Fotolia
AUSTRALIA
09.11.17 - 07:430
Aggiornamento : 09:48

Facebook e il revenge porn: «Speditevi le vostre foto nudi»

Il social sta testando un programma per impedire che ex arrabbiati possano postare immagini che avrebbero dovuto rimanere private

CANBERRA - Un ex arrabbiato può rendere la vita impossibile online. In possesso di foto molto private della persona con cui fino a poco tempo prima condivideva l’intimità, può caricarle sui social causando non poche grane. Per contrastare il fenomeno, conosciuto come “revenge porn”, Facebook sta testando uno strumento piuttosto particolare in collaborazione con le autorità australiane. A chi è tormentato da immagini di sé che mai avrebbero dovuto diventare pubbliche, chiede infatti di spedire quelle stesse immagini al social via Messenger.

O meglio: a sé stessi via Messenger. Sì perché il programma in questione prevede che l’utente - dopo aver preso contatto con la Commissaria australiana per la sicurezza informatica - si invii le foto che vuole vedere sparire per mezzo dell’app di messaggistica del social. A quel punto, il software crea un “hash” dell’immagine, una sorta di impronta digitale virtuale, che impedirà a chiunque tenti di farlo di caricare la stessa foto sul social.

«È come spedirsi una foto via email, ma in un modo più sicuro ed “end-to-end”, senza che passi dall’etere», assicura ad Abc News la “e-Safety Commissioner” australiana Julie Inman Grant. «Facebook non archivia l’immagine, ma un link», aggiunge. Secondo la responsabile governativa, una donna australiana su cinque di età compresa fra i 18 e i 45 anni è vittima di “revenge porn”. L’Australia, fa sapere la direttrice della sicurezza globale di Facebook, Antigone Davis, è uno dei quattro Paesi che al momento stanno testando questo software.

Il social promette che l’indesiderata immagine di nudo non riaffiorerà più sulle sue pagine. The Verge, un portale americano specializzato in tecnologia, esprime però dubbi a riguardo. Esistono esempi «ben documentati», sostiene, di tentativi riusciti di aggirare gli algoritmi alla base di questi programmi. Fino a martedì, Facebook non aveva risposto a queste obiezioni.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
2 ore

Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta

In caso contrario, assicura il premier finlandese che ricopre la presidenza di turno dell'Ue, «è tutto finito»

STATI UNITI
4 ore

16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire

La sorella della vittima: «Era una persona che avrebbe aiutato chiunque e nessuno lo ha aiutato»

STATI UNITI
14 ore

La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump

Il costo del denaro scende di un altro quarto di punto. La decisione è stata presa con 7 voti favorevoli e 3 contrari. Il presidente: «Ancora una volta Powell ha fallito»

KENYA
15 ore

Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois

Le immagini di Tira sono state scattate nella riserva nazionale di Maasai Mara e le foto hanno già fatto il giro del mondo

ITALIA
17 ore

Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web

Era uno dei tasselli del sistema Iptv, usatissimo anche in Ticino. La Guardia di Finanza: «Chi lo usa potrà essere multato fino a 25'000€»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile