STATI UNITI
25.11.17 - 12:010
Aggiornamento : 17:01

Le "isole di rifiuti", un disastro ecologico

Nel Mar dei Caraibi, mucchi di spazzatura galleggiante testimoniano il disastro ambientale che colpisce una delle zone più belle del mondo

NEW YORK - Al largo di alcune spiagge paradisiache dei Caraibi, una discarica galleggiante testimonia il disastro ambientale che sta avvenendo in silenzio, quando i fiumi inquinati sfociano nel mare.

Queste "isole di rifiuti" sono state ritratte dalla fotografa Caroline Power, che vive sull'isola di Roatan, in Honduras. L'isola di spazzatura filmata questa volta «è molto piccola rispetto a quelle che si trovano negli oceani Atlantico e Pacifico», assicura.

Ci sono posate usa e getta, borse e tutti i tipi di contenitori di plastica. Il problema è che questi rifiuti «continuano a riversarsi nei nostri oceani, provocando la formazione di questi accumuli», ha spiegato la donna all'AFP.

«È un disastro ambientale», afferma Leonardo Serrano, vice sindaco di Omoa, una città costiera nel nord dell'Honduras. Questo piccolo paese dell'America Centrale punta il dito contro il vicino Guatemala, dove il fiume Motagua scorre per centinaia di chilometri, raccogliendo lungo il suo corso i rifiuti di una trentina di comuni, prima di raggiungere il mare, sul lato honduregno.

Caroline Power relativizza ricordando che «non sappiamo da dove viene la spazzatura». Ammette anche che «una delle fonti principali (dell'inquinamento) sono i fiumi in Honduras e in Guatemala». «Ma il resto può venire da qualsiasi luogo. Potrebbe arrivare, tramite la corrente, da ogni parte dell'America centrale o dei Caraibi. Alcune microplastiche hanno galleggiato per anni», continua.

«Anche sacche di sangue» - Nella stagione delle piogge, da maggio a dicembre, le onde portano questi detriti sulle spiagge della regione di Omoa, spiega il responsabile del turismo locale, Amilcar Fajardo. Camminando lungo la costa, si trovano bottiglie, rifiuti ospedalieri e tubi per aerosol, tutti con confezione guatemalteca, cosa che supporta la teoria honduregna.

Nancy Calix, una biologa marina, spiega che solo la spazzatura galleggiante è visibile sulla superficie dell'acqua, il resto si trova sul fondo del mare, danneggiando la vita marina. «Abbiamo trovato pesci e persino tartarughe di un metro di diametro, morti per intossicazione dopo aver ingoiato la plastica», sottolinea Fajardo.

Il problema esiste da tempo, ma è peggiorato negli ultimi anni, costringendo il comune di Omoa a sostenere ingenti spese per pulire le sue spiagge, Inutilmente, visto che montagne di rifiuti si riaccumulano rapidamente sulla sabbia.

Recentemente, «abbiamo riempito 20 autocarri con cassone ribaltabile di 13 metri cubi ciascuno», spiega il sindaco Ricardo Alvarado. «Abbiamo anche trovato sacche di sangue» provenienti dagli ospedali del Guatemala.

Forse in arrivo la soluzione - Il ministro dell'ambiente del Guatemala, Sydney Samuels, ha promesso questa settimana che un impianto di trattamento dei rifiuti da 1,6 milioni di dollari sarà costruito sul fiume Motagua. Un incontro con le autorità dell'Honduras si è tenuto a novembre per discutere l'argomento.

Secondo il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (Puma), 6,4 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono in mare, ogni anno, la maggior parte dei quali (70%) va a fondo.

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
47 min
Dal Bangladesh 600 positivi, trovati test falsificati
Sospesi per almeno una settimana tutti i voli provenienti dal paese asiatico e diretti in Italia
STATI UNITI
1 ora
Violazione della tutela della privacy dei minori, TikTok sotto esame
L'accusa: l'app raccoglierebbe le informazioni degli utenti sotto i 13 anni senza il permesso dei genitori
ITALIA
3 ore
Ponte Morandi: la gestione del nuovo viadotto va a... Autostrade
A confermarlo è la ministra dei Trasporti italiana. Il governatore Toti: «Dopo due anni d'immobilismo, questo».
STATI UNITI
6 ore
Zuckerberg bocciato
In un recente incontro «i leader della società hanno presentato le stesse vecchie argomentazioni»
PAESI BASSI / BELGIO
6 ore
"Stanze di tortura" al confine tra Olanda e Belgio, sei arresti
L'inchiesta è arrivata a un punto di svolta dopo che la polizia è riuscita a penetrare in una chat crittografata
FOTO
SERBIA
6 ore
Notte di guerriglia urbana a Belgrado
Ci sarebbero numerosi agenti feriti
STATI UNITI
7 ore
Multa da 150 milioni di dollari per Deutsche Bank
L'istituto «non ha controllato in modo appropriato le attività bancarie condotte in nome» del finanziere morto nel 2019
VIDEO
AUSTRALIA
7 ore
Spunta un serpente velenoso mentre guida: tanta paura per un 27enne
Si tratta della seconda specie più letale al mondo. Sul posto è intervenuta anche la polizia
STATI UNITI
16 ore
Il passo di Trump fuori dall'Oms
La Casa Bianca ha notificato al Congresso e all'Onu il ritiro del Paese. L'uscita sarà effettiva il 6 luglio 2021
REGNO UNITO
19 ore
Quarantena per chi proviene dall'estero, ma non per le star di Hollywood
Tra i divi sollevati dall'obbligo anche Tom Cruise, per proseguire le riprese del nuovo Mission Impossible
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile