Dal Mondo
01.07.06 - 20:400
Aggiornamento : 17.11.14 - 10:59

Bolivia: indios per costituente, bianchi per devolution

LA PAZ - Da domani, nuovi nodi al pettine per il razzismo che, da cinque secoli, spacca in due la Bolivia. Circa 3,7 milioni di elettori andranno alle urne per scegliere i 255 membri di un'assemblea costituente e per un referendum sull'autonomia delle regioni dal potere centrale.

Per la prima si battono gli indigeni, i t'aras, quasi due terzi dei nove milioni di abitanti del paese, che risiedono per lo più nelle zone povere dell'Altipiano andino occidentale. Perché si imponga la devolution, sono invece in campo i q'aras, i bianchi discendenti dagli europei, che vivono nella "mezzaluna" orientale, pianeggiante ed amazzonica, e mirano a gestire le loro ricchezze naturali, dal petrolio al gas ai latifondi agricoli, senza i temuti interventi del governo di La Paz. Il governo da gennaio è infatti nelle mani di Evo Morales, il primo capo di stato indigeno che ha già nazionalizzato il settore energetico e avviato una redistribuzione delle terre.

L'anelito ad una Costituente ("dobbiamo porre fine ad una nera storia di oltre cinque secoli e rifondare la Bolivia", assicura Morales, che vuole ridisegnare il sistema politico del paese) risale al 1990 con una "marcia per la dignità ed il territorio", in cui migliaia di indios percorsero centinaia di chilometri per raggiungere la capitale e chiedere al governo d'allora - come da sempre in mano ai bianchi - il riconoscimento della loro diversità etnica. A quella marcia sono seguite altre marce e mobilitazioni, sfociate anche in insurrezioni popolari con centinaia di morti, che costrinsero i quattro predecessori di Morales ad abbandonare anzitempo il mandato.

Pur se in Bolivia il centralismo è in vigore dal 1825, anno dell'indipendenza, anche l'establishment di Santa Cruz (la regione più ricca: 40% del prodotto interno lordo, 54% dell'export e 43% degli investimenti esteri) punta all'autonomia solo da un paio di decenni. Richiesta fattasi però più pressante (anche con "vanguardistas", settori radicali disposti a prendere le armi), in coincidenza con il crescere della popolarità di Morales, sfociata poi nell'inatteso 54% dei voti, con cui ha vinto le elezioni dell'anno scorso.

È appunto in questo sempre più inquietante contesto che, alla fine, i due settori si sono accordati per dirimere i loro contrasti storici in un'unica ed inedita giornata elettorale. Ma tutto fa supporre che fin da lunedì prenderà il via la madre di tutte le battaglie boliviane. In effetti, anche se non vi sono stati sondaggi seri, si presume che nel suffragio per la Costituente, che si insedierà il 6 agosto e avrà un anno di tempo per redigere una nuova Magna Carta, si imporrà il Movimento al socialismo (Mas), il partito di Morales: anche se non otterrà i due terzi dei 255 membri, quorum indispensabile per le più importanti riforme. E che a Santa Cruz, così come nelle regioni di Beni, Pando e Tarija, prevarrà il "sì".

Morales, però, ha già avvertito che, anche se la devolution dovesse imporsi in alcune regioni, sarà poi la Costituente, perché sovrana, a decidere la questione. Un aspetto, questo, respinto dagli autonomisti, per i quali il "sì" di domani darà loro l'immediato diritto di farsi gli affari loro con una minima ingerenza dello stato. Insomma t'aras e q'aras dovranno scendere nuovamente a patti.

Un obiettivo a cui punta il vicepresidente Alvaro Garcia Linera, un accortissimo ex guerrigliero bianco che, non per nulla, supera in popolarità Morales. Ma, quest'ultimo, ieri sera, chiudendo i comizi in lingua "quechua" dei leader del Mas, all'insegna dello slogan 'Autonomia no', davanti alla folla dello stadio di Cochabamba ha detto: "Mi auguro che il mio vice non si sia intimorito nella sua visita a Santa Cruz".

Insomma è pronto a dare battaglia "alle oligarchie che vogliono mantenere i loro privilegi e frenare il cambiamento che abbiamo avviato", anche con un po' di aiuto dal collega venezuelano Hugo Chavez. Tanto che lo slogan più diffuso da "Podemos", il partito più importante dell'opposizione, è stato "Dite sì all'autonomia, per dire no a Chavez".



ATS
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Infermiere gli ruba il bancomat e fa acquisti per 7'000 euro mentre lui muore di Covid-19
È successo in un ospedale del Bergamasco, a scoprirlo le sorelle del defunto. In casa sua trovata la merce
FRANCIA
3 ore
Laboratori chiusi per ferie: e i tamponi chi li fa?
Anche chi lavora nel sanitario ha diritto alle ferie, ma c'è ora carenza di personale per effettuare i tamponi richiesti
LIBANO
5 ore
«È come se volessero che morissimo»
Gli investigatori hanno posto agli arresti domiciliari vari membri delle autorità portuali.
GERMANIA
6 ore
Lufthansa sempre più giù: persi altri 1,5 miliardi
Per un totale di 3,6 miliardi nella prima metà dell'anno e malgrado le misure di risparmio. A rischio 22'000 posti
FOTO
LIBANO
7 ore
Beirut dal cielo: prima e dopo l'esplosione
L'epicentro del disastro osservato dall'occhio del satellite. Ecco tutte le foto
VIDEO
LIBANO
8 ore
Beirut: l'esplosione investe la sala travaglio, ma il piccolo George sta bene
Il bimbo è nato un'ora e mezza dopo la deflagrazione che ha sconquassato la città: «La mamma era coperta di vetri».
INDIA
8 ore
Incendio nel reparto Covid, otto morti
I pompieri hanno tratto in salvo altri 40 ammalati
IRLANDA
8 ore
TikTok apre il suo primo centro di raccolta dati in Europa
Finora tutto - compresi video e messaggi - veniva archiviato negli Usa e in backup a Singapore
VIDEO
LIBANO
9 ore
Beirut, i morti sono almeno 137
Stanno arrivando in Libano i primi contingenti internazionali con aiuti, personale tecnico e medico
GIAPPONE
10 ore
Il ricordo del Giappone a 75 anni dalla bomba atomica
Cerimonia in forma ridotta causa Covid-19, ma non mancano gli hibakusha, i sopravvissuti al disastro
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile