Keystone
URUGUAY
19.07.17 - 19:510

Parte la vendita autorizzata di marijuana, ma non mancano le polemiche

Il tenore di Thc dell'"erba di stato" è del 2%, e non è reperibile in tutte le farmacie

MONTEVIDEO - Malgrado il freddo dell'inverno australe, dalle 8 del mattino di oggi le lunghe code davanti a quattro farmacie di Montevideo segnavano una 'data storica': per la prima volta al mondo, in Uruguay i consumatori di marijuana possono acquistare "erba" coltivata e distribuita dallo Stato.

Gli acquirenti di cannabis psicoattiva per uso non medico - questa è la loro definizione ufficiale - si sono svegliati presto. Verso le 10 del mattino, nella farmacia autorizzata a Pocitos, il quartiere più popoloso della capitale, avevano già venduto varie decine di confezioni.

Ogni consumatore che si sia iscritto precedentemente in un registro ufficiale può comprare una o due confezioni di 5 grammi a settimana, per un prezzo equivalente a circa 5,70 euro l'una. Il prodotto è disponibile in due versioni, Alfa 1 e Beta 1, provenienti da piante di cannabis indica o cannabis sativa.

Le piante sono coltivate da due aziende private che hanno vinto una gara lanciata dall'Istituto ufficiale per il controllo della cannabis (Ircca), in una serie di serre costruite su terreni militari, con misure speciali di sicurezza, alla periferia di Montevideo.

La 'erba di Stato' rappresenta la terza e ultima fase della riforma lanciata nel 2013, dopo la regolamentazione della coltivazione domestica (poco meno di 7 mila iscritti, finora) e dei circoli o club di consumatori (finora 63).

In molti segnalano comunque una serie di problemi nella attuazione della riforma. Anzitutto, il numero di consumatori registrati, poco meno di 5 mila, è molto al di sotto delle aspettative del governo, così come il numero di farmacie dove si vende la cannabis. Di fatto, in 8 dei 19 dipartimenti in cui è diviso in Paese non esiste alcun punto di vendita. A questo si deve aggiungere lo scetticismo dei consumatori, dopo che si è saputo la marijuana di Stato ha un tenore di Thc, il principale elemento psicoattivo della sostanza, di 2%, molto inferiore a quello dell'"erba" disponibile sul mercato illegale (7-10%).

Qualche problema tecnico con i rilevatori di impronte digitali - garanti tecnologici della privacy dei consumatori, che non devono identificarsi al momento dell'acquisto - ha ritardato un poco le operazioni nella giornata inaugurale del sistema, ma l'umore generale è stato comunque positivo.
 
 

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA / SPAGNA
1 ora
Coronavirus: «Se l'Unione Europea non sarà all'altezza, i nazionalismi cresceranno»
Il premier italiano Conte mette in guardia Bruxelles. Italia «vicina al picco».
REGNO UNITO
3 ore
EasyJet non vola più del tutto
La compagnia: «Non è possibile stabilire con certezza una data di ripresa dei voli commerciali».
STATI UNITI
4 ore
Coronavirus: avanti ancora un mese
Niente "riapertura" per Pasqua per gli Stati Uniti. Trump: il picco sarà proprio «fra due settimane».
CINA
6 ore
L'intervista alla paziente zero: «I dottori non avevano idea di cosa avessi»
La prima persona al mondo ad avere il coronavirus è una 57enne, mercante di frutti di mare di Wuhan
INDIA
6 ore
Tutti a casa a bastonate, il Premier chiede scusa
Narendra Modi si scusa con le persone più in difficoltà e dichiara: «è necessario, non abbiamo altra scelta»
STATI UNITI
14 ore
«Gli Usa non pagheranno per la sicurezza di Harry e Meghan»
Lo ha ribadito Donald Trump in un tweet: «Ammiro il Regno Unito e la Regina, ma loro dovevano stare in Canada»
REGNO UNITO
16 ore
«Almeno 6 mesi prima di poter abbassare la guardia»
Secondo gli esperti riprendere una vita normale troppo presto potrebbe portare a un nuovo picco della curva
ITALIA
18 ore
Tra virus e polemiche, ci si avvicina a 100'000 contagi
L'assessore lombardo Caparini ha lanciato pesanti critiche al Governo
ITALIA
18 ore
Una nonnina di 102 anni ha battuto il coronavirus
È stata dimessa la scorsa settimana dall'ospedale San Martino di Genova e la notizia ha fatto il giro del mondo
GERMANIA
21 ore
Caos affitti: Adidas e H&M non vogliono pagarlo
Il Ministro della Giustizia è furente: «È un comportamento indecente e inaccettabile»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile