

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

PARIGI - Emmanuel Macron l’aveva promesso in campagna elettorale e il portavoce del suo governo - dopo non poca confusione - ora conferma: verrà introdotto un «servizio nazionale universale» della durata di un mese da adempiere fra i 18 e i 21 anni e sarà «obbligatorio».

«Si parla di tutta una classe d’età, è universale, quindi interessa sia i ragazzi che le ragazze, ed è obbligatorio», ha precisato Benjamin Griveaux dopo che, venerdì, la ministra delle forze armate, Florence Parly, aveva messo in dubbio l’obbligatorietà annunciata invece dal ministro dell’Interno, Gérard Collomb. Parigi ha in mente un «servizio nazionale universale» che sia «un momento d’incontro fra la gioventù del nostro paese, la nazione e, in parte, il suo esercito», ha spiegato Griveaux.

Dopo averlo abolito nel 1997, la Francia intende insomma reintrodurre l’obbligo di prestare servizio militare? E di un mese?

Nelle dichiarazioni pre-elettorali di Macron le intenzioni sembravano proprio queste: ai giovani sarebbero stati «inculcati» la disciplina e il rispetto delle autorità così da farli diventare «un serbatoio mobilitabile e complementare della Guardia nazionale». Il tutto, beninteso, anche per rafforzare la «coesione repubblicana» della nazione.

I contorni del progetto, al momento, rimangono poco chiari. L’esecutivo rimanda a un rapporto che sarà presentato in aprile. Il parlamento, dal canto suo, sta lavorando a un altro rapporto, atteso per il 21 febbraio, nel quale niente rimane del servizio militare obbligatorio e molto, invece, viene aggiunto in termini (vaghi) di formazione civica obbligatoria. L’esercito, infatti, «non deve formare dei cittadini-soldato che non combatteranno mai né raddrizzare 800 giovani che si crede essere poco impegnati», riporta Le Monde anticipando parti del testo.

A suscitare dubbi fra i parlamentari, oltre alla logistica, sono i costi di questa operazione: «dai 15 ai 20 miliardi di euro» per le infrastrutture e costi annuali di «2-3 miliardi di euro», stimava Macron in campagna elettorale come ricorda Franceinfo.

Commenti
 
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
8 ore

Esplosione durante un matrimonio, decine di vittime

Si sarebbe trattato di un attentato suicida

STATI UNITI
10 ore

Greta, quarto giorno di navigazione: «Niente mal di mare»

L'attivista sedicenne sta viaggiando verso gli Stati Uniti

ITALIA
10 ore

Il M5s chiude a Salvini, Conte decisivo il 20 al Senato

sarà il premier a decidere come e quando muovere il primo passo, avviare alla crisi in seguito a un voto parlamentare o recandosi direttamente al Colle per rimettere il suo mandato

ARGENTINA
12 ore

Sale il rischio default

L'incertezza politica è costata al rating sovrano del Paese sudamericano un doppio downgrade

STATI UNITI
13 ore

Nike sotto pressione, rivede le politiche sulle atlete in maternità

I loro compensi e i loro bonus non potranno essere ridotti in caso di gravidanza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile