Dal Mondo
05.10.04 - 14:160
Aggiornamento : 13.10.14 - 13:48

Nobel: fisica; Altarelli (Cern), teoria base grandi acceleratori

ROMA - Uno strumento di lavoro indispensabile alla fisica delle particelle: è soprattutto questo la teoria delle interazioni forti formulata dai tre fisici americani premiati oggi con il Nobel. Sulla base di quella teoria, per esempio, funzionerà il Large Hadron Colider (LHC), il più grande acceleratore di particelle mai realizzato, in costruzione presso il Centro europeo di ricerche nucleari (CERN) di Ginevra e che entrerà in attività dal 2007.

"L'LHC è una macchina interamente fondata sulla teoria delle interazioni forti", ha osservato il direttore dell'Unità di Fisica teoria del CERN, Guido Altarelli. Sarà quindi grazie alla teoria formulata dai tre Nobel che macchine come l'LHC permetteranno di esplorare quella che i ricercatori chiamano la "nuova fisica", quella che studierà fenomeni ancora misteriosi, come la materia oscura e l'energia oscura: nonostante l'universo sia composto per la maggior parte da questi elementi (la materia visibile è solo una piccolissima parte), nessuno ne conosce ancora la natura.

Sempre al CERN, ha proseguito Altarelli, è stata verificata sperimentalmente la teoria delle interazioni forti. Il banco di prova era stato il LEP (Large Electron-Positron Collider), il primo grande acceleratore di particelle andato recentemente in pensione.

Il grande contributo dei tre fisici americani, ha proseguito Altarelli, è stata la formulazione della teoria delle interazioni forti, quelle che tengono uniti i componenti del nucleo degli atomi (protoni e neutroni), in particolare i quark. "La loro teoria - ha osservato - ha scoperto e dimostrato le proprietà fondamentali di queste interazioni".

La teoria ha spiegato, per esempio, perchè i nuclei sono ben legati al loro interno, mentre all'interno del protone i quark sembrano muoversi liberamente. In altre parole, i tre fisici hanno spiegato perchè "l'intensità delle forze si riduce quando le distanze sono molto piccole". È la cosiddetta cromodinamica quantistica: un campo di ricerca che non ha nulla a che vedere con i colori dell'ottica, ma chiamato così in riferimento alle otto cariche che prendono il nome dai tre colori che descrivono i quark: rossi, gialli e blu.



ATS
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora

Huawei svela il Mate 30, il primo telefono colpito dal bando di Trump

Lo smartphone, che incorpora tecnologie tra le più avanzate sul mercato, sul mercato rischia di arrivare monco

FOTO E VIDEO
FRANCIA
2 ore

Una pantera a spasso per i tetti di una cittadina francese

Sorpresa (e un po' di spavento) fra la popolazione di Armentières per la misteriosa apparizione del felino che è stato poi narcotizzato

STATI UNITI
6 ore

La Marina Usa conferma: «Ci sono stati fenomeni volanti non identificati»

Riferendosi a tre avvistamenti misteriosi avvenuti fra il 2017 e il 2018 e diventati virali su YouTube fra gli ufofili, è la prima ammissione di questo tipo

REGNO UNITO
9 ore

Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta

In caso contrario, assicura il premier finlandese che ricopre la presidenza di turno dell'Ue, «è tutto finito»

STATI UNITI
11 ore

16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire

La sorella della vittima: «Era una persona che avrebbe aiutato chiunque e nessuno lo ha aiutato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile