STATI UNITI
25.11.17 - 12:010
Aggiornamento : 17:01

Le "isole di rifiuti", un disastro ecologico

Nel Mar dei Caraibi, mucchi di spazzatura galleggiante testimoniano il disastro ambientale che colpisce una delle zone più belle del mondo

NEW YORK - Al largo di alcune spiagge paradisiache dei Caraibi, una discarica galleggiante testimonia il disastro ambientale che sta avvenendo in silenzio, quando i fiumi inquinati sfociano nel mare.

Queste "isole di rifiuti" sono state ritratte dalla fotografa Caroline Power, che vive sull'isola di Roatan, in Honduras. L'isola di spazzatura filmata questa volta «è molto piccola rispetto a quelle che si trovano negli oceani Atlantico e Pacifico», assicura.

Ci sono posate usa e getta, borse e tutti i tipi di contenitori di plastica. Il problema è che questi rifiuti «continuano a riversarsi nei nostri oceani, provocando la formazione di questi accumuli», ha spiegato la donna all'AFP.

«È un disastro ambientale», afferma Leonardo Serrano, vice sindaco di Omoa, una città costiera nel nord dell'Honduras. Questo piccolo paese dell'America Centrale punta il dito contro il vicino Guatemala, dove il fiume Motagua scorre per centinaia di chilometri, raccogliendo lungo il suo corso i rifiuti di una trentina di comuni, prima di raggiungere il mare, sul lato honduregno.

Caroline Power relativizza ricordando che «non sappiamo da dove viene la spazzatura». Ammette anche che «una delle fonti principali (dell'inquinamento) sono i fiumi in Honduras e in Guatemala». «Ma il resto può venire da qualsiasi luogo. Potrebbe arrivare, tramite la corrente, da ogni parte dell'America centrale o dei Caraibi. Alcune microplastiche hanno galleggiato per anni», continua.

«Anche sacche di sangue» - Nella stagione delle piogge, da maggio a dicembre, le onde portano questi detriti sulle spiagge della regione di Omoa, spiega il responsabile del turismo locale, Amilcar Fajardo. Camminando lungo la costa, si trovano bottiglie, rifiuti ospedalieri e tubi per aerosol, tutti con confezione guatemalteca, cosa che supporta la teoria honduregna.

Nancy Calix, una biologa marina, spiega che solo la spazzatura galleggiante è visibile sulla superficie dell'acqua, il resto si trova sul fondo del mare, danneggiando la vita marina. «Abbiamo trovato pesci e persino tartarughe di un metro di diametro, morti per intossicazione dopo aver ingoiato la plastica», sottolinea Fajardo.

Il problema esiste da tempo, ma è peggiorato negli ultimi anni, costringendo il comune di Omoa a sostenere ingenti spese per pulire le sue spiagge, Inutilmente, visto che montagne di rifiuti si riaccumulano rapidamente sulla sabbia.

Recentemente, «abbiamo riempito 20 autocarri con cassone ribaltabile di 13 metri cubi ciascuno», spiega il sindaco Ricardo Alvarado. «Abbiamo anche trovato sacche di sangue» provenienti dagli ospedali del Guatemala.

Forse in arrivo la soluzione - Il ministro dell'ambiente del Guatemala, Sydney Samuels, ha promesso questa settimana che un impianto di trattamento dei rifiuti da 1,6 milioni di dollari sarà costruito sul fiume Motagua. Un incontro con le autorità dell'Honduras si è tenuto a novembre per discutere l'argomento.

Secondo il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (Puma), 6,4 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono in mare, ogni anno, la maggior parte dei quali (70%) va a fondo.

TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITI
7 min
Tutte quelle tasse che Amazon & Co. non pagano
I colossi dell'hi-tech sono cinture nere della “finanza creativa“. Ma l'Unione Europea e il Regno Unito vogliono che le cose cambino
CROAZIA / BOSNIA
1 ora
Il caso dei due giocatori di ping pong estradati (per sbaglio) in Bosnia
Una vicenda assurda, quella che ha coinvolto due 18enni nigeriani
STATI UNITI
10 ore
Vendere una banana scotchata al muro per 120'000 dollari
E dopo quella, pure una seconda. Lo ha fatto l'artista e provocatore Maurizio Cattelan ad Art Basel Miami
FOTO
FRANCIA
14 ore
Black bloc, lacrimogeni e cassonetti in fiamme: a Parigi è il caos
Cresce la tensione a margine del corteo contro la riforma delle pensioni voluta da Macron. Ma il presidente sembra voler andare dritto per la propria strada: «Sono calmo e determinato». 87 i fermi
STATI UNITI
16 ore
Donald Trump sarà messo in stato di accusa
La speaker della Camera Nancy Pelosi ha dato il via alla redazione degli articoli di impeachment: «È in gioco la nostra democrazia. Non ci lascia altra scelta»
STATI UNITI
16 ore
Biden posta il video del vertice Nato: «Il mondo ride di Trump»
Nel filmato diversi leader parlano male del presidente statunitense
STATI UNITI
17 ore
Negli Stati Uniti è boom di "carne vegetale"
Il trend interessa soprattutto i millennial. I produttori di carne (vera) contrattaccano
MONDO
19 ore
I nuovi utenti di Instagram dovranno dichiarare la loro età
«Questi cambiamenti rappresentano un passo in avanti nello sforzo di tutelare i più giovani» comunicano dalla piattaforma social
TURCHIA
20 ore
«Volevo uccidere qualcuno»: era appena evaso
Ha confessato l'assassino della 20enne uccisa due giorni fa
MONDO
21 ore
Il novembre 2019 è stato il più caldo mai registrato
Temperature estremamente miti sono state osservate specialmente nella Siberia orientale, Alaska e Groenlandia
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile