Dal Mondo
26.11.02 - 19:170
Aggiornamento : 13.10.14 - 13:47

Successione Dreifuss: Verdi e liberali per libertà di voto, l´UDC non sentirà nessuno

BERNA - Dopo le audizioni da parte dei gruppi PPD e PLR alle Camere federali, le due candidate ufficiali al Consiglio federale sono state sentite anche da Verdi e liberali, i quali si sono detti soddisfatti per la buona preparazione delle due socialiste che corrono per la successione di Ruth Dreifuss. Le due formazioni lasceranno quindi ai loro affiliati libertà di voto per il 4 dicembre prossimo, quando si conoscerà il nome della nuova consigliera federale.

Per i Verdi sia Micheline Calmy-Rey che Ruth Lüthi sono candidate valide, ha detto la copresidente Ruth Genner (ZH). Anche il gruppo liberale, che ha sentito le due Ps ma anche il candidato selvaggio UDC Toni Bortoluzzi, non dà indicazioni di voto. Lo zurighese non ha impressionato granché, hanno affermato i liberali, che però gli riconoscono buone qualità umane.

Il gruppo UDC non sentirà nessuna delle due candidate socialiste. Sosterrà il proprio candidato, il consigliere nazionale Bortoluzzi.



ATS

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
38 min

Dal locale sotto casa arrivano troppi schiamazzi: 83enne scende e spara

L'uomo ha esploso cinque colpi. Morto il titolare dell'esercizio pubblico. Due persone in prognosi riservata

VIDEO
ARGENTINA
3 ore

Blackout gigantesco: Argentina e Uruguay senza elettricità

La panne interessa quasi 50 milioni di persone e durerà ancora «alcune ore» Secondo la Bbc anche parti di Brasile e Paraguay sarebbero interessate

MONDO
4 ore

Oro e platino "regalati" alla Terra da una supernova

Lo indica la simulazione condotta con l'aiuto di supercomputer e che risolve il mistero sull'origine di questi elementi

CINA
7 ore

Hong Kong: «in marcia sono più di un milione». Cori contro la governatrice

Nonostante l'annuncio sulla sospensione della discussione, gli attivisti chiedono il ritiro del provvedimento

INDIA
8 ore

L'India vara nuovi dazi su 28 prodotti americani

Le misure sono una risposta al rifiuto di Washington di esentare il Paese da tasse più alte su acciaio e alluminio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report