Keystone / AP
STATI UNITI
29.11.17 - 08:140

In Siria e Iraq più soldati di quelli ammessi dal Pentagono

Ufficialmente sono 5700, in realtà superano i 10mila

WASHINGTON - Il numero delle truppe statunitensi in Siria e Iraq è significativamente più alto di quello riconosciuto dagli ufficiali del Pentagono: lo mostra un rapporto del Dipartimento della Difesa.

Ufficialmente ci sono 503 soldati americani in Siria e 5262 in Iraq. Secondo il rapporto, tuttavia, in Siria stazionano 1720 militari statunitensi e in Iraq 8892.

TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
Londra in allerta per le manifestazioni anti-Covid
La polizia ha fatto sapere che «non tollererà violenze»
STATI UNITI
2 ore
Trump ha scelto la sostituta del giudice Ginsburg
L'annuncio della Casa Bianca è atteso nelle prossime ore
ITALIA
3 ore
A un mese dal contagio, è ancora Covid-positivo
Il Cavaliere settimana prossima compierà gli anni, ma per lui nessuna super festa
FOTO
UCRAINA
13 ore
Precipita un aereo della scuola d'aviazione militare: almeno 22 i morti
Il velivolo stava rientrando al vicino aeroporto quando qualcosa è andato storto, Zelensky: «È una tragedia»
FRANCIA
14 ore
Parigi, fermate altre 5 persone: «È un atto terroristico islamista»
La dura condanna del ministro degli Interni Gerald Darmanin, arrestati 3 coinquilini del 18enne: «Non era radicalizzato»
ITALIA
15 ore
La replica di Toti: «Tanti casi solo a La Spezia, come circola il virus non ce lo dicano gli svizzeri»
La risposta del presidente della regione Liguria dopo che la Confederazione l'ha segnalata come meta a rischio
REGNO UNITO
16 ore
Il virus mette in crisi le reddite della regina, il governo verserà sussidi anche a lei
E la decisione non ha mancato di generare molte critiche: «Meglio aiutare chi resterà senza lavoro»
STATI UNITI
16 ore
Il missile Ninja che non esplode ma “affetta” i bersagli usato contro Al Qaeda
È inerte, per limitare i danni ai civili, ma estrae delle lame poco prima dell'impatto
GERMANIA
18 ore
Lufthansa taglia 1100 piloti anziché 600
Il numero previsto a giugno non sarebbe più adeguato, secondo il Ceo Carsten Spohr
FRANCIA
19 ore
L'aggressore di Parigi ha ammesso i fatti
La procura antiterrorismo ha confermato che il «principale autore» è un 18enne pachistano
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile