Keystone
SIRIA
05.04.17 - 13:390

Damasco contro tutti: Francia, Gran Bretagna, Turchia e Arabia Saudita

«Sono loro i responsabili dell'attacco di ieri», ha dichiarato il vice ministro degli esteri

BEIRUT - Il vice ministro degli esteri siriano Faysal Miqdad ha accusato oggi la Gran Bretagna, la Francia, la Turchia e l'Arabia Saudita di essere responsabili, assieme ai qaidisti siriani, del presunto attacco chimico avvenuto ieri nella Siria centrale e nel quale sono morte oltre 70 persone tra cui venti minori.

Citato dalla tv panaraba filo-iraniana al Mayadin, Miqdad ha detto che «i gruppi armati e chi li manovra dalla Gran Bretagna, dalla Francia, dalla Turchia e dall'Arabia Saudita sono i colpevoli di questo crimine».

Miqdad ha inoltre affermato che «alcune settimane fa il governo siriano ha fornito all'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche le informazioni che l'ala siriana di al Qaida aveva introdotto sostanze tossiche in Siria».

 

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore

Prete ruba 98.000$ dalle offerte e li spende con i fidanzati

L'uomo di fede è così passato dalle case al mare e le cene... al carcere

BRASILE
10 ore

Incendi in Amazzonia: il governo cerca un'azienda di monitoraggio satellitare

Il bando, però, delinea una società i cui dati sono già stati impiegati per minimizzare l'emergenza. Bolsonaro: «Ong principali sospettate»

ITALIA
13 ore

Consultazioni: le nuove condizioni del PD fanno alzare la tensione

Il partito ha chiarito i suoi «presupposti»: via i decreti sicurezza, preaccordo sulla manovra e stop al taglio dei parlamentari

STATI UNITI
14 ore

Victoria's Secret in crisi: vendite in calo del 7%

Per il produttore di lingerie si tratta del quarto trimestre consecutivo di contrazione su base annuale

STATI UNITI
14 ore

Fecondazione assistita, decine di bambini nati dal donatore sbagliato: spesso è il medico

All'insaputa delle madri, uno specialista ha per esempio fatto nascere con il proprio sperma almeno 56 bambini

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile