COLOMBIA
24.11.16 - 17:510
Aggiornamento : 22:04

Firmato il nuovo accordo di pace con le Farc

Il trattato è stato siglato dal presidente Santos e dal leader dei guerriglieri "Timochenko"

BOGOTÀ -Il presidente Juan Manuel Santos e il comandante delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc), Rodrigo Londono, hanno firmato oggi un nuovo accordo di pace nel paese, durante una cerimonia in un teatro di Bogotà.

L'intesa sostituisce l'accordo bocciato dal referendum dello scorso 2 ottobre e sarà confermata dal parlamento, senza quindi un nuovo voto, uno dei motivi per i quali è stato già respinto dall'opposizione guidata dall'ex presidente Alvaro Uribe.

L'accordo è stato firmato nel piccolo Teatro Colon di Bogotà, in contrasto quindi con la spettacolare cerimonia organizzata lo scorso 26 settembre a Cartagena de Indias per la prima intesa, poi bocciata.

Alla cerimonia sono stati comunque invitate 700 personalità, tra parlamentari, magistrati e diplomatici. Santos e Londono, noto come "Timochenko", si sono limitati a un breve discorso.

Il nuovo accordo tra le due parti, annunciato lo scorso 12 novembre dall'Avana, prevede modiche rispetto a quello respinto, considerate però insufficienti dall'opposizione, che ha appoggiato il "no" al referendum del 2 ottobre.

Di fatto, il partito di Uribe, Centro Democratico (destra), ha definito il meccanismo con il quale sarà varata la nuova intesa un «golpe contro il popolo e la democrazia», giacché non sarà confermata con un referendum ma appunto solo dal Parlamento, nel quale il governo sa di contare sui voti necessari per il via libera definitivo. Il dibattito parlamentare inizierà martedì prossimo.

«Voglio invitarvi a dare un'opportunità alla pace», ha sottolineato durante il suo intervento Santos, che ha ricordato brevemente le principali modifiche incluse nel nuovo accordo.

Il presidente ha inoltre sottolineato «l'urgenza della pace nel paese: il cessate il fuoco aveva iniziato a sbriciolarsi a causa delle incertezze sul futuro», ha aggiunto, precisando che l'avvio dell'intesa «non poteva attendere neppure un minuto in più: immaginate per un momento cosa avrebbe potuto significare il ritorno della guerra con le Farc».

Indicando le prossime tappe previste dopo la luce verde del parlamento, Santos ha ricordato quello che ha definito il "D day", e cioè il raggruppamento degli ex guerriglieri in alcune aree prefissate, sotto il controllo Onu e l'avvio della consegna delle armi da parte degli ex combattenti Farc.

«In 150 giorni, appena 150 giorni, tutte le armi delle Farc saranno nelle mani delle Nazioni Unite e le Farc quale gruppo armato non esisteranno più», ha aggiunto il capo dello Stato.

"Timochenko" Londono ha da parte sua scelto un discorso centrato sulla politica, nel quale ha tra l'altro sottolineato il sostegno dei giovani al processo di pacificazione, nonostante la sconfitta rappresentata dal referendum, ribadendo - come già fatto a Cartagena - la proposta di perdono alle vittime delle Farc.

Il comandante del gruppo guerrigliero ha inoltre offerto «un ramoscello di olivo» agli avversari delle Farc, che - ha precisato - è pronta a «deporre le armi, non le posizioni ideologiche. Confidiamo sul fatto che l'obiettivo della pace continuerà ad essere sostenuto da Washington», ha aggiunto "Timochenko", ricordando la vittoria di Donald Trump alle elezioni negli Stati Uniti.
 
 

TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
REGNO UNITO
1 ora
Arriva il 22esimo figlio, si allarga The Radford family
Sue e Noel Radford hanno annunciato una nuova gravidanza, sperano di avere un maschietto
FOTO E VIDEO
NORVEGIA
3 ore
Ruba un'ambulanza e si lancia sui pedoni, diversi i feriti
L'uomo è stato fermato dalla polizia. Sono stati travolti due gemelli di sette mesi a bordo di un passeggino
REGNO UNITO
3 ore
Riprendono i voli per Sharm el-Sheik dopo 4 anni
È stato cancellato il bando imposto nel 2015 per motivi di sicurezza
STATI UNITI
4 ore
Il buco dell'ozono è ai minimi dal 1982 (ma è una buona notizia solo a metà)
Perché è probabile che c'entri il riscaldamento globale, sostengono gli esperti: «Positivo, ma non è un segno di recupero»
ITALIA
6 ore
Il suo cuore si ferma a 14 anni, mentre fa ginnastica
Dramma in provincia di Treviso. Il padre: «E ora chiedo giustizia»
STATI UNITI
10 ore
Quei mini-cervelli cresciuti in provetta che fanno discutere
Sono una delle ultime grandi scoperte della neurologia con un grande potenziale medico ma, per alcuni, il rischi di “andare al di là“ dell'etico c'è
REGNO UNITO
19 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ISRAELE
21 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile