Dal Mondo
19.06.02 - 12:050
Aggiornamento : 13.10.14 - 13:47

COMO: “Chiudete quel bar: E’ un ricettacolo di drogati”

I residenti di Via Borgovico ancora contro il “Frigerio”. E intanto la Polizia svizzera ha sequestrato a Brogeda venti chili di eroina

COMO - Firme, tante contro il bar della droga al Borgovico. I residenti di quella che risulta essere una delle strade piì malfamate della città, soprattutto negli orari notturni, dicono basta e chiedono per iscritto un intervento di “pulizia”. Sono quelli che abitano nel primo tratto della via, quello che da Piazzale S. Rocchetto, per intenderci, porta verso la Stazione San Giovanni attraversando una sorta di budello di case. Qui, nella parte più vicina a S. Rocchetto, il degrado sociale dettato dalla presenza di certe ghigne continua da anni a preoccupare gli abitanti che in questi giorni hanno fatto giungere al neo eletto Sindaco Stefano Bruni, al Questore di Como, Oronzo Scoletta, a Carabinieri, Polizia, Vigili, una petizione sottoscritta da una ventina di famiglie che puntano il dito soprattutto contro il “Bar Frigerio”, un esercizio pubblico di infima categoria che, a detta dei residenti e di chi ha “l’occhio lungo” frequentato da tossicodipendenti. Almeno tali sembrano essere quelli che campeggiano con buonissima dose di maleducazione fino a notte fonda sbraitando come un pollo in fase di sgozzamento. Ovviamente con buona pace del sonno di chi lavora. E sono proprio i residenti di quel tratto di via Borgovico a definire “Frigerio” un vero e proprio “ricettacolo”. Qualche critica per la maleducazione della clientela viene sollevata anche nei confronti della vicina “In Birreria” aperta fino a tarda ora. Ma mai come contro il barettino che sta in una sorta di angoluccio dove passando da dietro si entra, fra l’altro, dal retro dell’albergo Sole, quello chiuso (e anche dichiarato fallito) per intervento della Guardia di Finanza in quanto pare fosse un alberghetto dove far alloggiare i clandestini in attesa di far loro varcare il confine. se poi contiamo che poco distante, ma siamo già nella zona di Piazzale Somaini, dello stadio, vi è un giro vizioso di omossuali che con le loro auto girano in tondo lungo le viette attigue si può immaginare che “bell’ambiente”. Ma torniamo al bar. Scrivono i residenti: “Un abituale ritrovo di pregiudicati, di drogati, di clandestini e dove si verificano spesso tumulti e accese discussioni: una situazione di grave disagio e pericolo per gli abitanti”. Già un paio di anni fa il “Frigerio” proprio per questa situazione di degrado era stato oggetto di un provvedimento di chiusura temporanea ma pare che la lezione non sia servita. Nella petizione i residenti prendono posizione anche sull’altro locale pubblico, “IN Birreria”: “I suoi avventori - si legge nella petizione - sono persone ‘normalissime’, ben distanti dal ‘giro’ dell’altro locale. Tuttavia peccano di buona educazione quando escono e stanno in strada a schiamazzare fino alle tre di notte perché il Comune ha dato possibilità di tener fuori i tavolini sino a quell’ora. Ma anche dopo la chiusura, essendo i tavolini fissi, la gente si ferma ancora. Almeno prima i tavolini erano pieghevoli e venivano messi al chiuso”.

di Bob Decker

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
51 min

Walmart ferma la vendita di sigarette elettroniche

La decisione arriva nel mezzo di quella che viene considerata una vera e propria emergenza negli Stati Uniti, dopo otto decessi per complicazioni polmonari legati all'uso della e-cig

FOTO
STATI UNITI
1 ora

Almeno 4 morti nell'incidente di un bus turistico

Molti sarebbero i feriti in gravi condizioni

FRANCIA
4 ore

Shock in Francia, malati di Alzheimer usati come cavie

Sconcerto Oltralpe per la scoperta di sperimentazioni cliniche "selvagge" realizzate da medici privi di scrupoli in un'abbazia nei pressi di Poitiers

STATI UNITI
5 ore

Colt sospende la produzione di fucili AR-15 per i civili

Si concentrerà sull'adempimento solo dei contratti con l'esercito e le forze dell'ordine

STATI UNITI
9 ore

Area 51, è il giorno dell'invasione

L'evento-scherzo è stato annullato, ma qualcuno ci andrà. Su Facebook Matty Roberts aveva scritto: «Se corriamo come Naruto possiamo muoverci più velocemente delle loro pallottole»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile