Fotolia
STATI UNITI
26.10.17 - 06:000

A 17 anni vuole abortire, ma l'amministrazione Trump non glielo permette

Jane Doe è un'immigrata irregolare trattenuta al confine con il Messico. Mentre la battaglia continua, le settimane passano

WASHINGTON - L’immigrazione irregolare e l’aborto sono due temi particolarmente sensibili negli Stati Uniti e si mescolano con risultati nefasti nella storia di Jane Doe. La 17enne, entrata in Texas senza documenti, è infatti trattenuta in un centro di accoglienza finanziato dal governo federale vicino al confine, ha scoperto di essere incinta e alla sua richiesta di interrompere la gravidanza si vede opporre un cavilloso “no” da Washington. L’orologio, intanto, ticchetta. Giunta alla 16a settimana di gravidanza, lo Stato americano del sud le dà tempo fino alla 20a per abortire.

Jane Doe - nome di fantasia attribuitole dai documenti processuali - ha scoperto di essere incinta alla 9a settimana, quando già si trovava nel centro di Brownsville, nel profondo sud del Texas. Come riporta il New York Times, la sua richiesta di interrompere la gravidanza ha dato avvio a un braccio di ferro con l’amministrazione Trump. Il Dipartimento di giustizia non contesta il suo diritto ad abortire, ma ritiene che il governo non debba agevolare l’accesso all’interruzione di gravidanza per le persone sotto la sua tutela. Un atteggiamento di cui farebbero le spese anche altre migranti irregolari minorenni, dissuase o osteggiate nei loro tentativi di ricorrere all’interruzione di gravidanza, denunciano le associazioni di difesa dei diritti umani.

Ora il caso di Jane - che proviene da un non meglio specificato Paese del Centro America - è giunto a una corte d’appello federale di Washington, che ha ordinato al governo di permettere alla giovane di abortire. Il sistema: affidarla a un tutore che la accompagni dal medico cosicché non sia l’amministrazione Trump ad agevolare l’interruzione di gravidanza. Difficile però che ciò accada abbastanza in fretta.

TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
1 ora

Pressing sui colossi di internet, dalla web tax alla moneta di Facebook

«Dobbiamo assicurare che le piattaforme online non eliminino i benefici che il commercio elettronico offre ai consumatori attraverso comportamenti anti-competitivi»

FRANCIA
3 ore

Notre Dame, tre mesi dopo fra leggi e polemiche. Tutte le foto

Ad oggi l’obiettivo è ancora la pulizia e la messa in sicurezza, non è ancora stato scongiurato il rischio di collasso

CINA
4 ore

Al via il pagamento a riconoscimento facciale Alipay

È stato installato presso le Librerie Xinhua, il più grande rivenditore di libri del Paese asiatico

STATI UNITI
6 ore

'El Chapo' condannato all'ergastolo: «Processo ingiusto»

Joaquin Guzman era stato riconosciuto colpevole per il traffico di tonnellate di droga e di vari omicidi come boss del cartello di Sinaloa

ITALIA
6 ore

Instagram nasconde il numero dei Like anche in Italia

La prima prova è stata svolta in Canada

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report