Dal Mondo
15.09.06 - 20:000
Aggiornamento : 16.11.14 - 18:25

Brasile-Bolivia: petrolio; Lula, da Morales una "carognata"

BRASILIA - Il presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha definito "una carognata" le nuove misure adottate dal governo boliviano sulle raffinerie della compagnia petrolifera statale brasiliana Petrobras, e "una carognata anche peggiore" il fatto che siano state decise e rese note a due settimane dalle elezioni presidenziali in Brasile.

Lula, secondo voci del palazzo presidenziale riferite dai media, è apparso "estremamente contrariato per essere stato preso di sorpresa per la seconda volta nei rapporti, che riteneva amichevoli, con il collega boliviano".

Nel maggio scorso, senza nessun preavviso, il presidente Evo Morales aveva proclamato la nazionalizzazione unilaterale delle riserve di idrocarburi, varie delle quali erano state concesse per vent'anni alla Petrobras. In quell'occasione, Lula, pur sorpreso, aveva reagito con moderazione e affermato che "non si può reagire duramente con un Paese povero come la Bolivia".

Stavolta però il presidente brasiliano sembra aver perso la pazienza, tanto più che l'opposizione e i suoi avversari alle elezioni presidenziali hanno subito sfruttato l'occasione per criticarlo. Lula ha dato ordine al presidente della Petrobras, José Sergio Gabrielli, di indurire l'atteggiamento nel negoziato in corso con le autorità boliviane e di avviare ricorsi presso gli organismi internazionali, in particolare presso il Centro internazionale di arbitraggio della Banca Mondiale a Washington.

"Il sequestro delle raffinerie è un gesto inaccettabile, e le nostre reazioni saranno adeguate", ha minacciato Silas Rondeau, ministro brasiliano dell'Energia.

Le reazioni a La Paz sono state immediate. Il vicepresidente (e attualmente presidente in esercizio) Alvaro Garcia Linera ha immediatamente sospeso le misure, che passavano il controllo delle raffinerie della Petrobras alla statale boliviana YPFB, pur aggiungendo che "la Bolivia conosce il rischio che il Brasile possa ricorrere all'arbitraggio internazionale, e non lo teme".

Una nuova riunione tra rappresentanti della Petrobras e YPFB é prevista per il 29 settembre.



ATS
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora

Offende una donna di colore in spiaggia, denunciato

È accaduto a Chioggia. A urlare col megafono dello stabilimento insulti contro la donna, l’ex gestore della spiaggia di Punta Canna, già indagato in passato per apologia del fascismo

STATI UNITI
10 ore

Falsi account in Cina eliminati da Twitter e Facebook

Miravano a seminare «discordia politica» e a manipolare la prospettiva delle proteste di Hong Kong

ITALIA
10 ore

Il 112 e la geolocalizzazione che avrebbe potuto salvare Simon

Polemica sulla mancata introduzione dell'Advanced Mobile Location. La causa? Il conflitto tra i numeri d'emergenza 112 e 118

CILE
12 ore

Venduto a privati il centro di tortura Venda Sexy, è polemica

Il Consiglio dei Monumenti storici ha precisato di non essere stato informato della transazione. Si valuta un'azione legale

REGNO UNITO
12 ore

Il video che inchioda il principe Andrea, era a casa di Epstein

Il duca di York è finito nella bufera per la sua amicizia con il finanziere suicida e coinvolto già dal 2008 in uno scandalo per abusi sessuali e sfruttamento della prostituzione minorile

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile